Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

  • Categoria: Moleskine
  • Visite: 5000

Decalolgo e Pregiudizio

moleskineMoleskine #54

La rubrica più politicamente scorretta del fumetto italiano. Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore.

Il decalogo per avere successo nel fumettomondo + il pregiudzio dei lettori (per gentile concessione di Luigi Siviero e House of Mystery)

di Giorgio Messina

Decalogo per avere successo nel fumettomondo (o prime 10 leggi di Moleskine della Grande Amicizia )

Legge Zero: se volete essere miei amici, fate quello che vi dico, ma io faccio quello che mi pare. 

Primo: nel fumettomondo, contano più le amicizie che il talento.

Secondo: nel fumettomondo, la credibilità è frutto di un giro di pacche sulle spalle tra amici. 

Terzo: nel fumettomondo, il nemico del mio amico è mio nemico. 

Quarto: nel fumettomondo, gli amici hanno sempre ragione, anche quando hanno palesemente torto. 

Quinto: nel fumettomondo, chi ti critica, lo fa perché è invidioso. 

Sesto: nel fumettomondo, se non siete miei amici, io sono io e voi non siete un cazzo. 

Settimo: nel fumettomondo anche se siete miei amici, io ho visto cose che voi umani non potreste nemmeno immaginare.

Ottavo: nel fumettomondo chi non è mio amico scrive e/o disegna come un dilettante, chi è mio amico invece scrive e/o disegna come il nuovo maestro del fumetto. Corollario: ma io, in confronto ai miei amici, sono molto più bravo in quello che faccio anche se quello che faccio non mi piace. 

Nono: nel fumettomondo ha ragione chi ha più amici. 

Decimo: nel fumettomondo se gli amici non bastano per difenderti, interverrà mammà. 

//

Per gentile concessione di Luigi Siviero, riporto un articolo apparso lunedi 8 agosto 2011 sul suo blog di informazione sul fumetto, House of Mystery, a questo indirizzo. L’articolo è illuminante rispetto a quello che può produrre il pregiudizio di un lettore. 

Un articolo di Libero fa infuriare i fan di Spider-Man

di Luigi Siviero

Nel settore dei fumetti Libero è più affidabile di Repubblica!
Su Repubblica un povero mentecatto
ha scritto che il nuovo Spider-Man è un afro-asiatico. Libero invece ha pubblicato un articolo di Giordano Tedoldi nel quale è stato spiegato correttamente chi è il nuovo Spider-Man ed è stato aggiunto che il personaggio vive in un universo alternativo diverso dall'Universo Marvel tradizionale nel quale Peter Parker è ancora vivo.

Non che l'articolo di Tedoldi sia un capolavoro... Come tutti i giornalisti Tedoldi ha scritto "Spiderman" anziché "Spider-Man" (in un articolo su Spider-Man non è poco...). Inoltre non ha la più pallida idea di quale sia la personalità di Peter Parker, dal momento che ha scritto: "i supereroi di un tempo, uomini d’acciaio, dotati di superpoteri invincibili e la cui morte era inconcepibile, sono diventati dei super-sfigati e hanno più acciacchi di Geremia, immortale personaggio del gruppo TNT di Alan Ford."
Roba che fa accapponare la pelle anche a chi di Spider-Man ha visto solo i film.
Praticamente Tedoldi ha sentito nominare Spider-Man e la Marvel per la prima volta quando ha scritto l'articolo... Altrimenti avrebbe saputo che Spider-Man è da sempre (dal 1962; Alan Ford è del 1969) un supersfigato con superproblemi.

L'articolo è interessante perché
ha fatto infuriare i fan di Spider-Man.
Perché?

Perché l'articolo è stato pubblicato su Libero, quindi fa schifo ed è razzista a prescindere.

Un fan di Spider-Man ha scritto:
"
Ah, segnalo una delle tante (e gravissime) cantonate prese dall'articolo.
"Black Panther" NON fu creato in omaggio all'omonimo movimento politico. Quest'ultimo venne dopo.
Bastava andare cinque secondi su wikipedia.
Cinque secondi.
"

Peccato che il giornalista non ha commesso l'errore che gli viene attribuito. Dall'articolo:
"Addirittura negli anni ’60, quando ruggiva il movimento politico delle Black Panthers che lottavano per i diritti civili degli afroamericani oltre che per un modaiolo marxismo afro-chic, la stessa Marvel Comics lanciò il personaggio di Black Panther, che anzi fu creato dai leggendari autori Stan Lee e Jack Kirby un po’ prima dell’affermarsi sulla scena politica del movimento omonimo."

Altri utenti hanno scritto commenti di questo tipo:
"Diciamo che è un giornale di merda."
"l'articolo di libero è vergognoso, trasuda razzismo e pressapochismo da ogni linea di testo. è veramente folle che qualcuno pubblichi quella roba."
"Al di la' della natura e dall'impostazione che si vuole dare ad una testata giornalistica, questa e' follia."

Probabilmente i fan di Spider-Man si sono adirati quando hanno letto il vocabolo "negritudine" nell'articolo di Tedoldi:
"Speriamo che questa nuova negritudine, razziale o puramente richiamata dal costume, porti a Superman e Spiderman una sorte migliore di quella toccata a Black Lightning e Black Panther."

Un giornalista di Libero che usa un vocabolo che ha "negro" nella radice è un razzista che solletica gli istinti più bassi della feccia che legge quel quotidiano, devono avere pensato i fan di Spider-Man.

Peccato che "La négritude (in italiano negritudine) è stato un movimento letterario, culturale e politico sviluppatosi nel XX secolo nelle colonie francofone e che coinvolse scrittori africani e afroamericani. Gli esponenti di questo movimento (fra cui Léopold Sédar Senghor, Aimé Césaire, e Guy Tirolien) si proponevano di affrancare i propri popoli dal complesso di inferiorità imposto dai colonizzatori attraverso l'orgogliosa rivendicazione delle qualità peculiari proprie dei neri (la loro "negritudine")." [da
Wikipedia]

Un fan di Spider-Man avrebbe detto:
"Bastava andare cinque secondi su Wikipedia.
Cinque secondi."

Ecco perché il politicamente corretto è una piaga epocale...

ps: in realtà l'articolo non ha "fatto infuriare i fan di Spider-Man". Più semplicemente dei "lettori di fumetti" hanno scritto dei commenti un po' accalorati su un articolo che di primo acchito sembrava razzista. Per scrivere titolo e articolo ho preso in prestito lo stile di Repubblica, in particolare del colonnino della topa.

pps: come sarebbe stata moderata la discussione se al posto di Libero fossero stati presi di mira gli amici e gli amici degli amici?

Magazine

Omegha - Intervista all'autore Enzo Troiano

05-12-2016 Hits:147 Autori e Anteprime Redazione

All’ultima Lucca è stata presentata l’ultima fatica di Enzo Troiano, la graphic novel Omegha edita da Giochi Uniti. La redazione di Fumetto d’Autore ha incontrato Enzo per fargli alcune domande e chiacchierare sulla sua nuova fatica.   Fumetto d’Autore) Ciao Enzo, grazie mille per la tua disponibilità. A Lucca abbiamo visto presentare...

Leggi tutto

Il fantasmagorico Uomo Bagno - Intervista all'autore

22-11-2016 Hits:575 Autori e Anteprime Redazione

Durante l’ultima Lucca Comics and Games un nuovo, piccolo ma interessante, fenomeno editoriale è stato presentato al pubblico della fiera. Si tratta de “l’Uomo Bagno”, fumetto scritto e disegnato da Vito Angelo Vacca precedentemente pubblicato gratuitamente su Facebook e ora edito in versione cartacea da Cagliostro Epress. Abbiamo incontrato Vito Angelo per...

Leggi tutto

Moleskine 122 » Quando iniziano le rottamazioni per fare largo ai giovani? [prima parte]

17-09-2016 Hits:1677 Moleskine Super User

di Alexis Machine Me ne stavo spaparanzato a pescare riflettendo sul senso della vita. Era uno di quei classici pomeriggi in cui non hai un cazzo da fare e così ti metti a rimuginare sul fumetto(im)mondo che sta andando a puttane. Come è possibile commettere simili errori nell’era della comunicazione globale?...

Leggi tutto

Moleskine 121 » E se il curatore non si mangia il panettone?

11-09-2016 Hits:2946 Moleskine Super User

di Alexis Machine* Dove eravamo rimasti? Dopo tre anni di gestione e furiose polemiche si avvicina la conclusione della gestione di Dylan Dog di Roberto Recchioni. I bene informati (non chiedetemi i nomi) raccontano che tra pochi mesi o anche prima, la rockstar del fumetto italiano saluterà i lettori tra attestati...

Leggi tutto

Daitarn 3: apologia di un eroe rinnegato

07-11-2015 Hits:14496 Cuore e Acciaio Tiziano Caliendo

di Tiziano Caliendo Avrei dovuto – per amor di cronaca e storicità – scrivere un articolo su Muteki Kojin Daitarn 3 che fornisse al lettore “ignaro” o “superficiale” informazioni tecniche dettagliate o aneddoti, ma poi in fondo questa non è mai stata una serie tipica o convenzionale, e allora perché essere...

Leggi tutto

Ginguiser, il Super Robot magico

26-06-2015 Hits:13274 Cuore e Acciaio Tiziano Caliendo

di Tiziano Caliendo Tra tutti gli anime robotici degli anni settanta, Chogattai Majutsu Robot Ginguiser (1977) rappresenta il ground zero della logica fantascientifica o, semmai, l’apoteosi della fantasia intesa come pura ed incontaminata evasione. Rivedere la serie con occhi adulti può suscitare solo reazioni estreme: o la si cestina con disgusto...

Leggi tutto