Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Metafora calcistica: si scrive Double Shot, si legge Lion

lioncomics
Moleskine #74

La rubrica più politicamente scorretta del fumetto italiano. Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore.

Metafora calcistica: si scrive Double Shot, si legge Lion

di Giorgio Messina

Immaginate di comprarvi il Milan e che poi, per vincere lo scudetto, vi compriate solo giocatori di serie C. Nessun fuoriclasse. Nessun top player. Solo giovani promettenti provenienti dalle serie inferiori. Ecco, la Lion, la divisione di RW Edizioni, il nuovo soggetto editoriale che ora gestisce i diritti DC in Italia in orbita Alastor, in fin dei conti, al momento, è esattamente questo. Potenzialmente il secondo editore italiano di fumetti supereroistici dopo la Panini, realisticamente un oggetto volante non ancora identificato.

Sgombriamo subito il campo però da alcuni dubbi. Innanzitutto va riconosciuto a Pasquale Saviano, dominus di Alastor e ora CEO di Lion/RW, che ogni volta che sembra che stia per avviarsi - imprenditorialmente parlando - verso un vicolo cieco, ecco che ha l’abilità di tirare fuori un inaspettato asso dalla manica e di sparigliare le carte sul tavolo cambiando d’improvviso la situazione in essere. Planeta abbandona l’Italia dopo 5 anni di investimenti - anche massicci - e di - altrettanto massicci – errori? (Quasi) tutti danno per (quasi) condannata Alastor privata dell’editore di maggior fatturato? Ecco che il Saviano - mutatis mutandum – quasi “berlusconianamente” scende in campo direttamente trasformandosi anche in editore. Così arriva l’acquisizione dei diritti DC e la nascita di RW/Lion. Pasquale Saviano, in questa situazione, ricorda molto quei giocatori d’azzardo nel vecchio far west, che per non perdere 1 dollaro se ne giocavano 5. Anche questi hanno contribuito con il loro eroismo al tavolo da gioco alla conquista del west. Ma questo non è un saloon, questo è il fumettomondo. Chiariamo quindi a questo punto che i dubbi che nutro nell’osservare i primi passi DC comics della neonata RW/Lion non sono solo miei in questo gennaio 2012 che registra il passaggio di testimone con la Planeta. Scrive in un commento, ad esempio, Domenico Bottalico di Mangaforever: «non posso non essere d’accordo sulla questione dei nomi in seconda di copertina su cui ci sarebbe molto da riflettere anche nell’ottica della qualità dell’editoria italiana a fumetti…»

In rete la scesa in campo della RW/Lion e l'operato della redazione messa in piedi, i Saviano Boys, ha diviso il pubblico degli acquirenti che commentano on line. Equamente si schierano in falchi e colombe. I falchi, abituati a contestare alla Planeta qualsiasi refuso, alla RW/Lion contestano non solo i refusi, ma anche la grafica, la qualità di stampa e della carta e alcune scelte poco felici come, ad esempio, l’avere usato scansioni, in mancanza di impianti originali, per presentare alcune storie nei numeri zero (e i numeri zero non sono forse i biglietti da visita di un editore di questo calibro?). Le colombe invece, dopo avere anche esse, fatto i falchi contro la Planeta, nei confronti della RW/Lion sono improvvisamente garantisti e chiedono tempo per potere giudicare. Bisogna insomma smetterla di criticare la RW anche se sbaglia, perché bisogna dargli tempo di rodare con calma il nuovo ingranaggio editoriale. Sergio L. Duma, sempre di Mangaforever, è arrivato anche a scrivere dei "denigratori" della RW/Lion quanto segue: «Questo perché i fumetti in Italia sono letti anche da una minoranza di bimbominchia che, invece di aspettare e concedere un periodo di rodaggio a un’etichetta ai nastri di partenza, sbraita e protesta, essendo composta da gente simile a quei bambocci viziati che si fanno cucinare il pranzo dalla mamma per poi dire che il suddetto pranzo fa schifo.» Insomma chi si lamenta oggi delle scelte della Lion è un bimbominchia, mentre quando si lamentava della scelte della Planeta aveva tutti i sacrosanti diriti di lamentarsene.

In mezzo a questo doppiopesismo si colloca la scelta di Pasquale Saviano di innestare nella redazione della RW/Lion (22 uscite al mese) - praticamente in toto - i tipi della Double Shot (10 uscite l’anno) . La redazione della RW/Lion è stata poi completata con curricula infarciti di mogli, amici forumisti, e carneadi vari ed eventuali. Assenti (quasi del tutto) i professionisti di lungo corso. Ora, sono sicuro che i più attenti tra i lettori mi contesteranno il fatto che negli anni belli che furono, quei venti anni orsono, quando per i supereroi la facevano da padroni la Star Comics e la Play Press, i redattori delle due case editrici, i vari Bottero e Lupoi per semplificare, erano all’epoca degli illustri sconosciuti. Vero. Ma è anche vero che quando la Play e la Star riportarono i supereroi definitivamente con forza in edicola si veniva dal buco nero successivo all’era Corno. E dove si sarebbero potuti e dovuti formare le nuove leve se l’affondamento della Corno aveva quasi estinto il supereroe dal panorama editoriale italico in edicola?

Con questo voglio dire, cari lettori, che l’esordio non esaltante dei Saviano Boys (redattori che si scusano pubblicamente con i lettori dei loro errori dicendo che è il loro primo incarico…) nel nuovo corso editoriale degli eroi DC, Batman e Superman su tutti, in Italia in questo 2012 dipende molto anche dalle scelte dei giocatori selezionati per vincere lo scudetto. Se vuoi competere con la Panini e con l’esperienza più che ventennale dei loro editor e traduttori di spicco, ci voleva qualcosa di più di una banda di giovani promesse. Ci voleva quantomeno un nome di spicco. Un addetto ai lavori di comprovata esperienza per ricoprire quantomeno il ruolo di direttore editoriale. Uno, ad esempio, come Andrea Materia. Uno che insomma sa dare una direzione perché ha l’esperienza per poterla dare.
Per continuare nel paragone calcistico, non è forse Pirlo, giocatore intelligente e di comprovata esperienza, che fa la differenza nella Juventus 2011-2012? E se prendi il Pescara, nuova provincia di Zemanlandia, che così bene sta facendo in serie B, non è che in serie A possa puntare allo scudetto... A meno che non si giochi con la Playstation... Senza fuoriclasse, puoi parlare di scudetto o zona Champions, ma poi rischi di finire a lottare per non retrocedere. Un esempio? La Sampdoria 2010-2011 quando Cassano e Pazzini andarono via. Speriamo che non sia il caso di Pasquale Saviano e dei Saviano Boys. Sicuramente per potere competere con la Panini quello che per ora è stato messo in campo dalla RW/Lion non basta.

Visto che ormai ci troviamo in mezzo ad un bipolarismo editoriale “perfetto” tra PAN-Panini e Alastor-RW/Lion, auguri sinceri ai Saviano e ai Saviano Boys e occhio al mercato di riparazione. La storia dei supereroi DC comics in Italia insegna.
lion-gerenza-gennaio-2012
Ps: i simpatici amici "fintamente goliardici" del bar dello sport (sempre più infarcito di addetti ai lavori e ai livori) si sono andati a ritirare, anche loro, in una stanzuccia segreta per continuara a insultarci e a (s)parlare di Fumetto d'Autore. A volte andarsi a nascondere è la migliore scelta possibile. Li applaudo, anche se potevano pensarci prima a togliere il disturbo pubblicamente. Questo articolo, però lo dedico a loro "baristi", soprattutto perchè uno di costoro adesso è diventato anche uno dei membri della redazione di RW/Lion. Ormai per fare carriera nel fumettomondo fanno curriculum anche i post nei forum fintamente goliardici.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1233 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:770 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2670 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2754 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2529 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2776 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2006 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto