Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Terremoto in Emilia » inaugurata la prima Bibliotenda di Mirandola “Un libro per viaggiare”

terremoto emilia[31/07/2012] » Nella Bibliotenda, anche Zannablù per divertire gli abitanti del Campo Piemonte 2.

Grazie al generoso contributo di Dentiblù e molti altri editori, martedì 17 luglio, alle ore 15.30 è stata inaugurata la prima Bibliotenda presso il Campo Piemonte 2 di Mirandola (MO), uno tra i comuni maggiormente colpiti dal terremoto. La Bibliotenda sarà gestita da alcune ragazze residenti nel Campo, così da rendere maggiormente partecipi i diretti fruitori.

Il progetto è stato ideato dall’associazione di volontariato Tutti a Bordo e prevede l’allestimento di una Bibliotenda in ognuno delle 4 tendopoli, che ospitano in totale oltre 3.000 persone.

Dentiblù ha sostenuto l’iniziativa inviando tutti gli albi delle avventure di Zannablù, simpatico e goffo cinghiale dalle lunghe zanne blu, più 35 copie dell’albo Harry Porker, divertente parodia suina del noto maghetto, da regalare ai bambini delle tendopoli. Tra gli albi donati, “Harry Porker …e il segreto della besciamella”, “Zannablù e i Mayali dell’Aporcalisse” e “Spider-Mad: L’incredibile Uomo Grugno”.

“Bibliotenda è il neologismo coniato da Tutti a bordo per rendere l'idea di qualcosa di speciale che ha preso vita dopo il sisma, nome che accomunerà il progetto di una biblioteca interna ad ogni Campo. – Ha dichiarato Elena Calanca, Presidente dell’associazione Tutti a Bordo. - A questo abbiamo deciso di far seguire un nome che possa, invece, identificare ogni singolo Campo, proponendo ai ragazzi di idearne loro stessi nome e logo, una proposta accolta con grande entusiasmo. Dall’impegno dei ragazzi del Campo Piemonte 2 è nato il nome "Un libro per viaggiare", che denota uno sguardo tutto sommato positivo verso il futuro. In fondo questa è l’idea alla base dell’intero progetto: consentire agli abitanti del campo di evadere attraverso la lettura”.

“La prima cosa che viene da pensare di fronte a terribili disastri come il terremoto che ha colpito l’Emilia è "cosa posso fare io?" – Ha dichiarato Stefano Bonfanti, fondatore della casa editrice Dentiblù e autore delle storie di Zannablù. - Non sono un medico, non sono un ingegnere, non ho una faccia famosa da spendere per lanciare appelli... eppure, da più di dieci anni, in coppia artistica e non solo con Barbara Barbieri, credo di saper fare qualcosa che i nostri lettori non mancano di confermarci: far sorridere. Zannablù è una serie a fumetti, ma per i suoi lettori è anche un attimo di spensieratezza e leggerezza, un breve momento di fuga dai problemi di tutti i giorni. E chissà se in un periodo così pesante e oscuro come quello che sta vivendo chi ha perso tutto nel terremoto, riusciamo magari a creare un po' di distrazione e ilarità?”

Dentiblù è illustrazioni, disegno di fumetti, storyboard, character design, una fucina di idee creative, scrittura creativa, storie per fumetti, libri, progettazione di giocattoli e giochi, ma anche realizzazione di contenuti multimediali e per web. E’ una casa editrice giovane, innovativa, che si sta imponendo nello scenario dell’editoria a fumetti italiana, anche acquisendo diritti di pubblicazioni internazionali di successo.

L’associazione di volontariato Tutti a Bordo opera nel comune di Mirandola (Mo) e nei territori limitrofi. Offre servizi rivolti all’infanzia e alla famiglia, come attività di lettura per bambini e ragazzi e laboratori creativi per adulti. Tra i progetti dell’associazione, “Nati per leggere”, realizzato in collaborazione con la biblioteca comunale di Mirandola.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:554 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11633 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:713 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1088 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1237 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1437 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto