Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Jonathan Lethem: "Perché amo Batman"

[30/08/2012] » Lo scrittore confessa a "Rolling Stone" la sua passione per il Cavaliere Oscuro.

da La Stampa

New York - Lo scrittore di «La fortezza della solitudine» confessa a Rolling Stone (in edicola oggi) il suo amore per Batman, il cui terzo film arriva pure oggi in sala.
 
di Jonathan Lethem

Il primo supereroe che ho amato è stato Batman. Il primo disegno che ho provato a fare è stato sempre Batman (...). Non l’ho mai abbandonato, anzi, è come se la sua sagoma contenesse tutte quelle curiosità che mi avrebbero catturato in seguito; è come se la sua sagoma contenesse tutto me stesso. Forse Batman resiste perché ha un bel nome e una bella maschera, un costume che non lo fa sembrare un clown. E perché non ha superpoteri. È quello meno toccato dall’assurdità della categoria a cui appartiene, e a quella categoria senza speranza offre qualche possibilità. Superman indossa un pigiamino da bambini, mentre Batman veste una versione atletica di abito e soprabito. È l’unico supereroe completamente umano (...).

Ha l’immagine di un magnifico Philip Marlowe, un’altra figura solitaria, un cavaliere metropolitano guidato dal proprio codice. E porta con sé le stigmate di un trauma, una ferita del passato, proprio come quel detective, il cui trauma è rappresentato dal trench che indossa: un cappotto da trincea. La trincea di una guerra. Il detective con indosso il trench è un veterano della I Guerra Mondiale. Batman, invece, è il veterano di una guerra segreta interiore, ferito in un modo tale che nessun civile potrebbe mai comprendere appieno.

Ed ecco un altro semplice aspetto del suo fascino duraturo: Batman ha a che fare con una galleria di criminali più interessante di qualsiasi altro eroe. È il nemico a forgiare l’eroe, ed è proprio questo il caso di Batman. Naturalmente, il suo più grande nemico è Joker. E tante delle sue nemesi - quelli che tirano in aria la monetina, o gli uccelli che non volano - ripropongono la stessa euforia snervante di Joker. A livello più profondo, il vero nemico di Batman è lo scherzo in sé, la risata, lo sberleffo. È l’opposto del divertimento, anche se lui stesso nasce all’interno di un fumetto (comic book, in originale, ndr). Batman esprime austerità, rigida risoluzione, minacciate di continuo da loquacità, malizia ed esuberanza. Fa appello direttamente alla nostra serietà. (...)

Inoltre, Batman è dark. Il pallore insostenibile, l’isolamento tipico del vendicatore, i legami con i cultori degli animali, il fatto che occupi Gotham City. È il punto di unione tra la figura del supereroe e quella dei morti viventi: vampiri, lupi mannari, fantasmi. All’ombra della legittimità di Batman, aleggia un Dracula americanizzato un essere notturno, sotterraneo, seduttore. Nell’identità segreta di Batman c’è più di una traccia dell’immagine europea decadente del mostro aristocratico. E più prendiamo seriamente Bruce Wayne, più è probabile che rifiutiamo questo rappresentante dell’1% ricco e rabbioso che perpetua il suo ciclo di abusi. Bruce Wayne non ha nulla a che spartire con la profonda povertà esistenziale di Batman. È meglio credere che la vera identità sia proprio quella di Batman. Bruce Wayne ne è solo un pezzetto residuo. È Batman che continua a fingere di essere Bruce Wayne.

batman-contro-bane

Nell'immagine una foto di scena del terzo film di Batman che ritrae il cavaliere oscuro contro Bane, il villain del terzo capitolo della saga dell'uomo pipistrello.

Magazine

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:431 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1445 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1295 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1650 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1627 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1618 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:2099 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto