Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Cara fiera ti scrivo: risponde Fullcomics

fullcomicsposter2011mini

Riceviamo e pubblichiamo.

Cari amici di Fumetto D'Autore,

ho letto con interesse la lettera di Giorgio Messina rivolta a Mantova Comics ma, in generale, a tutte le organizzazioni di fiere di settore.
Facendo parte dell'organizzazione di "Fullcomics & Games" mi permetto di esprimere un parere in merito.
Trovo i contenuti posti da Giorgio molto validi e quanto mai attuali. Proprio la crisi economica di questo periodo dovrebbe indurre a "ridisegnare" alcuni metodi organizzativi. Certo, é difficile attuare dei forti cambiamenti in modo immediato perché entrano in gioco diversi fattori. Ma non é impossibile. Nel caso di Mantova immagino, ad esempio, sussiste la necessità di recuperare le spese della struttura per non fare affidamento solo all'incognita pubblico.
Giorgio ricorderà perfettamente che nel 2005, quando avviammo la prima edizione di Fullcomics a Pavia, ci rivolgemmo proprio ai piccoli editori e offrimmo lo stand gratuito. La filosofia dell'iniziativa sarebbe dovuta crescere negli anni su uno schema ben preciso: ottenere gratuitamente uno spazio sufficientemente grande da un Comune e permettere agli espositori di non avere costi, se non quelli di viaggio, vitto e alloggio.
L'idea era anche quella di pagarci le ulteriori spese con sponsor e patrocini, in modo se possibile da non far pagare nemmeno un biglietto d'ingresso. Credo che gli unici modelli di questo tipo, di rilievo nazionale, li stiano riuscendo ad attuare solo Riminicomix e, in parte, Lucca con la Self Area (quest'ultima però ha l'indotto di tutto il resto che é a pagamento).
Noi di Fullcomics avevamo anche un'idea in più, ovvero creare dei "cartelli" di piccoli editori da portare in un unico grande stand alle fiere principali per ammortizzare i costi di affitto di ogni singolo.
Gran parte di queste idee non siamo ancora riusciti ad attuarle perché il nostro percorso é stato modificato da una sorta di "volere istituzionale", quando a Piacenza fummo costretti a trasferirci dentro l'ente fieristico. Lì, con costi amplificati, pur cercando di mantenere basse le quote di partecipazione, anche noi ci piegammo alla logica dello stand a pagamento e del biglietto d'ingresso. Fu causa di forza maggiore.
Trovo questo metodo sbagliato per vari motivi. Uno su tutti é che il fumetto non é un genere così remunerativo da giustificare l'uso delle strutture fieristiche. Usare un padiglione fieristico, per l'organizzatore, significa dover pagare enormi spese e anche con tutta la buona volontà non potrà mai tenere basse le quote degli stand, a meno che non riesca ad avere una co-partecipazione molto forte con l'ente fieristico stesso o con grossi sponsor. Per questo alla fine, escluse Lucca e Napoli, le altre fiere non riescono ad offrire completezza nel panorama editoriale e sono costrette a vendere stand anche a collezionisti, negozi di gadgets, games e ad altri generi "affini", i quali evidentemente riescono a spendere qualcosina in più. Le fiere di fumetto diventano così un calderone di tutto (e anche il pubblico ne rimane fortemente influenzato) che non restituiscono piena dignità e professionalità ai tanti editori che lavorano e cercano di sopravvivere. Proprio da questo, a mio parere, deriva anche quel persistere del luogo comune italiano del fumetto come sottogenere o poco culturale.
Per questo ritengo che bisogna lavorare su nuovi concetti e progetti nei quali siano le professioni dell'editore e dell'autore a tornare al centro, andando a far emergere tutta quella marea di talenti nascosti e di piccoli editori. E' necessario coinvolgere anche i "big" che in un contesto meno commerciale, possono certamente trovare idee e bravi autori.
Con la nuova Fullcomics & Games che annunceremo a breve vogliamo nuovamente appropriarci della nostra identità di "talent scout" ma anche di amici di tutto il mondo editoriale, con particolare attenzione ai piccoli e medi editori e alle autoproduzioni. Non so se mai ci riusciremo ma il nostro obiettivo é proprio quello di mettere tutti in condizione di promuovere e divulgare la cultura del fumetto. Per questo sottoscrivo in pieno le parole e l'appello di Giorgio Messina per far sì che le principali fiere tengano sempre in considerazione il valore aggiunto che i piccoli editori, con il loro patrimonio culturale, possono fornire all'evento stesso. Una fiera di settore non può ignorare questa larga fetta di editoria e non deve commettere l'errore di "accontentarsi" dei "biglietti staccati" o del pareggio raggiunto.

Salvatore Primiceri
(Direzione Fullcomics & Games)

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:154 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:334 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:826 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1207 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1464 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12662 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1482 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto