Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Coconino Press: arriva "The Death Ray"

death-ray[17/04/2012] » In libreria il nuovo fumetto di Daniel Clowes: una brillante parodia dei fumetti di supereroi, un romanzo comico, amaro, struggente sull'adolescenza.

Riceviamo e pubblichiamo.

Cosa succede se un ragazzino entra in possesso del “Raggio della morte”? In libreria il nuovo graphic novel di Daniel Clowes: una brillante parodia dei fumetti di supereroi, un romanzo comico, amaro, struggente sull'adolescenza.

Una brillante parodia dell'icona del supereroe. Un omaggio affettuoso, colorato e ironico ai classici protagonisti mascherati dei comic books americani. Un surreale romanzo di formazione sull'adolescenza e le sue inquietudini, ma anche una riflessione sul tema della giustizia. Tutti questi temi, ancora prima di noti film come Wanted e Kick-Ass, erano presenti in The Death-Ray, il graphic novel del maestro del fumetto americano Daniel Clowes che Coconino Press pubblica ora per la prima volta in Italia in una prestigiosa veste deluxe, nella collana Zelda, con copertina cartonata e dorso in tela.
Con The Death-Ray Clowes gioca a rovesciare il mito popolare per eccellenza, quello dell'uomo qualunque che acquista superpoteri, e con essi le inevitabili grandi responsabilità. Nella storia è Andy, adolescente orfano, solitario e un po' sfigato, a ritrovarsi di colpo dotato di superforza e di una pistola da b-movie di fantascienza, che spara il “Raggio della morte” che dà il titolo al libro. Non è colpa di un incidente radioattivo o di uno scienziato pazzo, ma di una semplice sigaretta: è la nicotina ad innescare gli straordinari poteri di Andy, che da bravo supereroe assume costume e identità segreta e, con l'amico Louie come spalla, si mette in cerca di supercriminali da combattere in nome della Giustizia. Non ne troverà molti, però: solo piccoli prepotenti, ladruncoli e bulli di quartiere sullo sfondo di un'ordinaria periferia americana.
Clowes si diverte a sovvertire il genere, in chiave minimalista e pessimista, ma con ironia pop e qualche allusione alla politica della superpotenza Usa, e senza i toni cupi di opere celebri come Watchmen. Il suo “eroe” diventa così protagonista di piccole vendette personali, piuttosto che di nobili imprese in nome del Bene. E i superpoteri non gli risparmiano tutti i tormenti e le alienazioni dell'adolescenza, la costante sensazione di essere “fuori posto” e inadeguato alle sfide della vita.
Pubblicato in origine come ultimo numero del comic book Eightball, The Death Ray è un gioiello di divertenti citazioni (dall'Uomo Ragno di Steve Ditko – influenza dichiarata dallo stesso Clowes - ai colori sgargianti del camp anni '60), e insieme una tragicomica riflessione, in puro stile Clowes, su debolezze e miserie dell'umanità.

Come è successo per il celebre “Ghost World” dello stesso Clowes, anche “The Death Ray” diventerà un film: l'autore sta lavorando alla sceneggiatura di un adattamento cinematografico del fumetto che dovrebbe vedere alla regia Chris Milk (autore di video per U2, Green Day, Arcade Fire).

“La storia di un teenager con un grande potere, il dito sul grilletto e nessuna risolutezza morale per controllarsi: la metafora perfetta per l'America degli anni di Bush” - Indy Magazine

“Un graphic novel dolce e amaro che dimostra un genuino affetto per il fumetto, e al tempo stesso la decisa volontà di decostruirlo” _ The Observer

L'AUTORE
Nato a Chicago, Daniel Clowes è uno dei più acclamati autori internazionali del graphic novel (“Caricature”, “David Boring”, “Come un guanto di velluto forgiato nel ferro”, “Ice Haven” e “Wilson” tra i suoi titoli). Con “Ghost World” ha tracciato il ritratto dei confusi, cinici, spaesati teenager americani della “Generazione X”. Un romanzo di formazione a fumetti che il regista Terry Zwigoff ha trasformato nel 2001 in un film di culto, con la sceneggiatura dello stesso Clowes candidata all'Oscar.

Daniel Clowes
The Death-Ray

Autore: Daniel Clowes
Titolo: The Death-Ray
Editore: Coconino Press - Fandango
Collana: Zelda
Numero pagine: 56, colore
Prezzo: 22 euro
Uscita: Aprile 2012
ISBN: 9788876182013

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:553 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:586 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:873 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10542 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:933 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto