Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'eros grottesco del Kamasultra di Jacovitti

di Giuseppe Pollicelli*

Se un cruccio può turbare gli estimatori di Benito Jacovitti è che il fumettista molisano, pur essendo stato un artista di livello assoluto, sia conosciuto esclusivamente in Italia (e comunque non abbastanza, specie dalle giovani generazioni), mentre fuori dai nostri confini il suo nome non dice nulla quasi a nessuno. È un destino che Jacovitti, nato a Termoli nel 1923 e morto a Roma nel 1997, condivide con diverse altre personalità geniali espresse dall’Italia, da Giacomo Leopardi a Totò passando - per tornare ai fumetti - ad Andrea Pazienza, e che dipende soprattutto da un fattore: la lingua. Per quanto riguarda Jacovitti, i calembour, i giochi di parole e la visualizzazione delle metafore che affollano le sue tavole e le sue vignette sono ardui (talvolta impossibili) da tradurre in modo soddisfacente, e così il creatore di Cocco Bill e Zorry Kid sembra destinato a rimanere per sempre un fenomeno soltanto italiano.

jacovitti-kamasultra01

C’è tuttavia un segmento della produzione di Jac che, se proposto e promozionato in modo opportuno, potrebbe fare breccia anche all’estero. Si tratta dei lavori che Lisca di Pesce (soprannome risalente agli anni giovanili, quando il fumettista, oltre che alto, era anche molto magro) ha dedicato all’argomento del sesso, declinandolo ovviamente a modo suo. Buona parte di ciò che Jacovitti, durante la sua prolificissima carriera, ha sfornato in tema di erotismo è stato da poco raccolto in un prezioso libro cartonato dal titolo Jacovitti proibito. Kamasultra (Ed. Nicola Pesce, pp. 160 a colori, euro 19,90), ed è proprio con un tomo di questo genere che si potrebbe provare a esplorare qualche mercato straniero. L’universalità della materia trattata e dei doppi sensi (verbali ma soprattutto visivi) che essa genera dovrebbero infatti rendere il volume pienamente fruibile anche per coloro che non conoscono l’italiano. Del resto il Kamasultra, parodia dell’antico testo indiano Kamasutra scritta dall’umorista Marcello Marchesi e illustrata da Jacovitti nel 1977 (per complessivi quattro fascicoli editi dall’effimera sigla Maga Publicitas), ha già avuto un’edizione francese nel 1983, il che la rende una delle non molte opere jacovittiane gratificate da una traduzione.

jacovitti-kamasultra02

Perché non ritentare l’esperimento? Tanto più che questa nuova versione allestita dall’editore Pesce, oltre a ripresentare tutte le illustrazioni che a suo tempo - assenti dall’edizione italiana - erano state inserite esclusivamente in quella transalpina, include numerosi disegni inediti e tutte le splendide tavole panoramiche realizzate da Jac nei primi anni Ottanta per la rivista “Playmen”. Tavole dai contenuti particolarmente spinti, che dimostrano come Jacovitti avesse innumerevoli frecce al proprio arco oltre a quella di autore per ragazzi (cosa d’altronde rilevabile, sebbene in nuce, già ai tempi del lungo rapporto con l’editoria cattolica, interrottosi proprio in seguito allo scandalo suscitato dalla collaborazione con “Playmen”). In quegli anni Jacovitti è nel pieno della maturità stilistica e ha una tale padronanza dei suoi mezzi da disegnare spesso direttamente con il pennino, senza la matita. Il suo universo grafico è perfettamente compiuto e coerente e - tra salami, ossa e pesci sparsi qua e là, e personaggi impegnati in contorsionismi incredibili - Jac si concede davvero un virtuosismo dietro l’altro.

jacovitti-kamasultra03

Quello che soprattutto impressiona delle tavole per “Playmen”, a rillegerle oggi, è - a parte il già citato splendore dei disegni - il carattere estremo delle situazioni mostrate e la loro assoluta “scorrettezza politica”, inconcepibile per i nostri tempi conformisti (si ironizza perfino sulla pedofilia). Come ricorda Gianni Brunoro nella sua ampia introduzione, Jacovitti dichiarò in un’intervista: «Nelle mie vignette ho voluto fare l’antierotismo. (…) Il mio erotismo non suscita basse eccitazioni, io odio le oscenità». E in effetti nel sesso grottesco tratteggiato da Jac non si ravvisano mai né gioia né piacere. I personaggi, specie quelli maschili, sembrano anzi dedicarsi all’atto sessuale con sofferenza, come per una costrizione anziché per libera scelta. Tra bizzarrie assortite e mostruosità fisiche, essi consumano accoppiamenti coatti che assomigliano molto a un contrappasso infernale, quasi fossero i dannati di una bolgia. E così, inatteso, nasce il rammarico che Jacovitti non si sia mai cimentato con l’Inferno dantesco…

jacovitti-kamasultra04

*Articolo tratto da “Libero” del 3 giugno 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:135 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:553 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1512 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1369 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1699 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1686 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1677 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto