Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Moleskine 119 » Il futuro è dei fumetti anticlericali disegnati male

Moleskine #119

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l'informazione di settore.

Il futuro è dei fumetti anticlericali disegnati male

di Conte di Cagliostro

Fateci caso. A eccezione di Don Zauker, i fumetti anticlericali italiani, così tanto di moda per ora, hanno tutti un minimo comune denominatore: sono disegnati male. Se l’ottimo Giuseppe Pollicelli di questi fumetti cerca di farne una analisi sociologica a più vasto raggio in questo articolo (che ha agitato non poco le anime belle e i soloni fumettofili dell’anticleracalismo a ogni costo), in questa sede invece ci cimenteremo nel delineare un altro tipo di analisi più prettamente critica, fumettologicamente parlando. Mi spiego subito: qui si sostiene la tesi che questi autori usano la satira anticlericale come un furbissimo cavallo di Troia dentro cui nascondere il loro scarso talento fumettistico, giustificandosi a doppia mandata in seconda battuta con l’altrettanto furbissima sedicente cifra stilistica dei “fumetti disegnati male”. Altresì, usano la satira anticlericale come uno scudo che li renderebbe immuni da qualsiasi critica in nome di quella libertà di espressione, la “loro” appunto, secondo cui questo manipolo di autori anticlericali può criticare la religione cristiana ma non può essere criticato per averne satireggiato a volte in modo fastidioso per chi ci crede. In estrema sintesi: vogliono farsi beffe della religione cristiana ma non vogliono essere criticati per questo. Uno strano cortocircuito nella libertà di espressione questo, a pensarci bene. Se li accusi che prendono in giro solo la religione cristiana ma si guardano bene di perculare l’Islam (o l’ebraismo), ti rispondono che “L’Islam in Italia non è un problema” oppure tirano in ballo Breivik come esempio di terrorismo cristiano da contrapporre all’Isis. Ovvero per tenersi a galla ideologicamente, mettono a paragone un pazzo isolato con un'intera organizzazione terroristica a livello mondiale di stampo religioso. Eh sì, perché siamo tutti Charlie finché a morire sono gli altri, ma mica possiamo pretendere pure che i fumettisti italiani anticlericali specializzati non siano pure dei bamboccioni.

Prendiamo ad esempio Davide La Rosa, uno degli esponenti “di spicco” del fumetto anticlericale italiano. È il cosplayer di un fumettista. Scrive male e disegna peggio e soprattutto è molto permaloso. Ovvero: si diverte a farsi beffe della religione cristiana e dei suoi credenti con le sue sagre di pupazzetti da bambino dell’asilo, ma non ama essere a sua volta beffeggiato. Quando abbiamo osato “restituire pan per focaccia” (QUI) al nostro da queste pagine, mal ce ne incolse. Per questo articolo QUI (e QUESTO), La Rosa arrivo addirittura ad accusarci di essere "cattivi e invidiosi" del suo successo. Eppure non gli mancano né i lettori adoranti, né editori disposti a finanziarne le imprese editoriali, nonostante il floppone da edicola di Suore Ninja targato Star Comics.

Si salva con più scioltezza Don Alemanno. Innanzitutto perché si prende meno sul serio. È meno “missionario” rispetto a Davide La Rosa. Disegna molto meglio in uno stile cartoonesco più pulito e funzionale al contesto e soprattutto riesce a strapparti un sorriso mescolando i meravigliosi anni ’80 ad una critica anticlericale molto più fumettosa e calibrata. In Don Alemanno è ampiamente palese l’intenzione di non offendere nessuno ma di divertirsi e divertire. Per Don Alemanno il mio apprezzamento è palese: scarsi mezzi grafici magari, ma intelligenza a pacchi.

In questa breve carrellata di genere (che non ha pretese encliclopediche avendo volutamente omesso qualcuno), veniamo infine agli epigoni più recenti di questa deriva anticlericale “disegnata male (e scritta peggio spesso)”, ovvero Daniele Fabbri e Stefano Antonucci, ovvero gli autori della cosiddetta trilogia di Gesù, pubblicata da Shockdom che ne raccoglie i volumi originariamente autoprodotti dagli stessi autori: un Gesù gay e bestemmiatore incallito è roba fuori tempo massimo che nel fumetto underground americano degli anni ’70 facevano meglio e con più cattiveria. Sicuramente però un buon affare editoriale per Shockdom, specializzato ormai in peones di successo alla Sio (ma sarà vera gloria? Lo scopriremo solo vivendo).

Amorale della fava: viviamo tempi interessanti e se siete disegnatori scarsi e/o scrittori mediocri, buttatevi nel fumetto anticlericale potrebbe diventare per voi un vero e proprio affare. Siete invece disegnatori con talento, che magari avete speso soldi in scuole di fumetto e master con autori affermati e che fate prove a destra e manca da qualche anno senza ancora ottenere lo spazio che meriterebbe il vostro talento? Ma chi ve lo fa fare! Il futuro potrebbe essere anche per voi il “fumetto disegnato male (e scritto peggio spesso)”. In fondo a fare un Gesù gay e bestemmiatore incallito si ottiene molto di più che a volere fare, chessò, fumetto di fantascienza o di avventura dove la storia, l'anatomia e prospettiva abbiamo ancora un senso. 

gesu shockdom01

Ps: mi raccomando commentate, condividete e cliccate, ché qui gli articoli li facciamo anche per questo motivo, oltre che per esprimere le nostre idee. Ah, che bella cosa la libertà di pensiero, quella per cui tu puoi prendere per il cuolo la mia religione e io posso prendere per il culo te che prendi per il culo la mia religione... Yeah!

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1258 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:787 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2701 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2773 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2547 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2796 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2028 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto