Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Addio a Talus Taylor, il papà dei Barbapapà

di Giuseppe Pollicelli*

Il loro nome rimanda allo zucchero filato («barbe à papa» in francese) e, in effetti, è da 45 anni che i Barbapapà addolciscono di molto le giornate di milioni di bambini in tutto il mondo. Il 19 febbraio (ma lo si è saputo solo ieri) è morto a 82 anni Talus Taylor, uno dei due ideatori dei nove celeberrimi esserini colorati capaci di trasformarsi «come gli va» (così cantava Roberto Vecchioni nella storica sigla italiana del cartone animato). Nato a San Francisco nel 1933, Taylor - professore di scienze con trascorsi hippie - crea i Barbapapà nel 1970 a Parigi, dove aveva conosciuto la futura moglie Annette Tison, co-autrice della saga a fumetti. «Ero un giovane insegnante di matematica», ha raccontato Taylor, «e Annette era una studentessa di architettura alla Sorbona. In un bistrot francese, mentre gli studenti parlavano di filosofia e rivoluzione, io cercavo di conquistare Annette e cominciai a fare disegni semplici sulla tovaglia. Sono così nati i personaggi e anche il mio matrimonio». Irresistibili per i fanciulli grazie alla loro forma tondeggiante continuamente modificantesi, alle loro avventure spesso venate di ecologismo e alla loro rassicurante fisionomia di famiglia numerosa e felice, i Barbapapà sono ancora oggi tradotti in trenta diversi Paesi e rappresentano un fenomeno di costume capace perfino di generare, in Italia, un neologismo registrato da anni in tutti i dizionari: la parola «barbatrucco».

barbapapa

*Articolo pubblicato su “Libero” del 3 marzo 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:701 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11778 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:796 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1229 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1377 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1521 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto