Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Airboy: la "Golden Age" che ritorna e parla anche un po' italiano

airboy-goldenage[17/02/2012] » Gianluca Piredda, insieme a Chuck Dixon e Ben Dunn firma la nuova incarnazione dello storico personaggio dell'età dell'oro del fumetto americano.

Francesco Greco per Il Giornale di Puglia

«La “Golden Age” del fumetto Usa passa per l’Italia. Precisamente per la penna di Gianluca Piredda, giornalista e scrittore, sulla scena del mondo editoriale da oltre 20 anni. Ecco il background in anteprima. L’Anctartic Press, che da oltre un quarto di secolo è uno degli editori più attivi sul mercato americano, ha annunciato l’uscita di una serie di “Airboy”, personaggio della “Golden Age” nato nel 1941. Spiega Piredda: “La Golden Age è il periodo d’oro del fumetto Usa, durò circa un ventennio, dalla seconda metà degli anni ’30 alla seconda metà degli anni ‘50”.

Per riproporre “Airboy” gli americani hanno puntato su un tris di autori di fama mondiale. Le storie sono scritte a quattro mani. Portano le firme di Chuck Dixon, noto agli appassionati per averlo rilanciato nel 1986 dopo un periodo di sosta, ma soprattutto per aver ridato freschezza a un altro personaggio molto popolare: Batman. Dixon firma anche “G I Joe” e “Transformers”. Accanto a questa celebrità gli americani hanno chiamato appunto l’italiano Piredda, che negli Usa e nel mondo da oltre 10 anni è conosciuto e apprezzato per “Winds of Winter”, una grafic novel fantasy che presto diventerà una serie per il mercato britannico, “Free Fall”, che la critica Usa definisce “il prototipo del thriller del XXI secolo”, “Areala”, il personaggio che ha avuto più successo all’Antarctic Press e oltre a questo firma anche “Ninja High School”; inoltre ha ideato “Magaverse”, la versione manga del fumetto Marvel.

Ben Dunn è il disegnatore-creatore della storia detta “mangaricano”, ovvero lo stile che ibrida il disegno giapponese col tratto americano, è trendy per le nuove generazioni e ha influenzato molti brand. “Airboy: Deadeye” sarà pronto per aprile. E’ composto da 5 storie, che poi finiranno in un unico volume. “E’ ambientata nel Giappone post-bellico”, chiarisce meglio Piredda, contento di lavorare con i grandi del fumetto Usa. La miniserie sarà distribuita in tutti i paesi di lingua inglese. Ma avrà altre edizioni, forse anche in Italia. Dixon e Piredda, che lavorano in team anche ad altri progetti, hanno intenzione di non abbandonare “Airboy”, e stanno lavorando anche a un’idea che sarà lanciata sul mercato italiano. Su cui vige il più rigoroso top-secret.

Piredda ha 35 anni, è nato e vive in Sardegna (Sassari): “Non ho mai lasciato la mia terra –sorride – le nuove tecnologie ti offrono un ufficio virtuale comodamente sfruttabile. Faccio un lavoro , non ho bisogno di trasferirmi…”. E forse anche i compagni di questa magnifica avventura che valica gli oceani e contamina le culture per comporre il puzzle della creatività e dell’incanto fiabesco. Per la cronaca: Chuck Dixon vive in Florida, Ben Dunn in Texas.»

Airboy fu creato nel 1942 da Charles Biro, Dick Wood, and Al Camy e apparve per la prima volta su Air Fighters Comics #2 pubblicato dalla Hillman. Dal numero 11 del secondo volume (cioè del secondo anno di pubblicazioni) Air Fighters Comics divenne Airboy Comics che durò sino al numero 4 del decimo volume. In pratica Airboy, editorialmente parlando, riuscì praticamente a vivere quasi tutta la Golden Age.

Airboy era in realtà David Nelson II ("Davy"), il figlio di un esperto pilota ed eccellente aviatore a sua volta. David indossò un'uniforme per salire a bordo di un prototipo di aereo creato dal suo amico Francis Martier, un monaco francescano, che fu ucciso durante il volo di test del velivolo. David decise allora di chiamare l'aereoplano "Birdie" e assunse così l'identità di Airboy. Così nacque Airboy che aiutò gli alleati durante la Seconda Guerra Mondiale.

Nel 1986 la Eclipse dedico al personaggio una serie moderna durata 50 numeri e scritta principalmente da Chuck Dixon. A vestire i panni di Airboy però questa volta era il figlio di Davy.

Dopo una breve apparizione per la Moonstone tra il 2007 e il 2010, Airboy ora torna a volare per la Antarctic Press e parla anche un pò italiano.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:522 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:730 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:826 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:783 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:961 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1473 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2208 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto