Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

"Il nuovo romanzo di Dan Braun" di Davide La Rosa: nessun valore culturale

dan_braun

di Alessandro Bottero

Alla fine ho letto il volume di Davide La Rosa, "Il nuovo romanzo di Dan Braun", pubblicato da NPE. Ho riso? No. L’ho trovato divertente? No. L’ho trovato questa perla di narrativa disegnata che il professor Barbieri descrive nella sua postfazione? No. Ho trovato spassosa la postfazione del professor Barbieri, ma solo perché trovo delirante che un professore universitario debba ricorrere al turpiloquio per sembrare ggggiovane nelle sue postfazioni.

Allora che ne penso? Penso che ognuno abbia il diritto di scrivere e disegnare cosa gli fa piacere. Il problema non è La Rosa. Il problema è quello che diceva Alberto Sordi: “Io non ce l’ho con te. Ce l’ho con quello vicino che non ti dà una botta in testa”.

Il problema non è se uno legittimamente scrive e disegna quello che vuole. Il problema è chi sceglie di pubblicarlo. È vero che come uno è libero di scrivere e disegnare quello che vule, così un direttore editoriale (in questo caso Andrea Mazzotta di NPE) è libero ed ha il sacrosanto diritto di decidere cosa far pubblicare alla casa editrice per cui lavora. Ma mentre non posso in alcun modo (né mi permetterei mai) sindacare il diritto di un AUTORE ad esprimersi, mi permetto eccome di sindacare le scelte editoriali che portano una casa editrice a dare spazio e voce ad un’opera piuttosto che ad un’altra. Soprattutto se ai miei occhi l’opera in questione non ha, a parte la realizzazione personale dell’aver scritto quello che il singolo voleva scrivere, alcun motivo di esistere.

L’editore, come ho detto e scritto decine di volte, è colui che decide di dare vita e voce alle storie che incontra sul proprio cammino. Le storie le scrivono altri, ed assolvono all’esigenza di espressione del singolo. Le storie PUBBLICATE sono una cosa diversa. Sono una dichiarazione per cui l’editore dice “Io ritengo che QUESTA storia abbia un valore ULTERIORE all’autoaffermazione individuale, e quindi investo tempo/energia/sforzi/soldi per far sì che diventi opera a disposizione di tutti.”.

Ecco, io questo lo contesto, perché (legittimamente, in quanto mia opinione) non trovo che questo volume di La Rosa abbia un valore tale da dover essere pubblicato da un editore diverso da La Rosa stesso.

Non è divertente. Non è innovativo. È un coacervo di luoghi comuni/slogan sulla chiesa cattiva che non paga l’ICI. È una storia sgangherata. Perché un editore dovrebbe pubblicarla? Perché un editore dovrebbe investire risorse e lavoro per pubblicare QUESTA storia e non altre?

La risposta (per me) è una sola: perché in queste condizioni particolari di mercato libri come quello di La Rosa sono dei “fenomeni da internet”. Ossia La Rosa ha un suo seguito in rete tale che qualche centinaio di copie le vendi. E quindi conviene. Nessun valore culturale. Solo soldi.

Ah, un’ultima cosa… mia moglie studia teologia alla Pontificia Università Lateranense. Ha fatto tre anni di filosofia, e due di Teologia. E dopo cinque anni di lezioni, esami, e ora e ore di studio, quando deve parlare dell’eucarestia, della chiesa, del mistero della transustanziazione ci pensa con attenzione, perché sono cose complesse e vanno esposte per bene. Oltretutto fatalità vuole che anche io sia in grado di dire, per studi personali ed approfondimenti con amici e studiosi di teologia, che il modo con cui La Rosa tratta della transustanziazione e del problema dei celiaci con la somministrazione dell'eucarestia sia estremamente scorretto e sbagliato. Allora a me da MOLTO fastidio che La Rosa banalizzi questi argomenti in due pagine, con argomenti adatti ad una discussione da bar, tra ubriachi. Se non si conoscono gli argomenti, evitiamo di scriverne. Diremmo meno cazzate.

Ma tanto lo sappiamo no? Le battute e le “rivelazioni” contro la chiesa strappano sempre l’applauso al fedele pubblico del fumettomondo.

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:154 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:334 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:826 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1207 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1464 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12662 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1482 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto