Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'Intervista » Giuseppe Pollicelli parla di Historica

historica 11A partire da Gli scudi di Marte, dodicesimo numero della collana mondadoriana “Historica” da pochi giorni in edicola, a firmare le prefazioni dei volumi non è più Giuseppe Pollicelli bensì Sergio Brancato. All’indomani dell’avvicendamento, abbiamo rivolto a Pollicelli qualche domanda.

Come mai non sei più tu a firmare le prefazioni?

A dire il vero non sono in grado di dare una risposta esauriente. Da quanto mi ha detto il direttore editoriale della Magic Press, Pasquale Ruggiero, che cura materialmente la collana per conto della Mondadori, credo di aver compreso che Brancato ha garantito di poter consegnare le introduzioni con maggiore anticipo rispetto a quanto facevo io, forse perché ha modo di procurarsi gli albi in edizione originale e di leggerseli direttamente in francese (io lavoravo su delle fotocopie in bianco e nero, già tradotte, che mi mandava la Magic).

Com’è stato il tuo rapporto con gli editor della Magic Press e di Mondadori?

Durante l’anno di collaborazione a “Historica” io ho avuto rapporti diretti unicamente con una persona, Pasquale Ruggiero, con cui, almeno da parte mia, non ci sono mai stati problemi di sorta. Invece con gli editor della Mondadori - tra me e i quali ha sempre fatto da tramite Ruggiero - non sempre è filato tutto liscio, poiché tendevano a mettere le mani su ciò che scrivevo senza concordare gli aggiustamenti con il sottoscritto. Cosa che avrei tollerato malvolentieri anche se i cambiamenti fossero stati migliorativi, ma per giunta si è trattato sempre di modifiche oggettivamente peggiorative. Tanto che ho preteso che sul n. 6 comparisse un avviso che faceva presente come, nella mia introduzione al primo tomo di Vae Victis! (quarto volume della collana), un’errata rielaborazione redazionale del testo aveva reso sintatticamente difettosi taluni passaggi. Una richiesta che forse non ha suscitato entusiasmo in Mondadori, ma non è colpa mia se i loro editor, per dirne una, fanno confusione tra congiunzioni concessive e avversative. Faccio un esempio. Nell’introduzione de L’ultimo volo di Hautière e Hugault (“Historica” n. 11), l’ultima recante la mia firma, io avevo scritto: “Del disegnatore francese Romain Hugault, classe 1979, e della sua incredibile bravura nel riprodurre, da ogni possibile punto di vista e in qualsiasi posizione, gli aeroplani da guerra (prosecuzione in chiave artistica dell’attività di pilota militare svolta dal padre, benché pure Romain abbia conseguito, a soli 17 anni, il suo patentino di pilota) abbiamo già fatto la conoscenza…”. Ebbene, senza che alcuno mi consultasse, e senza apparente ragione, la congiunzione concessiva è divenuta un’avversativa, per di più usata in modo improprio. Così: “Del disegnatore francese Romain Hugault, classe 1979, e della sua incredibile bravura nel riprodurre, da ogni possibile punto di vista e in qualsiasi posizione, gli aeroplani da guerra (prosecuzione in chiave artistica dell’attività di pilota militare svolta dal padre, mentre anche Romain ha conseguito, a soli 17 anni, il suo patentino di pilota) abbiamo già fatto la conoscenza…”. Penso ci vorrebbe più rispetto per ciò che produce un autore. Sono disponibilissimo a cambiare quel che scrivo, ma chiedo di essere consultato. E penso anche che ci vorrebbe maggiore competenza da parte di più di un operatore del mondo editoriale.

Che ne pensi della prima prefazione del nuovo corso del professor Brancato?

C’è una differenza sostanziale nell’impostazione, rispetto alle mie. Brancato, per scelta o per necessità, ha optato per considerazioni più generiche, entrando poco nel merito delle situazioni raccontate dal fumetto e concentrandosi maggiormente sul contesto storico. Io invece ho sempre cercato di analizzare le vicende e i loro protagonisti, adottando un approccio che voleva essere (magari non centrando sempre l’obiettivo, questo non posso escluderlo) quello del critico letterario o quantomeno dell’elzevirista. Un intento che, ahimé, mi ha procurato l’accusa di essere un produttore di “spoileroni”. Il titolare del blog “Che cosa sono le nuvole”, Luca Lorenzon, peraltro in gamba, me lo ha rimproverato praticamente in tutte le sue recensioni di “Historica”. Ma a parte che non è così vero, secondo me, che le mie intro fossero tanto anticipatorie, sono dell’idea che una buona introduzione debba necessariamente dire qualcosa di un intreccio. Vi è perfino una non disprezzabile scuola di pensiero secondo cui le introduzioni, in realtà, andrebbero lette dopo il racconto di cui si occupano e non prima. Detto ciò, lo scritto di Brancato è comunque ottimo e sono convinto che, a prescindere dal taglio che presenteranno, lo saranno anche i successivi, dal momento che Sergio è bravo e preparato. Quanto a “Historica”, il mio non richiesto consiglio è di seguitare a comprarla (cosa che farò anch’io) poiché è un’iniziativa che merita.

Magazine

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:824 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:1092 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:1390 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:2507 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinematografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:2343 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:2683 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:2688 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto