Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Moleskine 119 » Il futuro è dei fumetti anticlericali disegnati male

Moleskine #119

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l'informazione di settore.

Il futuro è dei fumetti anticlericali disegnati male

di Conte di Cagliostro

Fateci caso. A eccezione di Don Zauker, i fumetti anticlericali italiani, così tanto di moda per ora, hanno tutti un minimo comune denominatore: sono disegnati male. Se l’ottimo Giuseppe Pollicelli di questi fumetti cerca di farne una analisi sociologica a più vasto raggio in questo articolo (che ha agitato non poco le anime belle e i soloni fumettofili dell’anticleracalismo a ogni costo), in questa sede invece ci cimenteremo nel delineare un altro tipo di analisi più prettamente critica, fumettologicamente parlando. Mi spiego subito: qui si sostiene la tesi che questi autori usano la satira anticlericale come un furbissimo cavallo di Troia dentro cui nascondere il loro scarso talento fumettistico, giustificandosi a doppia mandata in seconda battuta con l’altrettanto furbissima sedicente cifra stilistica dei “fumetti disegnati male”. Altresì, usano la satira anticlericale come uno scudo che li renderebbe immuni da qualsiasi critica in nome di quella libertà di espressione, la “loro” appunto, secondo cui questo manipolo di autori anticlericali può criticare la religione cristiana ma non può essere criticato per averne satireggiato a volte in modo fastidioso per chi ci crede. In estrema sintesi: vogliono farsi beffe della religione cristiana ma non vogliono essere criticati per questo. Uno strano cortocircuito nella libertà di espressione questo, a pensarci bene. Se li accusi che prendono in giro solo la religione cristiana ma si guardano bene di perculare l’Islam (o l’ebraismo), ti rispondono che “L’Islam in Italia non è un problema” oppure tirano in ballo Breivik come esempio di terrorismo cristiano da contrapporre all’Isis. Ovvero per tenersi a galla ideologicamente, mettono a paragone un pazzo isolato con un'intera organizzazione terroristica a livello mondiale di stampo religioso. Eh sì, perché siamo tutti Charlie finché a morire sono gli altri, ma mica possiamo pretendere pure che i fumettisti italiani anticlericali specializzati non siano pure dei bamboccioni.

Prendiamo ad esempio Davide La Rosa, uno degli esponenti “di spicco” del fumetto anticlericale italiano. È il cosplayer di un fumettista. Scrive male e disegna peggio e soprattutto è molto permaloso. Ovvero: si diverte a farsi beffe della religione cristiana e dei suoi credenti con le sue sagre di pupazzetti da bambino dell’asilo, ma non ama essere a sua volta beffeggiato. Quando abbiamo osato “restituire pan per focaccia” (QUI) al nostro da queste pagine, mal ce ne incolse. Per questo articolo QUI (e QUESTO), La Rosa arrivo addirittura ad accusarci di essere "cattivi e invidiosi" del suo successo. Eppure non gli mancano né i lettori adoranti, né editori disposti a finanziarne le imprese editoriali, nonostante il floppone da edicola di Suore Ninja targato Star Comics.

Si salva con più scioltezza Don Alemanno. Innanzitutto perché si prende meno sul serio. È meno “missionario” rispetto a Davide La Rosa. Disegna molto meglio in uno stile cartoonesco più pulito e funzionale al contesto e soprattutto riesce a strapparti un sorriso mescolando i meravigliosi anni ’80 ad una critica anticlericale molto più fumettosa e calibrata. In Don Alemanno è ampiamente palese l’intenzione di non offendere nessuno ma di divertirsi e divertire. Per Don Alemanno il mio apprezzamento è palese: scarsi mezzi grafici magari, ma intelligenza a pacchi.

In questa breve carrellata di genere (che non ha pretese encliclopediche avendo volutamente omesso qualcuno), veniamo infine agli epigoni più recenti di questa deriva anticlericale “disegnata male (e scritta peggio spesso)”, ovvero Daniele Fabbri e Stefano Antonucci, ovvero gli autori della cosiddetta trilogia di Gesù, pubblicata da Shockdom che ne raccoglie i volumi originariamente autoprodotti dagli stessi autori: un Gesù gay e bestemmiatore incallito è roba fuori tempo massimo che nel fumetto underground americano degli anni ’70 facevano meglio e con più cattiveria. Sicuramente però un buon affare editoriale per Shockdom, specializzato ormai in peones di successo alla Sio (ma sarà vera gloria? Lo scopriremo solo vivendo).

Amorale della fava: viviamo tempi interessanti e se siete disegnatori scarsi e/o scrittori mediocri, buttatevi nel fumetto anticlericale potrebbe diventare per voi un vero e proprio affare. Siete invece disegnatori con talento, che magari avete speso soldi in scuole di fumetto e master con autori affermati e che fate prove a destra e manca da qualche anno senza ancora ottenere lo spazio che meriterebbe il vostro talento? Ma chi ve lo fa fare! Il futuro potrebbe essere anche per voi il “fumetto disegnato male (e scritto peggio spesso)”. In fondo a fare un Gesù gay e bestemmiatore incallito si ottiene molto di più che a volere fare, chessò, fumetto di fantascienza o di avventura dove la storia, l'anatomia e prospettiva abbiamo ancora un senso. 

gesu shockdom01

Ps: mi raccomando commentate, condividete e cliccate, ché qui gli articoli li facciamo anche per questo motivo, oltre che per esprimere le nostre idee. Ah, che bella cosa la libertà di pensiero, quella per cui tu puoi prendere per il cuolo la mia religione e io posso prendere per il culo te che prendi per il culo la mia religione... Yeah!

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:270 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11548 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:679 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1067 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1220 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1410 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto