Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Sergio Bonelli: «Non ho mai avuto rapporti col Trivulzio»

tex0459[20/02/2010] » Presunta nuova Affittopoli milanese: per Sergio Bonelli e il suo legale è un caso di omonimia  quello che vede indicato l'editore come locatario di un appartamento al centro di Milano, di proprietà della Baggina e in affitto a prezzo ribassato.

Come vi avevamo riportato ieri, nell'ambito nuova presunta Affittopoli milanese, tra gli inquilini "vip" del Pio Albergo Trivulzio, che i milanesi chiamano anche Baggina, era uscito fuori anche il nome di Sergio Bonelli che paga per 82 metri quadri di abitazione in via Alfieri poco più di 600 euro al mese.

Nella giornata di ieri Sergio Bonelli, editore di Tex e numero uno dell'editoria italiana a fumetti, ha prima dichiarato: «Non ho mai avuto rapporti col Trivulzio, è una situazione da chiarire» precisando poi di non avere mai abitato in una casa della Baggina e spiegando che si tratta di un caso di omonimia

Successivamente, sulla faccenda è intervenuto anche l'avvocato Giovanni Beretta, legale di Bonelli, che ha dichiarato: «Molti quotidiani pubblicati oggi sabato 19 febbraio identificano ancora nell'editore Sergio Bonelli quel Sergio Bonelli che nella lista del Pio Albergo Trivulzio risulta essere conduttore dell'immobile sito in Milano, via Alfieri n. 17. L'editore Sergio Bonelli, mio tramite, ribadisce di non aver mai stipulato alcun contratto per nessun immobile con il Pio Albergo Trivulzio e che qui ci si trova di fronte ad un evidente caso di omonimia, come ciascuno potrà facilmente constatare confrontando i dati anagrafici del mio assistito - nato a Milano il 2.12.1932 - con quelli del signor Sergio Bonelli sottoscrittore del contratto di locazione nonché conduttore dell'appartamento sito in Milano, via Alfieri n. 17».

Nell'elenco degli affittuari della Baggina, pubblicato on line anche da LaRepubblica.it,  non sono presenti però i dati anagrafici dei locatari.

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:64 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:613 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:618 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:632 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:913 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10692 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto