Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Papatràc: Forattini scherza anche con i santi

di Giuseppe Pollicelli*

Il nuovo libro di Giorgio Forattini, ennesimo di un elenco ormai sterminato, ruota tutto quanto attorno alla figura di Benedetto XVI. Papatràc (Ed. Mondadori, pp. 184, euro 9,90) raccoglie infatti le vignette che il più famoso disegnatore satirico italiano, 82 anni ottimamente portati, ha dedicato a Joseph Ratzinger dal giorno dell’elezione a Pontefice fino a quello delle storiche dimissioni. Quest’antologia di lavori recenti documenta il consolidarsi di una tendenza che, in Forattini, ha iniziato a manifestarsi all’incirca nella prima metà degli anni Novanta, ossia la propensione a utilizzare in modo sistematico e senza complessi una comicità crassa, sboccata, talora indiscutibilmente greve. È come se un po’ alla volta Giorgio fosse tornato alle radici della sua vocazione satirica, riappropriandosi di un’ironia spessa e molto romana che nel secondo Novecento ha avuto i suoi portabandiera nei componenti del Bagaglino ma che risale, in realtà, addirittura ai fescennini. Con i suoi doppi sensi non di rado facili, le sue allusioni sessuali e i suoi giochi di parole di immediata comprensibilità, l’umorismo forattiniano finisce per rivelarsi il più politicamente scorretto (non a caso disgusta molti palati) che si pratichi oggi in Italia. E forse anche il più libero, se è vero che Giorgio, benché stia dalla loro parte, non si fa scrupolo di scherzare pure coi santi.

papatrac

forattini 1

forattini 1

forattini 1

*Articolo apparso su Libero Veleno, inserto satirico del quotidiano Libero, del 24 marzo 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:546 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:585 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:872 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10465 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:927 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto