Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Mammarella: delle strane dimenticanze che accadono sui giornali e nei blog

mammarella_coverdi Alessandro Bottero

Nell’edizione online di Repubblica del 3 gennaio 2012, redazione di Napoli, e successivamente anche nell’edizione cartacea, si può trovare questo articolo, a firma del professor Alessandro Di Nocera, che a tempo perso discetta per la rete ad altrove di fumetti. Qui il professore parla dell'attuale scuola napoletana, proponendo alcuni esempi di editori ed autori. Ora, se da un lato sono lieto che il professore parli del GG Studio, realtà da sempre sottovalutata dal giornalismo fumettofilo online e non; se resto stupito e colpito della citazione della Bottero Edizioni, legata al volume Harcadya e ad Enzo Troiano, autore che merita una considerazione ben maggiore di quella che finora ha ricevuto dalla critica, devo dire che non mi stupisce una “dimenticanza”. Quale? Presto detto. Parlando di Alessandro Di Virgilio, il professor Di Nocera cita tutti i volumi scritti dallo sceneggiatore, TRANNE quello che Alessandro Di Virgilio ha pubblicato nel 2010 con Cagliostro E-Press, ossia Mammarella, il volume tratto da un racconto di Maurizio de Giovanni, romanziere napoletano molto apprezzato in questi ultimi anni grazie al personaggio del Commissario Ricciardi protagonista anche di questo fumetto disegnato da Claudio Valenti.

Come mai questa dimenticanza proprio di questo volume (ma guarda te che coincidenza, eh?). Certo, visto che Mammarella manca nel testo presente nel blog di Di Virgilio come biografia dell’autore, potrebbe essere logico che manchi anche nell’articolo del professor Di Nocera. Però la dimenticanza è strana, eh? E lascia pensare chissà quali motivi. Infatti una semplicissima ricerca su Internet usando le parole chiave “mammarella di virgilio” porta a risultati che chiariscono senza alcuna ombra di dubbio come all’elenco di volumi e collaborazioni di Di Virgilio vada aggiunta anche la Cagliostro E-Press con Mammarella appunto. Tra i tanti cito solo il link a un articolo di Comicsblog del 2010.

Ora, visto che ultimamente Di Nocera ha discettato per gli anfratti della rete che il giornalista Roberto Alfatti-Appetiti (i cui articoli di tematiche fumettose pubblicati su Il Secolo d'Italia rilanciamo anche noi di Fumetto d'Autore) è un genio del male, perchè avrebbe preso passi del libro Eccetto Topolino, e li avrebbe manipolati usando il copia-e-incolla, per fare una smaccata e chiarissima apologia del Fascismo (almeno secondo la tesi del professor Di Nocera), che bisogna allora di dire di chi “dimentica” di citare proprio quel volume lì, pubblicato da quell’editore lì? Che è un distrattone? Che fa solo un copia-e-incolla, senza controllare se alla base (il blog di Di Virgilio) i dati sono volutamente incompleti? O forse c’era consapevolezza e scelta precisa? Ah, saperlo. Ai posteri l’ardua sentenza.

E per far vedere che non ci inventiamo nulla ecco i testi a corredo di queste riflessioni.

Comics & C. 2012 gli eroi
dei fumetti parlano napoletano 

Più folta la schiera di autori campani. Dall'horror d'azione alla fantascienza pronti a invadere il mercato Usa. Grande richiesta per la commedia erotica e gli scenari di ispirazione medievale   

di ALESSANDRO DI NOCERA 

Sempre più folta la schiera di autori di fumetti campani che, attraverso le librerie, riesce a dar vita a iniziative editoriali innovative. Il 2012 si prospetta carico di ambizioni e progetti per il GG Studio di Giuliano Monni, una realtà produttiva tutta napoletana che, ritenendo troppo limitato l'ambito nazionale, è riuscita a proiettarsi, con le sue storie dinamiche e i suoi coloratissimi albi, sul mercato Usa. Forte del sostegno di Diamond, uno dei principali distributori d'oltreoceano, il GG Studio ha saputo catturare l'attenzione del pubblico americano che ha accolto con un certo entusiasmo tanto i titoli già apparsi nel nostro Paese (l'horror d'azione "Gore", disegnato da Emilio Laiso; il fantascientifico "The Bodysnatchers", illustrato da Pako Massimo; la movimentata commedia erotica "Route des Maisons Rouges", affidata alle tavole di Livia Pastore) quanto le novità realizzate espressamente per gli Usa (il techno-fantasy "Extinction Seed", sceneggiato da Davide Aicardi e visualizzato ancora da Livia Pastore).

In Italia, invece, il GG Studio ha da poco lanciato una serie composta da tre volumi cartonati che raccoglie "The One", un'altra epopea fantasy in cui il talento di Pasquale Qualano - artista di Poggiomarino - dà vita a uno scenario fiabesco d'ascendenze medievali reso ancora più eccitante dalla iperrealista tavolozza cromatica di Alessia Nocera.

Più legato a influssi manga - e in particolare ad artisti come Tetsuo Hara, creatore grafico
di "Ken il guerriero", e Hayao Miyazaki, celebrato fondatore dello Studio Ghibli - il partenopeo Enzo Troiano, che giunge in libreria con il secondo tomo di "Harcadya", un ciclo sospeso tra fantasia eroica e suggestioni fantascientifiche. I protagonisti de "La distruzione di Babel" (questo il titolo del libro, una strenna cartonata edita in coproduzione dalla Bottero Edizioni e dalla Wombat) viaggiano in un ambiente post-apocalittico, partendo da due isolotti sperduti nell'oceano - vestigia di quelle che un tempo erano Ischia e Procida - fino a giungere in un luogo ostile corrispondente all'attuale Alta Baviera.

Interessanti anche i libri targati Tunuè, una casa editrice laziale che spesso propone lavori di autori campani, come nel caso dello sceneggiatore Alessandro Di Virgilio e dell'evocativo illustratore Luca Russo. Di Virgilio, molto attivo a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta e ritornato al fumetto - dopo un lungo periodo di assenza dalle scene - solo nel 2008, ha lavorato sui settimanali "Lanciostory" e "Skorpio" dell'Editoriale Aurea; con BeccoGiallo (casa editrice per la quale ha realizzato "La Grande Guerra - Storia di Nessuno", rievocazione storica del primo conflitto mondiale, e il tragico reportage di cronaca "Thyssenkrupp - Morti Speciali S. p. A.") e con Nicola Pesce Editore (immaginando a fumetti le origini del Sandokan di Salgari). Per Tunuè ha, invece, scritto "L'uomo che sfidò le stelle", graphic novel - impreziosita dell'introduzione di Sergio Bonelli - ambientata nel 1890, tra le paludi pontine, quando il buttero Augusto Imperiali, detto Augustarello, riuscì a dimostrarsi più abile di Buffalo Bill, giunto in Italia col suo Wild West Show.

Dal canto suo, Luca Russo - disegnatore per le riviste dell'Editoriale Aurea e insegnante di Illustrazione presso la Scuola Italiana di Comix di Mario Punzo - con Tunuè ha pubblicato due romanzi grafici, entrambi scritti da Cristiano Silvi: "(In) certe stanze", thriller filosofico incentrato sulla misteriosa scomparsa di un attore argentino, e "Guardami più forte", dove, in una Roma da Nouvelle Vague, i destini di quattro personaggi si incrociano in modi imprevedibili. 

 

Testo tratto dal blog di Alessandro di Virgilio

Sceneggiatore, dal 1986 al 1992 ha lavorato per il Giornalino e per riviste cult come Splatter. Dopo circa 15 anni di bernazione, torna a scrivere. Da allora ha pubblicato un bel po' di libri, tra cui "La Grande Guerra, storia di Nessuno", "ThyssenKrupp, Morti Speciali S.p.A.", per la BeccoGiallo; "Un filo di nebbia" per la Tunué..., ha partecipato a diversi volumi antologici, tra cui Mono 4 e 8. Attualmente lavora per la Kawama Editoriale (iComics), Editoriale Aurea (Lanciostory e Skorpio) e Ed. San Paolo (il Giornalino).

 

Testo tratto da ComicsBlog

Mammarella sarà inserito nella collana Lettera 33, ed è tratto da un racconto di Maurizio de Giovanni, che è stato riadattato dallo sceneggiatore Alessandro Di Virgilio (Beccogiallo, Tunuè, NPE) e disegnato da Claudio Valenti.

Magazine

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:546 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto

Intervista con Brian Smuin

03-05-2017 Hits:578 Autori e Anteprime Redazione

  The Brian Smuin’s Interview. A cura di Giorgio Borroni.   A volte internet non è solo battaglie sui social, haters o groupie.  A volte internet ti offre la possibilità di allargare i propri orizzonti conoscendo artisti che provengono dall’altro capo del mondo, hanno lavorato per colossi dell’editoria o dell’intrattenimento, ma non vengono...

Leggi tutto

Terror INC: tra action e gore

02-05-2017 Hits:585 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. “Vivo per guerreggiare, ce l’ho nel sangue e se è quel che voglio io me lo prendo \ gli uomini che ho massacrato, i bambini schiavizzati e tutte le donne di cui ho abusato [...] Mangio le cervella dal teschio dei miei nemici \ e con orgoglio...

Leggi tutto

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:872 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:10465 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:927 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto