Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

di Davide Mosciaro

(QUI trovate le altre puntate)

Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non andavano più di moda, alla fine degli anni '80), che riscosse un notevole successo fra i maschietti. Tale fu il successo da parte della Filmation, che, addirittura, produsse un altro cartone animato indirizzato, questa volta, ad un pubblico femninile: She-Ra, la Principessa del Potere (ma di lei ne parleremo un’altra volta).

motu parte03 01

Ogni puntata di "He-Man and the Masters of the Universe" aveva una durata di 30 minuti, ed era ad alto contenuto pedoaggico: niente scene di violenza, o riferimenti erotici, e con una morale alla fine di ogni puntata puntata. Ideate con la tecnica del rotoscope (disegni a mano su fogli di acrilico e colori vinilici), il risultato fu uno dei cartoni animati maggiormente riusciti da parte della casa cartonistica californiana. Come già si è accennato nei precedenti articoli, a differenza dei cartoni di Hanna e Barbera - che avevano una comicità basata su personaggi paradossali, come animali che parlano (Yoghi, Scooby Doo, top Cat, Svicolone, Droopy, nonché Tom e Jerry) -, oppure di personaggi atipici collocati in tempi preistorici inseriti in uno strano progresso sociale (i Flintstones]), i cartoni animati della Filmation risultavano più seriosi e superoistici. Se dal 1965 la filmation si era imposta con titoli importanti come Superman, Batman, Flash, Zorro, Tarzan, Flash Gordon, tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80 stava ancora tentando di creare un cartone animato che nelle intenzioni avrebbe dovuto essere il migliore in assoluto. A differenza dei titoli già citati sopra, "He-Man and the Masters of the Universe", non è un prodotto ispirato ai fumetti, ma ad una serie di giocattoli. Dopo il flop causato da Blackstar (anch’esso un cartone ispirato ad una serie di giocattoli dell’ormai defunta GALOOB), He-man sarà il cartone di maggior successo della Filmation. Il troppo successo proveniente dal merchandising dei giocattoli, sarà l’altra faccia della medaglia che decreterà, a fine anni '80, la chiusura della serie animata in concomitanza della fine della moda dei giocattoli che, piano piano, era andata sgonfiandosi negli anni, a causa anche, si vocifera, di una cattiva, quanto ingorda distribuzione delle action figure dei MOTU. La Filmation e i MOTU, terminarono entrambe, legate a doppio filo, la loro avventura a fine anni '80. La Filmation sarà inglobata dall’Oreal (strano ma vero, proprio la casa produttrice di prodotti di bellezza).

motu parte03 02

La prima serie dei MOTU in italiano venne doppiata da geni del doppiaggio come Franco Latini che interpreterà Skeletor, Orko e Battle Cat. Latini ormai defunto da anni, ero lo stesso che prestava la voce a Silvestro della Warner bros. Poi c'era Teo Bellia, ovvero ill Michael j. Fox di Ritorno al Futuro (solo il primo film) a dare la voce a He-Man, Bellia è l'attuale doppiatore di Moe dei Simpson. Tra le voci femminili ritroviamo Laura Boccanera come Teela, (ma ce la ricordiamo anche come Candy Candy), Cinzia de Carolis (indimenticavile Lady Oscar) nella prima serie che poi lascia a Mariu Safier (ovvero Reika di Daitarn 3) la voce della Maga. Quest'ultima aveva una verve più comica che meglio si sposava con un tratto (per quanto riguarda i contenuti) più infantili e comici della prima serie. La prima serie era anche più sperimentale rispetto alla seconda, dove già si apprezzavano contenuti più seriosi rispetto alla precedente. In questa prima serie c'era meno azione, lasciando maggiormente spazio a tematiche più infantili. con coseguente aumento, quindi, di protagonist preadolescenziali e tematiche come marachelle, e introspezioni infantili.

La seconda serie, aveva la direzione del doppiaggio di Oreste Rizzini (Michael Douglas e Bill Murray) che prestava anche a turno la voce a Re Randor e Skeletor, che, in realtà, aveva un doppiatore, a mio giudizio, più adatto a lui, ovvero Rodolfo Traversa (Ian Holm, ovvero Ash il droide sintetico di Alien). Gli altri doppiatori della seconda serie, come Mario Cordova (Richard Gere e Patrick Swayze), Roberta Greganti (Teela), Giancarlo Bertoncin (Man-at-arms), Solvejg D’Assunta (Evil.lyn), Amelia Martello (La Maga) donavano un tono più serioso, ma decisamente più adatto al complesso della seconda serie. Inoltre erano presenti più personaggi nuovi (Fisto, Buzz-Off, Mekaneck, Ppikor, Jitsu, Moss-man, Sy-klone, oltre ai soliti Ram-man, Stratos, Beast-man, Mer-man sempre presenti anche nella prima serie) e con più frequenza c’era azione e varietà di situazioni, rispetto al mero aspetto, infantile-pedagogico della prima serie. Le morali della seconda serie, a differenza, della prima, in italiano non furono doppiate.

motu parte03 03

Tanto fu il successo della serie che se ne volle creare una terza, ma, in davanti alle scarse vendite dei giocattoli, a fine anni '80, non fu possibile realizzarla.

La filmation finirà gloriosamente, più o meno, con He-Man, She-Ra, Bravestarr e Ghostbusters, ma questa è un’altra storia e ve la raccontiamo un'altra volta.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:556 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:763 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:862 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:821 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:995 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1555 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2258 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto