Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Moleskine 122 » Quando iniziano le rottamazioni per fare largo ai giovani? [prima parte]

rottamidi Alexis Machine

Me ne stavo spaparanzato a pescare riflettendo sul senso della vita. Era uno di quei classici pomeriggi in cui non hai un cazzo da fare e così ti metti a rimuginare sul fumetto(im)mondo che sta andando a puttane. Come è possibile commettere simili errori nell’era della comunicazione globale? Alla Bonelli stanno sbagliando tutto e il contrario di tutto. Per conquistare i lettori servono idee nuove, idee giovani, originali. Per fabbricare idee nuove servono autori nuovi e giovani. Ah, la parola magica. Dove sono i giovani alla Bonelli? Ha senso puntare sui cavalli d’epoca? Prendiamo un nome a caso. Gianfranco Manfredi. 68 anni. Ha creato Magico Vento e lo ha scritto per 13 anni dal 1997 al 2010. Poi si è dato molto da fare, ma il successo di MV non è più arrivato. Ha creato Volto Nascosto nel 2007 (13 numeri) e Shangai Devil nel 2011 (di 18 numeri). Nel 2014 ritenta con Adam Wild. Ma la musica non cambia. Chiusura annunciata con il numero 26. La Panini ha cercato di valorizzare il suo Magico Vento con una ristampa di volumi a colori. Altro flop. La serie chiude con il numero 25. A questo punto una domanda sarebbe logica. Dopo tutti questi flop (no, vi voglio bene, non tiratemi fuori la solfa delle maxiserie con le conclusioni programmate) ha senso puntare ancora su Gianfranco Manfredi? Nel 1977 cantava con Ricky Gianco la canzone che fece tanto scalpore. Ve la ricordate? Faceva così: «Liberiamo i prigionieri politici!» Per chi non lo sapesse, i prigionieri politici erano i terroristi che ammazzavano la gente che non la pensava come loro. Questo mese ritrovo Manfredi su Tex Willer e la prima cosa che mi viene in mente è che Aquila della Notte quei cosiddetti "prigionieri politici" li avrebbe riempiti di cazzotti e impiccati. Non è che è arrivato il momento di pensionare certi concetti e mandarli ai giardinetti insieme ai prigionieri politici? Nel mondo del fumetto Manfredi è arrivato tardi. Aveva 43 anni suonati quando ha esordito con Gordon Link per i tipi della Dardo.
Gordon Link doveva emulare il successo di Dylan Dog. E qui capisci quanto possono essere miopi gli editori italiani. La Dardo stava proponendo da anni solo delle ristampe dei suoi cavalli di razza (Blek Macigno, Capitan Miki e altri). Nel 1991 volle tornare con un personaggio nuovo. E che fai? Crei un clone (non male, a dire la verità) di Dylan Dog di Tiziano Sclavi? Va avanti per 22 numeri poi si arrende.

Prendiamo un altro nome a caso. Alfredo Castelli. 70 anni. Ha creato Martin Mysteré e lo scrive dal 1982. Un monumento del fumetto italiano. Come diceva il vecchio professor Johns, i monumenti dovrebbero stare nei musei. In Italia rilanciano personaggi e annunciano rivoluzioni. Nel caso del Detective dell’Impossibile la cosa si riduce alla creazione di una testata a colori con le avventure inedite del giovane Martin Mysteré. Non è che magari è più semplice pensionare i vecchi e affidare la direzione delle collane ai giovani? Magari finisce male, ma almeno ci hai provato a fare qualcosa di nuovo. Prendiamo un altro nome a caso. Claudio Chiaverotti che di anni ne ha 51. Insieme ai suoi inseparabili occhiali neri nel 1994 approda sulla serie di Dylan Dog e ne scrive 40 storie. L’ultima nel 2003. Crea Brendon nel 1998 e le cose vanno bene all’inizio. La serie resiste per molti anni, ma la resa arriva con il numero 100 nel dicembre 2014. Chiaverotti fuori gioco? Macchè. Eccolo ritornare con un nuovo personaggio nel 2015. Si chiama Morgan Lost. Somiglianza con l’attore Alain Delon e richiami alla serie di Nightwing (DC Comics). Vabbè, direte voi. Non è mica la prima volta che personaggi italiani vanno alla ricerca di ispirazione in America. Non so quale sarà il destino di Morgan Lost. I  ben informati sanno che i primi 25 numeri di Morgan Lost sono pronti. Aspettiamo di sapere per i successivi. Non era più semplice affidare la serie ad un autore più giovane, magari sotto la direzione di Chiaverotti?

[1 - continua]

Magazine

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:431 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1445 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1295 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1650 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1627 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1618 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:2099 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto