Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Fd'A
  • Visite: 6702

Di delusioni e attese tradite: ancora sul film dell’Uomo Ragno

spider man filmdi Alessandro Bottero

Un editoriale? No. Una precisazione, o meglio  "il punto di vista del direttore su un caso specifico" o meglio ancora "un corsivo".

Era il 1984. Il giovane Alessandro Bottero, divoratore implacabile di fantascienza, va a vedere il film di Dune. Il giovane Alessandro Bottero ha divorato i libri di Herbert. Ha anche il cofanetto della editrice Nord, con i primi cinque romanzi (gli altri che verranno dopo sono solo divertenti, ma i primi cinque sono il vangelo di Paul Muad’Dib), e vuole vedere finalmente Dune in tutta la sua magnificenza sul grande schermo.

Risultato?

Delusione totale, ma anche una rivelazione folgorante: un conto sono i libri/fumetti, un altro i film da loro tratti.

Possono avere lo stesso nome, ma sono cose diverse, e aspettarsi di trovare sullo schermo quello che hai letto è sbagliato.

Da quel momento in poi tutto è stato chiaro per il giovane Alessandro, e mai più ha commesso il grande sbaglio concettuale di porre a confronto libro/fumetto e film, per stabilire l’ipotetica “aderenza” del secondo al primo.

Nel film di Daredevil Kingpin è negro, e nel fumetto no? Sono due opere diverse

Nella trilogia de Il Signore degli Anelli Tom Bombabil è un personaggio importante, e nei film manca del tutto? Sono due opere diverse.

L’ultimo film dell’Uomo Ragno è diverso dai fumetti? Sono due opere diverse.

Chi critica un film dicendo “il fumetto originario è diverso! Hanno tradito i CAPISALDI del personaggio del fumetto!”, sbaglia. Questo è un film. Quello è un fumetto. Opere diverse. Cose diverse. Pubblici diversi. Fruizioni diverse.

P.S: Un’ultima cosa per chi contesta il diritto all’evasione “mi siedo, e per un paio d’ore evado e mi diverto”.

Chi si oppone con tutte le proprie forze alle evasioni altrui?

I carcerieri.

Meditate gente, meditate.

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:64 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:613 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:618 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:632 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:913 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10692 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto