Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Dal Mondo
  • Visite: 6630

Terremoto in Emilia » inaugurata la prima Bibliotenda di Mirandola “Un libro per viaggiare”

terremoto emilia[31/07/2012] » Nella Bibliotenda, anche Zannablù per divertire gli abitanti del Campo Piemonte 2.

Grazie al generoso contributo di Dentiblù e molti altri editori, martedì 17 luglio, alle ore 15.30 è stata inaugurata la prima Bibliotenda presso il Campo Piemonte 2 di Mirandola (MO), uno tra i comuni maggiormente colpiti dal terremoto. La Bibliotenda sarà gestita da alcune ragazze residenti nel Campo, così da rendere maggiormente partecipi i diretti fruitori.

Il progetto è stato ideato dall’associazione di volontariato Tutti a Bordo e prevede l’allestimento di una Bibliotenda in ognuno delle 4 tendopoli, che ospitano in totale oltre 3.000 persone.

Dentiblù ha sostenuto l’iniziativa inviando tutti gli albi delle avventure di Zannablù, simpatico e goffo cinghiale dalle lunghe zanne blu, più 35 copie dell’albo Harry Porker, divertente parodia suina del noto maghetto, da regalare ai bambini delle tendopoli. Tra gli albi donati, “Harry Porker …e il segreto della besciamella”, “Zannablù e i Mayali dell’Aporcalisse” e “Spider-Mad: L’incredibile Uomo Grugno”.

“Bibliotenda è il neologismo coniato da Tutti a bordo per rendere l'idea di qualcosa di speciale che ha preso vita dopo il sisma, nome che accomunerà il progetto di una biblioteca interna ad ogni Campo. – Ha dichiarato Elena Calanca, Presidente dell’associazione Tutti a Bordo. - A questo abbiamo deciso di far seguire un nome che possa, invece, identificare ogni singolo Campo, proponendo ai ragazzi di idearne loro stessi nome e logo, una proposta accolta con grande entusiasmo. Dall’impegno dei ragazzi del Campo Piemonte 2 è nato il nome "Un libro per viaggiare", che denota uno sguardo tutto sommato positivo verso il futuro. In fondo questa è l’idea alla base dell’intero progetto: consentire agli abitanti del campo di evadere attraverso la lettura”.

“La prima cosa che viene da pensare di fronte a terribili disastri come il terremoto che ha colpito l’Emilia è "cosa posso fare io?" – Ha dichiarato Stefano Bonfanti, fondatore della casa editrice Dentiblù e autore delle storie di Zannablù. - Non sono un medico, non sono un ingegnere, non ho una faccia famosa da spendere per lanciare appelli... eppure, da più di dieci anni, in coppia artistica e non solo con Barbara Barbieri, credo di saper fare qualcosa che i nostri lettori non mancano di confermarci: far sorridere. Zannablù è una serie a fumetti, ma per i suoi lettori è anche un attimo di spensieratezza e leggerezza, un breve momento di fuga dai problemi di tutti i giorni. E chissà se in un periodo così pesante e oscuro come quello che sta vivendo chi ha perso tutto nel terremoto, riusciamo magari a creare un po' di distrazione e ilarità?”

Dentiblù è illustrazioni, disegno di fumetti, storyboard, character design, una fucina di idee creative, scrittura creativa, storie per fumetti, libri, progettazione di giocattoli e giochi, ma anche realizzazione di contenuti multimediali e per web. E’ una casa editrice giovane, innovativa, che si sta imponendo nello scenario dell’editoria a fumetti italiana, anche acquisendo diritti di pubblicazioni internazionali di successo.

L’associazione di volontariato Tutti a Bordo opera nel comune di Mirandola (Mo) e nei territori limitrofi. Offre servizi rivolti all’infanzia e alla famiglia, come attività di lettura per bambini e ragazzi e laboratori creativi per adulti. Tra i progetti dell’associazione, “Nati per leggere”, realizzato in collaborazione con la biblioteca comunale di Mirandola.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:329 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6630 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:411 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:763 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:723 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:927 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto