Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Che antologia bufa!

Pubblicata da Panini, esce la raccolta integrale delle strisce dell’Omino Bufo di Alfredo Castelli.

di Giuseppe Pollicelli*

Spesso le grandi invenzioni nascono per caso o in situazioni di emergenza. Non fa eccezione l’Omino Bufo, brillante creazione di Alfredo Castelli - celebre sceneggiatore di fumetti (è il “papà” di Martin Mystère) e divulgatore di notevole livello - che, nell’introduzione al volume “L’Omino Bufo! L’integrale” (Ed. Panini Comics, pp. 290, euro 19,90), raccolta di tutte le strisce del personaggio, ne ricostruisce in questo modo la genesi: “Controllando la ciano del settimanale (il “Corriere dei Ragazzi”, ndR), mi ero reso conto che era scomparso il logo della pagina delle vignette. L’impaginazione elettronica era di là da venire: anziché di file si faceva uso di pellicole; quando se ne perdeva una, come in quel caso, occorreva rifarla con grande perdita di tempo, e c’era fretta. Per puro caso, in Sala Riunioni un Oscuro Madonnaro stava dipingendo con i gessetti un’immagine del ‘Maggioni dei Sette Dolori’ (Maggioni era un redattore in odore di santità). Tra me e l’artista si formò subito una misteriosa simbiosi e, senza bisogno di scambiarci una parola, lui disegnò su un pezzo di pellicola una gag che sostituiva il logo perduto”. Una ricostruzione del tutto fantasiosa, visto che il merito (o, se si preferisce, la responsabilità) dell’ideazione dell’Omino Bufo è da attribuire interamente a Castelli, il quale da quel momento (era il 1972), firmandosi talvolta Pitore di Santini (rigorosamente con una T in meno), riutilizzerà in numerose occasioni la sua buffa (anzi, bufa) creaturina disegnata alla bell’e meglio e protagonista di gag dalla comicità basica. Basica fino a un certo punto, peraltro, visto che spesso i giochi di parole in cui consistono le battute dell’Omino Bufo (in questa pagina ne riproduciamo alcuni esempi) non sono per nulla “facili” e, anzi, al di là delle esibite sgrammaticature, per essere compresi e apprezzati richiedono una buona confidenza con le sfumature della lingua italiana. Senza contare che le freddure sono un po’ come l’arte contemporanea: ai tanti che dicono “Questo potevo farlo pure io” è doveroso rispondere “E allora perché non lo hai fatto?”. Vale per un ready made come per una lepidezza. A partire dal 1992, dopo vent’anni di apparizioni piuttosto sporadiche, l’Omino Bufo viene preso in consegna da un bravissimo autore di fumetti, allora assai giovane, di nome Francesco Artibani, oggi affermato autore disneyano (e non solo), il quale, limitandosi a conferire un minimo standard stilistico al tratto “scarabocchiato” di Castelli, si rivelerà sulle pagine del mensile “Cattivik” un vice Pitore di Santini di tutto rispetto, tant’è vero che la grande maggioranza delle strisce presenti nel libro della Panini sono opera sua (così come a lui si devono tutte le demenziali avventure della versione “bufa” di Martin Mystère). Da qualche anno, purtroppo, anche Artibani ha abdicato, e l’Omino Bufo attende chi gli faccia interpretare nuove ed esilaranti facezie nonsense. C’è mica qualcuno, magari fra i nostri lettori, che ha voglia di proporsi?

ominobufo copertina

ominobufo 01

ominobufo 02

ominobufo 03


*Articolo tratto da “LiberoVeleno” (inserto satirico del quotidiano  Libero) del 24 novembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:10 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:11514 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:655 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1046 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1201 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto

Intervista a Paolo di Orazio, il pioniere dell’horror estremo in Italia

12-05-2017 Hits:1380 Autori e Anteprime Redazione

di Giorgio Borroni Da ragazzi li nascondevamo sotto il letto dai rastrellamenti, guardavamo con un occhio le loro pagine e con l’altro la porta della camera: questo per percepire ogni minimo movimento ed evitare di essere colti in flagrante mentre li sfogliavamo. No, non erano i banali giornalini porno, erano opere che...

Leggi tutto