Fumetto d'Autore

www.fumettodautore.com | Il Magazine della Nona Arte e dintorni | ISSN: 2037-6650 | Direttore: Alessandro Bottero

Mer10012014

Last update12:00:00

Banner
Banner
Back Reportage «Il Fumetto è un'espressione d'arte»

«Il Fumetto è un'espressione d'arte»

  • PDF

franco_cosimo_e_laura_paninLa Pimpa, Giulio Coniglio, Comix, e l'Ipad. Intervista esclusiva a Laura Panini di Franco Cosimo Panini Editore.

Maurizio Severino, giornalista e inviato speciale RAI, ha intervistato Laura Panini e ha gentilmente concesso a Fumetto d'Autore di pubblicare questa intervista in esclusiva.

di Maurizio Severino

Sono passati cinquant’anni dalle prime figurine dei calciatori e da quando il nome Panini ha incominciato ad essere familiare nelle case degli italiani. Da allora ad oggi molte cose sono cambiate nella dinasty modenese. Nuove collezioni dedicate a scienza, storia, geografia. Nuovi personaggi, il mondo Disney, e raccolte diffuse in quaranta paesi. Poi i libri e i fumetti. Vent’anni fa la svolta, nel nome di Franco Cosimo Panini. Le figurine passano a una produzione esterna, ma rimane tutto il resto. “Mirabilia Italiae”, la collana dedicata ai monumenti italiani, e i libri per ragazzi. Una storia importante nel mondo dell’editoria italiana. Franco Cosimo Panini è scomparso tre anni fa, ma la sua eredità è stata raccolta dalle figlie, quattro, e dall’unico figlio maschio, il più piccolo della famiglia.

Sul ponte di comando la primogenita Laura Panini, oggi un’imprenditrice di successo, con tutta la storia di famiglia scritta addosso, ma con una grande curiosità per il futuro.

“E’ un momento molto importante quello che stiamo vivendo. E’ la nuova rivoluzione editoriale. Potremmo addirittura dire che è la nuova rivoluzione dopo l’invenzione della stampa a caratteri mobili. E’ un passaggio molto importante e anche molto interessante da vivere e affrontare”.

Prima di gettare lo sguardo in avanti le chiediamo di fotografare lo stato di salute del fumetto in Italia, quello tradizionale, fatto di carta.

“L’editoria del fumetto, è vero, non è tanto in forma, perché ci sono altre attività, che si fanno soprattutto nel web, ma questo non vuol dire assolutamente che il segno si perda.

Innanzitutto sta maturando sempre di più una grande popolazione di collezionisti, per cui il fumetto d’autore del passato rimane ed è una grande realtà. Per cui sono ottimista, credo che il fumetto sia un’espressione d’arte talmente importante che continuerà il suo percorso e avrà nuove possibilità di espressione. Certamente dovrà sapere trasformarsi, soprattutto attraverso questi nuovi mezzi che abbiamo a disposizione, ibook, ipad, ecc.”.

Si accende la luce negli occhi di Laura, alle prospettive future: è l’occasione di parlare dei nuovi progetti in cantiere.

“Noi siamo partiti come sempre dai bambini, siamo gli editori della Pimpa e contiamo di uscire entro Natale con la prima applicazione per Ipad della Pimpa. Sarà una bella storia di Natale, quindi da utilizzare con i propri bambini. Una nuova forma per vedere e godere questo meraviglioso personaggio insieme. Genitori e figli”.

Dopo la Pimpa, sarà la volta probabilmente di Giulio Coniglio, l’altro fumetto storico destinato ai più piccoli. Per i più grandi invece c’è tutto l’orizzonte Comix.

“Per quanto riguarda le agende Comix, vorremmo uscire con una cosa speciale. Il percorso è ancora lungo perché non vorremmo uscire con un muro di testo e basta, o con un muro di immagini e basta. Vorremmo trovare la giusta dimensione per l’ibook e l’ipad. Anche in questo caso il fumetto dovrà trovare una dimensione diversa rispetto alla carta stampata. Ci stiamo lavorando, stiamo studiando.

Questa è una nuova frontiera per noi, perché la carta stampata è sicuramente un qualche cosa che rimarrà, con tutto il suo fascino, tutto quello che porta. Le versioni su libro elettronico, su Ipad, queste nuove attività che si stanno creando sono un nuovo modo per commercializzare l’editoria  una nuova strada per esprimere i contenuti. Perché il fumetto possa durare”.

Lasciamo Laura Panini alle sue sorelle, Teresa, Silvia e Lucia, con la certezza che anche il marchio Panini potrà durare. Per la curiosità che ancora anima il loro lavoro, anche in un periodo di grandi trasformazioni, e perché un’altra generazione della dinasty di Modena è pronta. In quattro contano già su undici figli. Si vede che crescere tra i fumetti fa bene.

In apertura Franco Cosimo Panini e Laura Panini. Qui sotto, le donne Panini al gran completo.

sorelle-panini

 

Commenti FB:

Comments

Accedi per commentare
Banner
Banner