Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: BD
  • Visite: 7460

Mondadori presenta “Memorie della Grande Armata – l’esercito di Napolone”

historica3[15/01/2013] » Il terzo volume di Historica è in distribuzione nelle edicole, fumetterie e librerie dal 17 gennaio 2013.

Riceviamo e pubblichiamo.

“Memorie della Grande Armata – l’esercito di Napoleone” raccoglie integralmente i 4 volumi della serie “Souvenirs de la Grande Armée” pubblicati da Delcourt tra il 2007 e il 2012.

1807, dopo le vittorie di Austerlitz, di Jena e di Auerstädt, la Grande Armata napoleonica attraversa la Polonia per prendere posizione in terra russa. Tensioni e rivalità animano il grosso delle truppe e la sorte sembra accanirsi sulla Compagnia d’élite del 2° reggimento dei Cacciatori a cavallo. A pochi giorni dalla battaglia di Friedland il morale è basso, ma la Grande Armata vince e lo Zar è costretto dai suoi generali a siglare l’armistizio. La Campagna di Russia è rimandata solo di qualche anno e nel 1812 la Grande Armata procede fino al cuore della Santa Russia, incrociando il proprio cammino con quello dei formidabili cosacchi. Tra attacchi di lupi, diserzioni e la guerriglia dei briganti russi, ogni soldato tenta disperatamente di mantenere ben saldi i valori dell’onore militare, cercando di sopravvivere fino alla battaglia successiva.

Quaranta anni dopo, dai diari del tenente Godart, il figlio legge le memorie di un veterano che ha preferito i campi di battaglia alla famiglia, diventando il testimone di un esercito che per anni non ha mai subito sconfitte. Un esercito che ha seguito Napoleone attraverso innumerevoli paesi, da Parigi a Mosca a Vienna, diffondendo le conquiste dell’Illuminismo francese e gettando i semi di un’Europa unita.

“Lo sceneggiatore belga Michel Dufranne, ben coadiuvato dagli asciutti disegni del serbo Alexis Alexander, aveva un obiettivo preciso: raccontare con la serie Memorie della Grande Armata alcune fasi delle guerre napoleoniche ponendo al centro della narrazione la violenza”. Obiettivo perfettamente conseguito. “È la violenza, difatti, a impregnare di sé non soltanto i momenti feroci delle battaglie, com’è ovvio che sia, ma anche le relazioni tra i personaggi. Il mondo tratteggiato da Dufranne e Alexander si rivela tanto più spaventoso quanto più si procede nella lettura, poiché progressivamente ci si rende conto che è un mondo veritiero, uno specchio fedele della realtà atroce della guerra. Una realtà in cui anche chi vince è di fatto un perdente, dal momento che, in ogni caso, le ferite materiali e psicologiche faranno di lui uno sconfitto”.

“Dufranne e Alexander ci propongono questa visione attendibile della guerra attraverso il racconto in prima persona che, delle sue agghiaccianti esperienze belliche, fa un brigadiere del 2º Reggimento Cacciatori della Grande armata napoleonica”.

“ È un’umanità, quella descritta da Dufranne e Alexander, di indigenti e di derelitti, composta in massima parte da povera gente analfabeta, la quale non ha davanti a sé alcuna concreta possibilità di riscatto. Un’umanità schiacciata e sopraffatta da avvenimenti enormi e tragici che sono stati decisi da altri, da quei pochi che muovono le leve della Storia”.

--------------------------------------------------------------

Michel Dufranne

Nasce nel 1970 aBruxelles, Belgio, dove tuttora risiede. Si è laureato in psicologia prima di dedicarsi al mondo dei giochi di ruolo e delle riviste di fantascienza. Dal 2001 al 2003 è stato vice direttore della rivista di fumetti Pavillon Rouge. Ha esordito come sceneggiatore in coppia con Morvan, lavorando poi da solo sia per Casterman (La guilde e Helldorado), sia per Delcourt (Les trois mousquetaires e Memorie della Grande Armata).

Alexis Alexander

Vladimir Aleksic, detto Alexander, è nato nel1967 aSabac, in Serbia. Ha studiato come ingegnere chimico, ma ha preferito dedicarsi alla sua passione principale, i fumetti. Figlio d’arte, con Memorie della Grande Armata, ha sfruttato la sua passione per la Storia, segnalandosi tra i migliori interpreti europei.

La collana.

Historica è la collana mensile che racconta i grandi eventi della Storia e i suoi protagonisti attraverso le tavole di straordinari maestri del fumetto internazionale.

In edicola, fumetteria e libreria, Historica propone ogni mese in volumi cartonati di grande formato da 192 pagine a colori, la migliore produzione a fumetti del genere storico.

Capolavori inediti e grandi successi internazionali per rivivere i momenti più epici della Storia a un prezzo popolare di 12,99 euro.

Historica raccoglie i migliori racconti a fumetti prevalentemente di scuola francese. Guerre, battaglie e avventure sono i temi, tutti ambientati in contesti storici rigorosamente documentati, trattati dai più noti maestri del fumetto che elevano la narrazione a un livello di qualità artistica celebrato dalla critica e accolto con grande favore dal pubblico di tutto il mondo.

Historica è un’opera che attrae sia il pubblico più adulto, interessato alla Storia, sia gli appassionati di fumetti desiderosi di un’edizione curata, aggiornata e di elevato valore grazie a titoli inediti, introvabili o già pubblicati in formati che non hanno reso giustizia della qualità artistica.

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:632 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI la prima parte) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco, quando...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1078 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli anni '80. Nati come...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1319 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12563 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1362 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1801 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1875 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto