Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Le tavole mancanti di Manara: la controreplica di Giuseppe Pollicelli

giuseppe pollicelli caricatIn merito all'articolo "All'opera omnia di Manara pubblicata da RCS mancano tre tavole" di Giuseppe Pollicelli (articolo originariamente pubblicato il 27/10/2013 dal quotidiano Libero e rilanciato da Fumetto d'Autore per gentile concessione dell'autore il 28/10/2013), abbiamo pubblicato QUI la replica all'articolo di Fabio Licari di RCS, adesso riceviamo e pubblichiamo la controreplica di Giuseppe Pollicelli di Libero.

Confesso di fare un po’ di fatica a rispondere all’amico Fabio Licari, perché non mi è ben chiaro che cosa stia rimproverando, e a chi, a parte una titolazione a lui sgradita adottata dal quotidiano “Libero” nel pubblicare in prima pagina, domenica scorsa, il mio articolo su Il gioco di Manara (che è poi stato ripreso da Fumetto d’Autore). Forse può essere utile riepilogare, a beneficio dei lettori e magari dello stesso Licari, come si sono svolte le cose. Sabato 26 ottobre, leggendo un sito di cui non ricordo più il nome, apprendo che neppure nella lussuosa collana della Rcs Il gioco è stato proposto nella sua versione integrale. Allora, non avendo acquistato il volume in questione (così come non acquisterò i successivi, per la ragione molto semplice che di Manara possiedo già praticamente tutto), chiedo a un mio amico collezionista, che invece il libro lo ha comprato, di controllare se nei redazionali sono state riprodotte in piccolo le tavole mancanti o se, quantomeno, vi si accenna, spiegando perché non ci sono, chi ha deciso di toglierle e quali erano i loro contenuti. Il mio amico, sfogliato il tomo, mi comunica via mail di non avere trovato nulla. A quel punto io contatto un paio di miei colleghi di “Libero” e propongo loro di fare un boxino sul fatto che, nella collana della Rizzoli dedicata a Manara, che pur si dichiara integrale, mancano tre tavole di quella che è probabilmente l’opera più celebre di Milo. Propongo la cosa non per dare addosso a qualcuno ma perché, almeno relativamente al contesto dell’editoria italiana, mi sembra di avere per le mani una notizia. Il caporedattore della cultura, Francesco Specchia, apprezza molto l’idea e mi dice di fare non un boxino bensì un pezzo di circa 4500 battute, di taglio essenzialmente cronachistico, a cui lui avrebbe aggiunto un suo commentino di spalla. Dopodiché io scrivo il mio articolo (che continua a parermi civile, corretto e anche piuttosto cauto: giudichino i lettori, comunque) e lo invio a Milano. La mattina dopo verifico, non senza sorpresa, che il pezzo è stato fatto partire dalla prima pagina con la seguente titolazione, decisa (avrei saputo in seguito) da uno dei vicedirettori del quotidiano: “Il Corriere mette gli slip alle veneri di Milo Manara”. Ora, questo titolo può piacere o no, può essere considerato pertinente o fuorviante, lo si può giudicare riuscito oppure pessimo, ma una cosa è sicura: è fondamentalmente questo titolo (con cui né io né Fumetto d’Autore c’entriamo nulla) ad aver fatto imbufalire Licari, che infatti lo rimprovera di nuovo a chi non dovrebbe anche nella sua replica inviata al presente sito. Il motivo per cui Fabio insiste a rinfacciare a me e a Fumetto d’Autore quel titolo, così come la collocazione del mio pezzo in prima pagina da parte di “Libero” (ammesso che si tratti di fatti meritevoli di essere rinfacciati a chicchessia), temo sia destinato a rimanere misterioso. Per quanto mi riguarda, l’unica cosa che posso rimproverarmi (e me la rimprovero) è di non avere chiesto al mio amico collezionista di controllare anche le pagine interne del volume, oltre ai redazionali, perché in effetti a pagina 37 de Il gioco rizzoliano compare un’avvertenza. Sulla quale, tuttavia, mi permetto di fare qualche considerazione. L’avvertenza recita: “L’editore, d’accordo con l’autore dell’opera, ha scelto di non pubblicare tre pagine de Il gioco per non urtare la sensibilità di alcuni lettori. Queste pagine, al centro di alcune polemiche, sono state sostituite da altrettante illustrazioni di Manara ispirate all’arte e alla figura pura dell’artista”. I commenti che mi sorgono spontanei sono tre. Primo: da un’edizione curata, e con pretese di completezza, com’è quella approntata dalla Rcs, mi aspetto qualcosa di più di queste poche righe, collocate al di fuori degli apparati redazionali, per spiegare una decisione (chiunque l’abbia presa per primo) che non ha forse precedenti nella storia del fumetto italiano. Secondo: cosa diavolo è la figura pura dell’artista? Terzo e più importante: Licari dice che è stato Manara a chiedere l’eliminazione di quelle tavole e ricorda che lo stesso Milo, in un libro-intervista di qualche anno fa che purtroppo non possiedo, definisce “integrale” (in modo, aggiungo io, del tutto improprio: al limite può essere “ufficiale”, non certo “integrale”) la versione senza le tre tavole. Perfetto. Quelle righe esplicative, allora, potevano essere scritte meglio, perché se io leggo “L’editore, d’accordo con l’autore dell’opera, ha scelto di non pubblicare...” capisco che la proposta della censura è partita dalla Rizzoli - come forse, a suo tempo, per ragioni certamente legittime e fondate, partì dalla Mondadori - e che l’autore si è adeguato. Cioè il contrario di quanto sostenuto da Fabio Licari. Voglio inoltre riportare un mio nitidissimo ricordo personale, risalente al 2002, che potrà essere forse confermato da Alessandro Bottero, il quale all’epoca faceva parte assieme a me, Marco Pellitteri e Andrea Materia del comitato scientifico del Romics diretto da Luca Raffaelli: durante la consegna del Romics d’Oro nella vecchia sede della Fiera di Roma, Manara, parlando con il pubblico (non escludo, peraltro, che l’incontro sia stato videoregistrato), disse chiaramente che per lui tutto ciò che proviene dall’estro di un artista, fossero pure situazioni di pedofilia (la citò esplicitamente), è lecito, ammissibile e da non censurare, in quanto appunto non reale ma frutto di fantasia. Un’affermazione forte, da vero libertario, che io trovai coraggiosa e ammirevole. Poi, ovviamente, nella vita si può cambiare idea. Sempre. Io, anzi, in linea di massima lo considero un fatto positivo, forse perché di cambiare idea (dalla politica alla religione) mi è successo più di una volta. Va tutto benissimo. E però, sommando ognuno degli elementi che ho qui riportato, sfido Fabio Licari - da collega a collega - e chiunque altro a sostenere che la mancanza di quelle tre tavole ne Il gioco della Rcs, e le modalità con cui tale mancanza è stata presentata ai lettori, non meritassero - giornalisticamente parlando - un’attenzione ampia e una visibilità adeguata.

Giuseppe Pollicelli

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:196 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:321 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:381 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:528 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1083 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1768 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2002 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto