Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Django: da Cagliostro E-Press a Tarantino e ritorno

nelnomedjangodi Giuseppe Pollicelli*

Qualche tempo prima dell’uscita del controverso ma acclamatissimo “Django Unchained” di Quentin Tarantino, una pellicola capace di entusiasmare schiere di spettatori - realizzando incassi strepitosi - ma al tempo stesso di deludere parecchi tarantiniani di stretta osservanza (tra cui chi scrive), la casa editrice Cagliostro E-Press ha dato alle stampe un albo che celebra lo spaghetti western da cui tutto ha avuto inizio (“Django” di Sergio Corbucci) per mezzo del fumetto. Il tributo che Piero Viola (ai testi) e Luigi Mascolo (ai disegni) hanno reso al leggendario film interpretato da Franco Nero e José Bódalo va tuttavia in una direzione esattamente opposta rispetto all’operazione raffinata - e forse non del tutto compiuta - messa in piedi da Tarantino. In Nel nome di Django (64 pp. in b/n, euro 9,90, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) viene infatti trasposta in modo piuttosto fedele la vicenda narrata nel lungometraggio del 1966, in cui si racconta di come un reduce di guerra, appunto Django, si vendichi dell’assassinio della moglie sostenendo la causa dei rivoluzionari guidati dal generale Rodríguez contro l’esercito governativo capeggiato dal maggiore Jackson. La lineare sceneggiatura di Viola, ben servita dal solido bianco e nero «americaneggiante» di Mascolo, è rispettosa dello sviluppo cronologico degli eventi presente nel film di Corbucci, al più concedendosi qualche innovazione di superficie come, ad esempio, la notevole mascherina alla Zorro (o alla Lone Ranger) indossata da Django. Antitetico è il lavoro che, partendo dal film del 1966, ha compiuto Quentin Tarantino, il quale concepisce citazioni e omaggi esclusivamente alla stregua di suggestioni da filtrare attraverso il suo originalissimo immaginario, senza minimamente preoccuparsi di essere né ossequioso né filologico. Questo tratto fondamentale della poetica tarantiniana è stato messo a fuoco molto bene dal critico cinematografico Davide Pulici in un saggio ospitato sull’ultimo numero del mensile «Nocturno», in cui si legge: «A Tarantino non interessa far gare col passato e non vuole emulare nessuno. Le citazioni che fa, anche puntualissime, sono talmente affogate in un oceano cinematografico personale che passano inosservate anche quando le si nota, sfuggono e restano come un’idea vaga». Un fumetto come quello edito dalla Cagliostro E-Press non è dunque un’appendice o un surrogato di “Django Unchained” bensì un prodotto in qualche modo complementare al kolossal tarantiniano. Fermo restando che nulla di tutto ciò sarebbe mai esistito senza il capostipite firmato da Sergio Corbucci, titolo di punta di un cinema economicamente povero ma ribollente di un’anarchica inventiva - basti pensare, per rimanere a “Django”, alla scena iniziale col protagonista che si trascina dietro una bara o alla sequenza della mitragliatrice automatica, entrambe giustamente riprese dal fumetto di Viola e Mascolo - che il cinema italiano di oggi avrebbe un disperato bisogno di recuperare.

Per leggere gratuitamente in formato ebook "Nel nome di Django" clicca QUI. Per acquistare il volume con il 25% di sconto clicca QUI.

*Articolo originariamente pubblicato su Libero del 06/02/2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:218 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:605 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1619 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1477 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1837 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1815 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1818 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto