Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Reportage
  • Visite: 10824

La paura della satira italiana: mai contro l'Islam

charlie-hebdo-intouchables-2di Giuseppe Pollicelli*

La strage compiuta da tre terroristi islamici nella redazione parigina del settimanale satirico “Charlie-Hebdo” è molte cose insieme. È una mostruosa e vile carneficina, certo. Ed è uno dei più gravi e ignobili insulti che mai siano stati rivolti ai principi cardine della civiltà occidentale, a cominciare dalla libertà di espressione. È, ancora, l’assassinio barbaro di alcuni eroi (e oggi martiri) della cultura e del libero pensiero, tra i quali spiccano per notorietà e importanza i vignettisti Stephane Charbonnier alias Charb (che di “Charlie” era il direttore, uno capace di dire «Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio», e di comportarsi di conseguenza), Cabu, Tignous e soprattutto Georges Wolinski. Ancora attivissimo benché ottantenne, Wolinski ha incarnato il lato più iconoclasta e libertino dello spirito francese. Corrosivo nei confronti di tutto e tutti pur restando sempre un impenitente gauchiste, è stato un antesignano di quella che oggi siamo soliti chiamare «scorrettezza politica»: disegnandosi da solo le proprie vignette - con il suo tratto fatto di poche ma efficaci linee - oppure affidandosi ad artisti della matita come Georges Pichard, si è divertito a prendere di mira soprattutto le donne, beccandosi spesso e volentieri l’accusa di maschilismo dalle sue amiche femministe, accusa su cui si faceva delle gran risate. Proprio il caso di Wolinski permette di cogliere cos’altro sia la mattanza consumatasi ieri a Parigi: uno strumento efficace per capire che essere di sinistra può significare cose fra loro assai diverse. Non bisogna infatti dimenticare che, come Wolinski, i redattori e i collaboratori di “Charlie-Hebdo” erano e sono tutti quanti di sinistra. Proprio come la maggioranza di coloro che praticano la satira in Italia. Ma è difficile pensare a una differenza più marcata di quella che, riferendosi al rapporto con l’islam, separa la satira di sinistra di casa nostra da quella francese. A fronte della temerarietà quasi mistica degli autori satirici transalpini, in Italia si assiste da sempre a una vera e propria resa preventiva nei confronti di tutto ciò che ha a che fare con il mondo musulmano. Un po’ per faziosità ideologica antioccidentale, molto per pura e semplice paura, i massimi nomi della satira nostrana non toccano l’islam neppure con i guanti. Tutto ha avuto inizio quando l’islam ha manifestato per la prima volta in modo clamoroso la sua idiosincrasia per la satira, nel 2005, in seguito alla comparsa sul quotidiano danese “Jyllands-Posten” di dodici vignette dedicate a Maometto. Ne seguirono proteste e reazioni violente in vari Paesi musulmani, nonché esplicite minacce di morte ai disegnatori ritenuti blasfemi. Ma Vauro, per esempio, si guardò bene dal solidarizzare con i colleghi danesi. Dichiarò anzi: «Quelle vignette sono una tragica rappresentazione del cattivo gusto: quel Maometto brutto, barbuto, con la satira non c’entra niente. La satira è gioco, allegria. Ma bisogna saperla fare. Quelle vignette non le avrei pubblicate». Qualche anno dopo, il 16 settembre 2012, Stefano Disegni, anch’egli - come Vauro - velenoso e abituale sferzatore delle storture della Chiesa, scriverà meno ipocritamente sul “Fatto Quotidiano”: «Abbiamo paura degli islamici. Non abbiamo paura degli altri». Questo dopo avere proposto, alcune settimane prima, un ironico servizio sull’abbigliamento religioso dal quale, tra preti e rabbini, mancavano inopinatamente gli imam, sostituiti dauna foto del Colosseo così commentata: «Avevamo delle bellissime immagini di elegantissimi ayatollah, però… Il “MisFatto” va bene ma le chiappe sono le nostre». Come sanno i nostri lettori, l’unica testata satirica che di recente, in Italia, abbia avuto il coraggio di fare satira sull’islam è stata, nel suo piccolo, “LiberoVeleno”, inserto domenicale di questo giornale. Poi, il fatto che ieri - intervistato dal sito di Repubblica - un maestro della satira come Michele Serra, esponente di punta dell’intelligenza progressista, abbia parlato di terza guerra mondiale e di necessità di un’autocritica da parte dell’islam (Oriana Fallaci ci era arrivata quasi quindici anni fa, ma pazienza), fa sperare che anche a sinistra sia alle porte un cambio di atteggiamento. Ma l’esempio da seguire, ancora una volta, arriva da Oltralpe. Quando il dissacrante disegnatore francese Reiser si ammalò, appena quarantenne, di un cancro alle ossa che lo avrebbe ucciso in breve tempo, iniziò a farci sopra delle vignette. Sapremo avere noi occidentali, e in particolare noi italiani, un’attitudine analoga verso il tumore rappresentato dal terrorismo islamico?

*Articolo apparso originariamente su “Libero” dell’8 gennaio 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:341 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto

Fumetto digitale: caratteristiche ed effetti

03-03-2017 Hits:711 Off Topic Redazione

di Leandro Amodio. Internet è ormai diffuso a livello planetario, e sul mercato dell'elettronica di consumo è sempre più dilagante la presenza di dispositivi, che permettono di accedervi in completa mobilità, principalmente smartphone e tablet. Il mondo dell'editoria (libri, riviste e, ovviamente, fumetti) non è rimasto indifferente dinanzi a questo...

Leggi tutto

Shamo, gli spokon e il cugino che ce l’ha fatta

20-02-2017 Hits:1050 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. La strada dei manga sportivi giapponesi è lastricata di buone intenzioni: la competizione, infatti, è un teatro più che funzionale perfetto per mettere in scena vicende personali oltre che fungere da metafora a storie di riscatto, magari elogiando lo spirito di squadra o il mettercela tutta per...

Leggi tutto

Pasticcini Marci: alcune tavole in anteprima

19-02-2017 Hits:853 Autori e Anteprime Redazione

Edito da IT Comics, a Cartoomics uscirà il secondo numero di Pasticcini Marci (Albrignani, Sonseri) serie di leggero stampo underground che ingloba satira di costume e parodia attraverso uno stile visivo iconico e un linguaggio moderno e incalzante. A seguire la cover e alcune tavole in anteprima del secondo volume.      

Leggi tutto

RINASCITA DC: MOTIVAZIONI E PRIMI RISULTATI

14-02-2017 Hits:1140 Autori e Anteprime Redazione

  di Leandro Amodio. Con lo scopo di recuperare la recente e sensibile flessione registrata nelle vendite, la DC Comics ha deciso di avviare il progetto Rebirth (Rinascita). Non si tratta, come si potrebbe intuire dal termine scelto, di una totale riscrittura delle origini relative ai personaggi più popolari della casa...

Leggi tutto

In ricordo di Angela Giussani

12-02-2017 Hits:984 Autori e Anteprime Redazione

Esattamente trent'anni fa, il 12 febbraio 1987, ci lasciava Angela Giussani l'autrice che, insieme alla sorella Luciana, diede vita al mito di Diabolik. Come appassionati della nona arte volentieri condividiamo questo ricordo edito dalla casa editrice Astorina.   ANGELA GIUSSANI A 30 anni dalla morte la casa editrice Astorina ricorda una delle due...

Leggi tutto