Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Reportage
  • Visite: 11221

La paura della satira italiana: mai contro l'Islam

charlie-hebdo-intouchables-2di Giuseppe Pollicelli*

La strage compiuta da tre terroristi islamici nella redazione parigina del settimanale satirico “Charlie-Hebdo” è molte cose insieme. È una mostruosa e vile carneficina, certo. Ed è uno dei più gravi e ignobili insulti che mai siano stati rivolti ai principi cardine della civiltà occidentale, a cominciare dalla libertà di espressione. È, ancora, l’assassinio barbaro di alcuni eroi (e oggi martiri) della cultura e del libero pensiero, tra i quali spiccano per notorietà e importanza i vignettisti Stephane Charbonnier alias Charb (che di “Charlie” era il direttore, uno capace di dire «Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio», e di comportarsi di conseguenza), Cabu, Tignous e soprattutto Georges Wolinski. Ancora attivissimo benché ottantenne, Wolinski ha incarnato il lato più iconoclasta e libertino dello spirito francese. Corrosivo nei confronti di tutto e tutti pur restando sempre un impenitente gauchiste, è stato un antesignano di quella che oggi siamo soliti chiamare «scorrettezza politica»: disegnandosi da solo le proprie vignette - con il suo tratto fatto di poche ma efficaci linee - oppure affidandosi ad artisti della matita come Georges Pichard, si è divertito a prendere di mira soprattutto le donne, beccandosi spesso e volentieri l’accusa di maschilismo dalle sue amiche femministe, accusa su cui si faceva delle gran risate. Proprio il caso di Wolinski permette di cogliere cos’altro sia la mattanza consumatasi ieri a Parigi: uno strumento efficace per capire che essere di sinistra può significare cose fra loro assai diverse. Non bisogna infatti dimenticare che, come Wolinski, i redattori e i collaboratori di “Charlie-Hebdo” erano e sono tutti quanti di sinistra. Proprio come la maggioranza di coloro che praticano la satira in Italia. Ma è difficile pensare a una differenza più marcata di quella che, riferendosi al rapporto con l’islam, separa la satira di sinistra di casa nostra da quella francese. A fronte della temerarietà quasi mistica degli autori satirici transalpini, in Italia si assiste da sempre a una vera e propria resa preventiva nei confronti di tutto ciò che ha a che fare con il mondo musulmano. Un po’ per faziosità ideologica antioccidentale, molto per pura e semplice paura, i massimi nomi della satira nostrana non toccano l’islam neppure con i guanti. Tutto ha avuto inizio quando l’islam ha manifestato per la prima volta in modo clamoroso la sua idiosincrasia per la satira, nel 2005, in seguito alla comparsa sul quotidiano danese “Jyllands-Posten” di dodici vignette dedicate a Maometto. Ne seguirono proteste e reazioni violente in vari Paesi musulmani, nonché esplicite minacce di morte ai disegnatori ritenuti blasfemi. Ma Vauro, per esempio, si guardò bene dal solidarizzare con i colleghi danesi. Dichiarò anzi: «Quelle vignette sono una tragica rappresentazione del cattivo gusto: quel Maometto brutto, barbuto, con la satira non c’entra niente. La satira è gioco, allegria. Ma bisogna saperla fare. Quelle vignette non le avrei pubblicate». Qualche anno dopo, il 16 settembre 2012, Stefano Disegni, anch’egli - come Vauro - velenoso e abituale sferzatore delle storture della Chiesa, scriverà meno ipocritamente sul “Fatto Quotidiano”: «Abbiamo paura degli islamici. Non abbiamo paura degli altri». Questo dopo avere proposto, alcune settimane prima, un ironico servizio sull’abbigliamento religioso dal quale, tra preti e rabbini, mancavano inopinatamente gli imam, sostituiti dauna foto del Colosseo così commentata: «Avevamo delle bellissime immagini di elegantissimi ayatollah, però… Il “MisFatto” va bene ma le chiappe sono le nostre». Come sanno i nostri lettori, l’unica testata satirica che di recente, in Italia, abbia avuto il coraggio di fare satira sull’islam è stata, nel suo piccolo, “LiberoVeleno”, inserto domenicale di questo giornale. Poi, il fatto che ieri - intervistato dal sito di Repubblica - un maestro della satira come Michele Serra, esponente di punta dell’intelligenza progressista, abbia parlato di terza guerra mondiale e di necessità di un’autocritica da parte dell’islam (Oriana Fallaci ci era arrivata quasi quindici anni fa, ma pazienza), fa sperare che anche a sinistra sia alle porte un cambio di atteggiamento. Ma l’esempio da seguire, ancora una volta, arriva da Oltralpe. Quando il dissacrante disegnatore francese Reiser si ammalò, appena quarantenne, di un cancro alle ossa che lo avrebbe ucciso in breve tempo, iniziò a farci sopra delle vignette. Sapremo avere noi occidentali, e in particolare noi italiani, un’attitudine analoga verso il tumore rappresentato dal terrorismo islamico?

*Articolo apparso originariamente su “Libero” dell’8 gennaio 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:461 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6790 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:523 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:868 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:848 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:1040 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto