Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Winter, il licantropo buono che si trasforma in essere umano

winter 01di Giuseppe Pollicelli*

Viene spontaneo pensare che se uno, negli ultimi dodici anni di carriera, ha presieduto una società che produce canali televisivi per bambini (Boing), è stato a capo di un’emittente tematica rivolta ai giovani (Italia 2) e, soprattutto, ha diretto (fino a tre mesi fa) una delle principali reti generaliste nazionali, Italia 1, non abbia avuto il tempo di fare nient’altro. Viene spontaneo pensarlo, ma è un pensiero sbagliato. Quantomeno se riferito a colui che gli incarichi di cui sopra li ha effettivamente ricoperti, cioè Luca Tiraboschi. Il quale, oltre a quelle già ricordate, di iniziative è riuscito a portarne avanti parecchie altre, in particolare nel campo dell’editoria. Come ha fatto? Semplice, grazie a una cosa che si chiama passione. Tiraboschi, che è nato a Bergamo cinquantuno anni fa, è infatti un grandissimo appassionato di fumetti. Dopo aver scritto, negli anni Novanta, alcune storie di Topo Gigio e avere collaborato a collane seriali dal taglio realistico-avventuroso quali Demon Hunter e Lazarus Ledd, nel 1998 ha varato una miniserie a fumetti da lui interamente concepita e sceneggiata, Goccia Nera, pubblicata dalla casa editrice Star Comics e basata sulla figura di un angelo caduto sulla Terra. Che metodo segue, Luca Tiraboschi, per riservare uno spazio - anche abbastanza consistente - alla scrittura fumettistica malgrado i mille impegni del suo lavoro? Lo ho spiegato lui stesso in un’intervista al sito Comicsblog: «Mi impongo dei momenti in cui riesco a scrivere tre o quattro tavole al giorno, tutti i giorni, indistintamente, in modo da mantenere un ritmo che mi aiuti a trovare continuità anche nelle storie». Ritmo e continuità, in questi anni, Tiraboschi evidentemente è riuscito a mantenerli, perché ha appena varato un progetto fumettistico decisamente ambizioso: una miniserie di sei numeri, Winter (Ed. Ufo, 80 pp. a colori, euro 3,50, acquistabile in fumetteria), da lui scritta per i disegni “supereroistici” di Massimo Noè. Il primo albo, intitolato L’uomo impossibile, ci introduce nella realtà alternativa che fa da sfondo al fumetto, una realtà in cui i lupi si sono evoluti fino a rivaleggiare con gli uomini. Anzi, nella città stato di Wolf Village gli esseri umani, in un inquietante rovesciamento di ruoli, vengono trattati dai lupi alla stregua di bestie di cui disporre a piacimento, bambini compresi. Ma anche in questa realtà alternativa esistono le sfumature, una delle quali è rappresentata da Winter, il protagonista, mezzo uomo e mezzo lupo, in grado di assumere sia fattezze umane sia ferine. Sempre accompagnato da Bill, un ragazzino con una mutilazione congenita al braccio destro, Winter - a quanto è dato di capire - non condivide il crudele operato del Consiglio dei Lupi (di cui pure fa parte) che governa tirannicamente Wolf Village. Intanto, in questo primo numero, deve vedersela con un temibile antagonista: l’Uomo Impossibile, insidioso incantatore di folle. Il quale, proprio come Winter, nasconde una seconda identità. Si può essere altro da quel che si appare ma, ci dice Tiraboschi, a fin di male oppure a fin di bene. C’è una bella differenza, e Winter sembra conoscerla perfettamente.

Articolo tratto da “Libero” del 20 febbraio 2015.


winter 02

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:135 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:553 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1512 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1369 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1699 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1686 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1677 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto