Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

I Puffi, gli gnometti blu che sconvolsero la semiologia

di Giuseppe Pollicelli*

Una bella notizia per gli appassionati di fumetti di tutte le età. La casa editrice RW ha messo in cantiere, per la prima volta in Italia, l’edizione integrale delle storie dei Puffi, i piccoli esseri di colore azzurro che da decenni sono entrati di prepotenza nell’immaginario collettivo occidentale. L’uscita d’esordio di quest’importante iniziativa editoriale, che a breve vedrà la luce anche in Francia e in Belgio per i tipi della Dupuis (coproduttrice del progetto), sarà nelle librerie a giorni e - arricchita da un apparato redazionale di quasi 70 pagine - proporrà gli episodi iniziali della saga seguendo non l’ordine di pubblicazione su rivista bensì quello con cui, in un secondo momento, le varie avventure sono state raccolte in volume Oltralpe: I Puffi. L’integrale vol. 1 (pp. 288, euro 29,95). Ideati nel 1958 dal belga Peyo, al secolo Pierre Culliford (1928-1992), che li inserì all’interno di Johan et Pirlouit, una serie di genere fanta-medioevale da lui stesso creata per il periodico francese “Le Journal de Spirou”, i Puffi si chiamano in originale Schtroumpfs e pochi sanno che a ribattezzarli in italiano nel modo mirabile che tutti conosciamo fu nel 1964 una redattrice del “Corriere dei Piccoli”, José Pellegrini, la quale, assieme all’allora direttore del settimanale, Carlo Triberti, si occupò per prima di tradure le storie di Peyo, decisamente più belle, avvincenti e mature di quanto non siano i successivi disegni animati per la tv prodotti negli Usa - peraltro con ottimi riscontri di pubblico in tutto il mondo - da Hanna & Barbera. Un altro particolare poco noto è che Peyo, autore geniale e disegnatore sopraffino, è tuttavia fortemente debitore, nell’elaborazione dell’universo puffo, nei confronti del collega sceneggiatore Yvan Delporte, cui tra le altre cose spetta il merito di avere creato il principale antagonista dei Puffi, il mago Gargamella, e di avere stabilito che gli gnometti si nutrano di salsapariglia. L’elemento più straordinario - che questo primo tomo dell’edizione integrale consente di apprezzare appieno - della saga puffa è però rappresentato dalla lingua degli ometti blu, quel raffinatissimo idioma che si fonda sulla declinazione e la coniugazione di un’unica parola: «puffo». Come ha scritto Umberto Eco in un memorabile saggio risalente al 1979, le storie dei Puffi hanno una grande rilevanza semiotica poiché si tratta di un formidabile esempio di «meditazione pratica sul funzionamento contestuale del linguaggio».

mega 192 85

*Articolo originariamente apparso su “Libero” dell’1 settembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:548 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:758 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:855 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:815 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:992 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1541 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2247 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto