Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Mafalda, la piccola borghese che punzecchia l'occidente

mafaldadi Giuseppe Pollicelli* 

Mafalda, la bimba di cinque anni protagonista di decine di sketch autoconclusivi che Joaquín Lavado, in arte Quino, ha scritto e disegnato dal 1964 al 1973 (realizzando oltre 1900 strisce), è uno dei personaggi più famosi e più letti fra i tanti che il fumetto ha prodotto nel XX secolo. Quino, tuttavia, non è solo Mafalda. Nato a Mendoza, in Argentina, il 17 luglio 1932, comincia la sua carriera come grafico pubblicitario, per poi specializzarsi nella produzione di vignette prive di testo, intrise di un’ironia amara e talvolta addirittura funerea. Vignette disegnate con un tratto elegantissimo, di derivazione ottocentesca, al centro delle quali vi è di solito qualche omino derelitto, di volta in volta schiacciato e vilipeso dal potere, dalla burocrazia, dalla stupidità imperante. Una bella selezione di tavole e storie brevi di Quino viene adesso presentata da Magazzini Salani: Quanto è cattiva la gente! (pp. 128, euro 12). «Sono di carattere triste», ha affermato in un’occasione l’umorista argentino, il quale, con una coerenza non usuale e anche un po’ inquietante, ha deliberatamente scelto di non mettere al mondo figli. L’esperienza di genitore, in un certo senso, l’ha però compiuta lo stesso, in quanto padre della già citata Mafalda, bambina destinata a rimanere tale per sempre poiché fatta di carta e inchiostro. Mafalda, ancora oggi, viene periodicamente ristampata in molti Paesi, a cominciare dall’Italia, dove è da poco stata distribuita nelle librerie, sempre per iniziativa di Magazzini Salani, la corposa antologia 10 anni con Mafalda (pp. 190. euro 15). Suddivisa in capitoli tematici, la raccolta (completata da un’intervista inedita a Quino) offre uno spaccato esaustivo del mondo mafaldesco e dei personaggi che lo popolano, dai genitori della protagonista ai suoi amichetti: il sognatore Felipe, il concretissimo e talora cinico Manolito, la pettegola e invidiosa Susanita, il disincantato Miguelito e gli altri.

La domanda che ci si deve porre, riguardo a Mafalda, è se si tratti di un’opera datata e - nel caso non lo sia (non lo è, come vedremo) - per quale ragione continui a risultare fresca e attuale. È sicuramente vero, come più o meno tutti sanno, che Mafalda è una ribelle, una criticona che osserva desolata i comportamenti del genere umano indignandosi per le meschinità, le follie, le bassezze del mondo. Con il candore di una bambina e l’acutezza di un’intellettuale, la ragazzina di Quino coglie e stigmatizza le contraddizioni della politica, gli orrori delle guerre, il conformismo di tanti parrucconi e fustigatori di costumi. La sua irrisione dell’autorità, la sua attitudine a dissentire, il suo convinto pacifismo fanno sicuramente di Mafalda una figlia del proprio tempo, eppure le sue strisce non riflettono soltanto il periodo della “contestazione globale”, non si limitano a svolgere il ruolo di documento di un’epoca, come ad esempio l’operaio meridionale Gasparazzo, creato nel 1971 dal vignettista Roberto Zamarin per il quotidiano «Lotta Continua». Mafalda seguita a parlarci, quello che dice ci tocca e ci riguarda. Perché? Perché Mafalda, come lascia intuire il suo irriducibile disincanto, non vagheggia nessuna improbabile rivoluzione e non si fa illusioni riguardo a impossibili palingenesi. Spera, senza nemmeno crederci più di tanto, in un miglioramento della realtà compiuto a piccoli passi, aggiungendo pazientemente tassello a tassello. Pessimista con l’intelligenza ma ottimista per la volontà, Mafalda è saggia: sicuramente molto più di coloro che, negli anni in cui Quino la disegnava, ritenevano che il mondo sarebbe divenuto un paradiso in terra grazie a un libretto rosso o, peggio, a una P38. Mafalda è una borghese scettica, conscia del fatto che il modo di vivere occidentale è il peggiore che esista, eccezion fatta per tutti gli altri. E consapevole che la vita propina spessissimo delle ministre così cattive da non riuscire a mandarle giù. Minestre che però, come fa lei, alla fine tocca quasi sempre inghiottire.

*Articolo pubblicato su “Libero” del 28 giugno 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:824 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:1092 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:1389 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:2507 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinematografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:2343 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:2683 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:2688 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto