Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: BD
  • Visite: 7562

Manuel Fior e Attilio Micheluzzi trionfano ad Angouleme

cinquemila_chilometri[01/02/2011] » L'indimenticato autore istriano vince il Premio Patrimonio, mentre nasce una nuova stella del fumetto italiano all'estero con il premio per il miglior libro all'autore cesenate, emigrato a Parigi.

L'italiano ha da sempre avuto la tendenza alla sindrome del "giardino più verde del vicino". Anche tra gli autori e gli addetti ai lavori del fumetto italiano l'esterofilia fa i suoi proseliti,  e così nel mondo delle nuvolette tricolori l'El Dorado si trova sicuramente al di là delle Alpi. In Francia esiste quel mondo culturale "perfetto" che ritorna sempre nei commenti di molti autori e addetti ai lavori, venendo sempre più spesso indicato come il modello a cui anche l'Italia dovrebbe assolutamente tendere quando si parla di fumetto. Ma l'Italia non è la Francia e poco importa che nella celebratissima terra d'Oltralpe, vantata come eccellenza culturale delle "Strisce Disegnate", recentemente il fisco abbia derubricato Uderzo, cocreatore di Asterix insieme a Goscinny, come "semplice" illustratore. Il diritto d'autore fa un considerevole passo indietro nella terra di Francia ma il fascino di Angouleme, la più grande mostra dedicata al fumetto d'oltralpe, rimane immutato e da diversi anni la piccola cittadina è diventata ormai meta dei randez-vouz di numerosi autori e addetti ai lavori, più o meno conosciuti, più o meno importanti.

E quest'anno Angouleme si è ancor più tinta di italianità. Attilio Micheluzzi ha vinto il Premio Patrimonio (Prix du Patrimonie) con il volume Bab El Mandeb (Edizioni Mosquito) e Manuele Fior ha vinto il Premio per il miglior album (Prix du meilleur Album) con la versione francese di 5 Mila km al secondo (Edizioni Atrabile, in Italia lo pubblica Coconico/Fandango). Fior ha ricevuto il premio direttamente dal Ministro della Cultura francese.

Manule Fior è nato a Cesena. Dopo gli studi in architettura si trasferisce a Berlino. Come una sorta di omaggio alla sua terra natale crea Menschen am Sonntag, un racconto in parte autobiografico su un gruppo d’italiani trasferiti all’estero. Scrive storie brevi per pubblicazioni italiane e tedesche quali Plaque, Black, MogaMobo, Forresten et Stripburger e collabora ugualmente come illustratore con le riviste norvegesi «Natt og Dag» et «Ny Tid». Nel 2004 pubblica con Atrabile il suo primo romanzo grafico Les Gens le Dimanche ; seguiranno l’anno successivo Quattro buoni motivi per Arti Grafiche Friulane; Icarus pubblicato nel 2006 presso Rosso Oltremare e Atrabile. Nel 2009 ha vinto il prestigioso Prix de la Ville de Genève per la bande dessinée grazie alla sua acclamata graphic novel La signorina Else, riproposizione dell’omonimo romanzo di Schnitzler (Delcourt, Coconino Press).
Cinq Mille kilomètres par Seconde, pubblicato nel 2010 da Atrabile e Coconino Press. (Info: http://www.manuelefior.com).

Cinquemila Chilometri al secondo è il ritratto di una generazione, precaria anche negli affetti, raccontato attraverso le storie incrociate di tre ragazzi. Piero e Nicola sono due amici, il primo un bravo ragazzo riservato, il secondo un giovane seduttore senza grandi ambizioni. L’arrivo di Lucia in città sarà l’evento che influenzerà la loro esistenza. Malgrado le distanze, le scelte di vita e le rispettive conseguenze, i tre non finiranno mai di cercarsi, fino a ritrovarsi nel punto più doloroso e segreto del loro legame, dove l’amore mostra il suo volto più crudele. Completamente realizzato ad acquerello, il colore diventa la voce narrante di questo fumetto, che ha ricevuto il Premio Gran Guinigi, miglior autore unico 2010.

Per una galleria del volume clicca QUI.

W l'Italia, W Manuel Fior, W 5 Mila Km al secondo.

Magazine

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:64 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:613 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:618 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:632 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:913 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10692 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto