Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Un museo di carta per celebrare l'arte di Hergé

di Giuseppe Pollicelli* 

«Questo libro è un museo di carta che fa da eco al vero e proprio Museo Hergé di Louvain-la-Neuve, in Belgio. In quasi cinquecento pagine esprime l’intera opera di colui che il filosofo Michel Serres ha definito uno dei più grandi artisti del XX secolo». Quanto afferma nella sua prefazione Fanny Rodwell, presidente del Museo Hergé di Louvain-la-Neuve (località nei pressi di Bruxelles), descrive in modo ottimale le caratteristiche del volume Tintin. L’arte di Hergé (pp. 482, euro 29,90), curato da Michel Daubert e pubblicato in italiano, in una versione in tutto e per tutto fedele a quella originale, dalle Edizioni L’Ippocampo. E questo libro, come talora capita con i musei, è bello non solo per ciò che contiene ma anche esteriormente: è cioè, di per sé, un esempio eccellente di arte cartotecnica, con il suo formato quadrotto, la copertina bianca con incisa una silhouette nera di Tintin, la costola plastificata e i bordi delle pagine rossi con degli scacchi bianchi, a richiamare il razzo di uno degli episodi più famosi di Tintin, Obiettivo Luna del 1950. Se Tintin e le sue magnifiche tavole d’avventura a fumetti, esempio insuperato di “linea chiara”, la fanno da padroni, il libro è un’impareggiabile sequela di schizzi, bozzetti, fotografie, dipinti e rarità varie che rendono piena giustizia al talento di un geniale conservatore - Hergé, al secolo Georges Remi (1907-1983), era un cattolico tradizionalista - di straordinaria modernità.

herge museo carta

*Articolo tratto da “Libero” del 29 ottobre 2014. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:333 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6643 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:414 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:765 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:724 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:932 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto