Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Gothic & Lolita: nipponizzazione di una moda occidentale

jpl-gothiclolita03Adi Gloria Carpita*

Nella moda gothic lolita elementi occidentali della moda vittoriana vengono nipponizzati: l’Oriente guarda all’Occidente non come una cultura dominante piuttosto come qualcosa di esotico.  Il riferimento all’Occidente è già presente nel termine stesso, gothic lolita.

Il termine gothic si riferisce allo stile vestimentario gotico, il termine lolita ad uno stile vestimentario fanciullesco. Si tratta di un garaigo, ossia di una parola straniera scritta in katakana (sillabario giapponese usato per scrivere tutto ciò che non è autoctono). L'adattamento fonetico trasforma la parola straniera in una parola giapponese, ossia in un garaigo: gosurori, (traduzione del termine gothic lolita) che pur rifacendosi a due stili vestimentari occidentali  copre l'assenza di una terminologia giapponese corrispondente: li nipponizza.

Abbiamo detto che il termine gothic lolita è l'unione dei nomi dei due stili a cui si ispira la moda giapponese, ed entrambi fanno riferimento a due mode occidentali, quella gotica e quella infantile.

Per quanto riguarda la caratteristica “gothic”, riprende elementi della moda gotica vittoriana caratteristica del movimento socio-musicale gothic metal degli anni 80 che rifiutando la perfezione e i valori mainstream enfatizza la libertà di espressione valorizzando l'iperfemminilità e l'androginia maschile attraverso una forte estetizzazione di entrambi i sessi. Il recupero del passato non è passivo: è riscrittura del gusto nostalgico di un'era perduta intessuta di  romanticismo e avventura, una nostalgia attiva che trasforma il passato travolgendone l'ordine. Lo stile gothic lolita del gothic riprende dunque la sensibilità nostalgica vittoriana di un passato favoleggiato che non è mai esistito: non vuole ripetere con accuratezza storica un reale periodo ma ricrea un mood di romanticismo e arcaismo. L'altro riferimento culturale è locale, è il visual kei, movimento rock nato in Giappone negli anni 80 e diffusosi negli anni 90 che spazia tra il rock e il metal, caratterizzato da costumi teatrali ed effetti visivi che esaltano la teatralità delle esibizioni con forte connotazione estetica e glam. L'accostamento di costumi appartenenti ad epoche storiche antiche sia occidentali che orientali manifestano un'adesione alla tradizione culturale ma accostati ad elementi sonori e visivi moderni manifestano uno spirito di ribellione e contrapposizione a tutto ciò che appare vecchio. Quindi la ripresa di elementi occidentali transnazionalizza la moda vittoriana europea mentre la cultura giapponese la localizza fondendovi elementi sconosciuti alla subcultura gotica occidentale, quelli del kawaii.

Il kawaii è un codice estetico sviluppatosi tra la metà degli anni 60 e 70 che si fonda su elementi infantili, romantici, dai colori pastello (nella moda soprattutto negli anni 80), forme androgine (sopratutto negli ani 90), nella moda si esprime con vestiti dal taglio piccolo e stretto, con maniche a sbuffo, fiocchi. Viene incoraggiata l'enfatizzazione di una femminilità acerba, innocente attraverso l'adozione di vestiti ispirati a quelli delle bambole. Quest'ambivalenza tra look gotico scuro e look infantilizzato crea una nuova definizione del gothic che assume una connotazione di “lolita” prettamente giapponese: non la ragazzina seducente ma l'adolescente che si trucca e si veste sgargiante, riprendendo la notevole importanza nella società giapponese per la dimensione pubblica dell'apparire, per la quale l'elemento superficiale è luogo di incessante lavoro di preparazione e confezionamento.

La moda gothic lolita veste le ragazze giapponesi che accolgono questo stile come delle moderne bambole vittoriane riproponendo la bellezza rivestita e confezionata della geisha. 

jpl-gothiclolita03B

*autrice del saggio "Gothic Lolita. Storia, forme e linguaggi di una moda giapponese", pubblicato dalla Società Editrice La Torre.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:642 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11722 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:745 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1164 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1282 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1472 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto