Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Jonathan Lethem: "Perché amo Batman"

[30/08/2012] » Lo scrittore confessa a "Rolling Stone" la sua passione per il Cavaliere Oscuro.

da La Stampa

New York - Lo scrittore di «La fortezza della solitudine» confessa a Rolling Stone (in edicola oggi) il suo amore per Batman, il cui terzo film arriva pure oggi in sala.
 
di Jonathan Lethem

Il primo supereroe che ho amato è stato Batman. Il primo disegno che ho provato a fare è stato sempre Batman (...). Non l’ho mai abbandonato, anzi, è come se la sua sagoma contenesse tutte quelle curiosità che mi avrebbero catturato in seguito; è come se la sua sagoma contenesse tutto me stesso. Forse Batman resiste perché ha un bel nome e una bella maschera, un costume che non lo fa sembrare un clown. E perché non ha superpoteri. È quello meno toccato dall’assurdità della categoria a cui appartiene, e a quella categoria senza speranza offre qualche possibilità. Superman indossa un pigiamino da bambini, mentre Batman veste una versione atletica di abito e soprabito. È l’unico supereroe completamente umano (...).

Ha l’immagine di un magnifico Philip Marlowe, un’altra figura solitaria, un cavaliere metropolitano guidato dal proprio codice. E porta con sé le stigmate di un trauma, una ferita del passato, proprio come quel detective, il cui trauma è rappresentato dal trench che indossa: un cappotto da trincea. La trincea di una guerra. Il detective con indosso il trench è un veterano della I Guerra Mondiale. Batman, invece, è il veterano di una guerra segreta interiore, ferito in un modo tale che nessun civile potrebbe mai comprendere appieno.

Ed ecco un altro semplice aspetto del suo fascino duraturo: Batman ha a che fare con una galleria di criminali più interessante di qualsiasi altro eroe. È il nemico a forgiare l’eroe, ed è proprio questo il caso di Batman. Naturalmente, il suo più grande nemico è Joker. E tante delle sue nemesi - quelli che tirano in aria la monetina, o gli uccelli che non volano - ripropongono la stessa euforia snervante di Joker. A livello più profondo, il vero nemico di Batman è lo scherzo in sé, la risata, lo sberleffo. È l’opposto del divertimento, anche se lui stesso nasce all’interno di un fumetto (comic book, in originale, ndr). Batman esprime austerità, rigida risoluzione, minacciate di continuo da loquacità, malizia ed esuberanza. Fa appello direttamente alla nostra serietà. (...)

Inoltre, Batman è dark. Il pallore insostenibile, l’isolamento tipico del vendicatore, i legami con i cultori degli animali, il fatto che occupi Gotham City. È il punto di unione tra la figura del supereroe e quella dei morti viventi: vampiri, lupi mannari, fantasmi. All’ombra della legittimità di Batman, aleggia un Dracula americanizzato un essere notturno, sotterraneo, seduttore. Nell’identità segreta di Batman c’è più di una traccia dell’immagine europea decadente del mostro aristocratico. E più prendiamo seriamente Bruce Wayne, più è probabile che rifiutiamo questo rappresentante dell’1% ricco e rabbioso che perpetua il suo ciclo di abusi. Bruce Wayne non ha nulla a che spartire con la profonda povertà esistenziale di Batman. È meglio credere che la vera identità sia proprio quella di Batman. Bruce Wayne ne è solo un pezzetto residuo. È Batman che continua a fingere di essere Bruce Wayne.

batman-contro-bane

Nell'immagine una foto di scena del terzo film di Batman che ritrae il cavaliere oscuro contro Bane, il villain del terzo capitolo della saga dell'uomo pipistrello.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:11 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11514 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:655 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1046 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1201 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1380 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto