Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Spot, Comics e TV: intervista a Guido De Maria

di Giuseppe Pollicelli*

«Aspetti un attimo che m'infilo pure la seconda scarpa, ne ho una soltanto. Poi iniziamo a chiacchierare...». Esordisce così, Guido De Maria, quando gli telefoniamo per intervistarlo. Può apparire un avvio di conversazione eccentrico, ma chi conosce un po' la personalità di De Maria sa che in realtà è normalissimo: la principale caratteristica del nostro è infatti una lucida e simpatica bizzarria. De Maria è stato il protagonista dell'incontro intitolato "Fare fumetti, l'evoluzione delle matite. Dalla carta al digitale, dall'edicola al web, dall'editore al crowdfunding, com'è cambiato il mestiere del fumettista", svoltosi il 22 febbraio scorso, presso il Foro Boario di Modena, nel contesto dell'ottava edizione di Buk. Festival della piccola e media editoria. Essendo nato 82 anni fa proprio in provincia di Modena, De Maria ha dunque potuto ripercorrere la sua lunga carriera di creativo, pubblicitario e disegnatore di fronte a un pubblico particolarmente ben disposto. «Ho realizzato le mie prime vignette ai tempi del liceo, su un giornalino scolastico che si chiamava "Zero in condotta"», racconta. «Terminato il militare, sono andato alla redazione di "Epoca", a Milano, e ho fatto vedere una mia vignetta a Enzo Biagi. Mostrava una coppietta di russi intenta in un pic-nic e una lunga fila di formiche ormai prossima alle vivande. Lui fa a lei: "Lasciale avvicinare, sono formiche rosse!". A Biagi piacque e così iniziai a collaborare: lui mi avrebbe pubblicato una vignetta per ogni esame universitario dato. Se veramente avessi fatto tutti gli esami che ho detto a Biagi, ora avrei tre lauree...».

La sua carriera ebbe una svolta con l'ideazione, nel 1972, del programma Gulp!, poi divenuto SuperGulp! Fumetti in TV.

«Giancarlo Governi, allora responsabile dei Programmi Speciali della Rai, era rimasto molto colpito da un carosello realizzato nel 1968 da Paul Campani per la Zoppas: in un minuto e mezzo vi si raccontava una storia in cui delle immagini statiche venivano "animate" con carrellate, zoom e altri movimenti di macchina. Governi pensò che l'espediente si sarebbe potuto utilizzare per portare i fumetti in televisione e così, avendo letto e apprezzato le strisce delle Sturmtruppen sulle pagine di "Paese Sera", si rivolse a Bonvi, il quale creò assieme a me la serie umoristico-poliziesca di Nick Carter».

L'impatto della trasmissione fu deflagrante.

«Nel 1972, sul Secondo Programma (l'antenato di Rai 2), facemmo ascolti clamorosi. E all'epoca non veniva calcolato il pubblico dei bambini. Eravamo certi di proseguire subito l'esperienza, invece la Rai non aveva più una lira avendo investito un sacco di soldi nello sceneggiato-kolossal su Mosè interpretato da Burt Lancaster. Per ripartire dovemmo quindi attendere il 1977 e l'avvento alla presidenza della Rai di un uomo illuminato come Massimo Fichera. A quel punto andammo avanti alla grande fino al 1981».

Che tipo era Bonvi?

«Ero legato a lui da un rapporto fraterno. Gli si attagliava bene la definizione di "genio e sregolatezza", precisando che la sua era una sregolatezza piacevole, mai antipatica. Era un pazzoide divertente. Aveva una gran cultura cinematografica e amava soprattutto i film con Alberto Sordi, di cui sapeva citare quasi ogni battuta. La sua morte, nel 1995, è stata davvero una beffa atroce: investito a Bologna da un ubriaco, proprio lui che in vita sua non aveva mai disdegnato l'ebbrezza alcolica».

E Jacovitti?

«Il più grande disegnatore umoristico di tutti i tempi. Disegnava direttamente a penna, senza mai sbagliare nulla, scene affollate dei più strambi personaggi e inquadrate da prospettive arditissime. Era come se avesse un computer nella testa. Per non dire del suo humour surreale, ancora oggi insuperato. Se fosse nato in Francia o negli Usa oggi sarebbe noto in tutto il mondo».

guido de maria 80

*Articolo tratto da "Libero" del 22 febbraio 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:546 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:585 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:872 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10466 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:927 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto