Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Non c'è pace senza giustizia: leggere fumetti non impedisce di pensare al mondo esterno

noncepacesenzagiustizia[06/04/2011] » Firma anche tu per la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili

di Alessandro Bottero

Chi legge fumetti non vive in una torre d'avorio. non può e non deve. Chi legge fumetti DEVE confrontarsi col mondo di tutti i giorni. il mondo dove non ci sono supereroi che risolvono le cose, e dove spesso chi è un bastardo la fa franca, perché le persone per bene non si impegnano a sufficenza.
Beh, a rischio di sembrare trucidi, massimalisti, faciloni e tutti gli altri aggettivi che i nostri amati sostenitori vorrano regalarci ancora una volta torniamo a parlare della proposta di petizione per la messa al bando delle mutilazioni genitali femminili.
le mutilazioni genitali femminili, ossia la pratica che alcune sedicenti "civiltà" dell'area mediorientale ed africana utilizzano per tagliare il clitoride alle bambine in età preadolescenziale, così da "eliminarne od attenuarne la spinta sessuale in età matura", per avere delle donne sottomesse al ruolo dominante del maschio, è una barbarie, che non ha nessuna giustificazione igenica, sociologica od antropologica.
Ci sono cose che sono sbagliate e basta, con tanti saluti al politically correct e al "rispetto per ogni cultura".
Io rispetto le culture, ma una società che giustifica il tagliare il clitoride a una bambina non è una cultura. è una vergogna, e va combattuta a fondo, senza sciocchi sofismi pseudo-intellettualoidi.
E se qualcuno mi trova eccessivo, o poco disposto al dialogo interculturale, me ne farò una ragione.
Intanto vi suggerisco di andare al link e firmare la petizione.
O volete che pensi che secondo voi le mutilazioni genitali femminili sono giustificate?

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:64 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:613 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:618 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:632 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:913 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10692 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto