Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Recchioni processa Di Clemente, ma si scorda di quando ammise di avere plagiato Dan Simmons

robertorecchioni

Moleskine #82

La rubrica più politicamente scorretta del fumetto italiano. Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore.

Recchioni processa Di Clemente, ma si scorda di quando ammise di avere plagiato Dan Simmons

di Giorgio Messina

Ugo Intini raccontava che Pietro Nenni ammonisse i giovani socialisti dicendo che “a fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro... che ti epura”. Chissà cosa direbbe il vecchio leader socialista se vedesse oggi il circolo dei puri, delle anime belle del fumettomondo, che si è radunato attorno al falò acceso sul suo profilo Facebook da Roberto Recchioni. Sul banco degli imputati ovviamente Paolo Di Clemente a cui affibbiare il marchio di infamità del plagiatore.

La cosa che più sorprende e che a condannare il “collega”, si sono accaniti anche Claudio Villa, Pasquale Frisenda, Andrea Cascioli, Carmine Di Giandomenico e altri più o meno noti, per un totale di 517 commenti! Se non era una caccia all’uomo virtuale poco ci è mancata. Mutatis mutandum, la dinamica messa in moto da Recchioni sul suo blog, sembrava ricordare quello che produsse l’appello di Camilla Cederna contro il Commissario Calabresi sul L’Espresso a giugno del ’71. Quell’appello fu firmato da 800 esponenti dell’intellighenzia dell’epoca. Allora si additava Calabresi come assassino, oggi si addita Di Clemente come plagiatore. Mi perdonerà il lettore per il paragone ardito tra i due casi, uno finito nel sangue, uno finito in minchiate varie ed eventuali formato fumettomondo. Se tale paragone si è usato in questa sede era solo per analizzare le dinamiche che mettono in moto i linciaggi mediatici.

Si badi bene, però. Anche noi su questa rubrica abbiamo indicato lo strano scopiazzare rilevabile in una copertina e in un disegno da fiera realizzati da Di Clemente. Ma non lo avevamo fatto per additare l’autore bonelliano come plagiatore, ma bensì per chiedere come mai alla Bonelli, il cui modello produttivo è da sempre caratterizzato da uno stretto controllo in fase di supervisione, fossero sfuggite le similitudini dei disegni di Di Clemente con alcuni di Jim Lee.

Sgombriamo però subito il campo da ulteriori dubbi. Le vignette interne di Nathan Never gigante numero 15 realizzate da Di Clemente che Recchioni addita come prova del plagio (“non confondiamo il post-modernismo con la copia” scrive la rockstar autolettasi del fumettomondo), per quanto ci riguarda non sono copie, ma citazioni. Basta leggere il volume contestualizzandone la lettura, per capire che abbiamo a che fare con una sottotrama che omaggia Bilal con una citazione a doppio filo, sia narrativa che visiva. E fino a prova contraria mi pare che il fumetto sia ancora un medium composto dalla correlazione di testi e disegni. Chissà quanti dei colleghi di Di Clemente che hanno infarcito i 517 commenti hanno letto il Nathan Never gigante oggetto dello scandalo che scandalo non è. A giudicare alcuni commenti, non è peregrino pensare che molti dei commenti di pancia si basino solo sull’immagine postata su FB da Recchioni che ha acceso il falò.

diclemente bilal

Ma torniamo a Pietro Nenni e Roberto Recchioni. Applicando il detto del vecchio leader socialista alla rockstar del fumetto si scopre che il più puro che epura lo sceneggiatore di una manciata di Dylan Dog e di un futuro Tex è proprio Google, che in questo terzo millennio ha sostituito ampiamente la provvida sventura di manzoniana memoria e il contrappasso dantesco. Infatti ravanando sul web si scopre che Roberto Recchioni, che oggi fa il puro che condanna chi copia (forse ancora scottato da quello che combinò Giuseppe Ferrario sulle Cronache del Mondo Emerso che Recchioni sceneggiava per la Panini), nel settembre 2003 ammetteva candidamente in una discussione su It.arti.fumetti che aveva plagiato delle pagine di Dan Simmons.

Scriveva Recchioni: «Alcune invenzione nella trama (a cominciare dalle prime pagine, talmente fulminanti che non ho resistito alla tentazione di plagiarle bassamente), lo stile di scrittura e l'umorismo... piazzano "Lungo una strada pericolosa" un gradino più in alto di roba come quella di Cussler.»

Insomma Recchioni dice di avere plagiato “bassamente” le prime pagine del romanzo “Lungo una strada pericolosa” di Simmons. Sarebbe interessante capire, a questo punto, il plagio dichiarato a quale produzione di Recchioni del 2003 (pubblicata precedentemente o anche successivamente) si riferisca: ad una delle storie libere realizzate per Lancio e Skorpio oppure ad uno dei numeri di John Doe, il cui primo albo era uscito nel giugno del 2003? Ah, saperlo…

Ecco. Invece di additare Di Clemente, Recchioni potrebbe fare outing e raccontarci i suoi plagi sul suo blog o sul suo spazio FB. E se lo facesse, sarebbe interessante vedere se i vari Villa, Frisenda, Di Giandomenico, Cascioli e compagnia condannante scriveranno a Recchioni quello che hanno scritto per Di Clemente.

Insomma, oggi, se fosse ancora vivo, Nenni probabilmente direbbe che nell'era del web 2.0 a fare il puro su internet si finisce che Google ti epura. E dire che prima ancora di Pietro Nenni, e di Google, un certo Gesù Cristo aveva detto: «Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

Ps: nel Moleskine #80 avevo ipotizzato che Michele Ulisse avrebbe potuto essere uno dei “nom de plume” con cui i bene informati delle cose bonelliane raccontano che Sergio Bonelli si divertisse parecchio a firmarsi per intervenire su riviste e fanzine in polemiche che lo riguardavano. Rettifico: Michele Ulisse è vivo, è vegeto e combatte insieme a noi per un fumettomondo migliore.

Magazine

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:431 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1445 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1295 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1650 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1627 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1618 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:2099 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto