Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Che antologia bufa!

Pubblicata da Panini, esce la raccolta integrale delle strisce dell’Omino Bufo di Alfredo Castelli.

di Giuseppe Pollicelli*

Spesso le grandi invenzioni nascono per caso o in situazioni di emergenza. Non fa eccezione l’Omino Bufo, brillante creazione di Alfredo Castelli - celebre sceneggiatore di fumetti (è il “papà” di Martin Mystère) e divulgatore di notevole livello - che, nell’introduzione al volume “L’Omino Bufo! L’integrale” (Ed. Panini Comics, pp. 290, euro 19,90), raccolta di tutte le strisce del personaggio, ne ricostruisce in questo modo la genesi: “Controllando la ciano del settimanale (il “Corriere dei Ragazzi”, ndR), mi ero reso conto che era scomparso il logo della pagina delle vignette. L’impaginazione elettronica era di là da venire: anziché di file si faceva uso di pellicole; quando se ne perdeva una, come in quel caso, occorreva rifarla con grande perdita di tempo, e c’era fretta. Per puro caso, in Sala Riunioni un Oscuro Madonnaro stava dipingendo con i gessetti un’immagine del ‘Maggioni dei Sette Dolori’ (Maggioni era un redattore in odore di santità). Tra me e l’artista si formò subito una misteriosa simbiosi e, senza bisogno di scambiarci una parola, lui disegnò su un pezzo di pellicola una gag che sostituiva il logo perduto”. Una ricostruzione del tutto fantasiosa, visto che il merito (o, se si preferisce, la responsabilità) dell’ideazione dell’Omino Bufo è da attribuire interamente a Castelli, il quale da quel momento (era il 1972), firmandosi talvolta Pitore di Santini (rigorosamente con una T in meno), riutilizzerà in numerose occasioni la sua buffa (anzi, bufa) creaturina disegnata alla bell’e meglio e protagonista di gag dalla comicità basica. Basica fino a un certo punto, peraltro, visto che spesso i giochi di parole in cui consistono le battute dell’Omino Bufo (in questa pagina ne riproduciamo alcuni esempi) non sono per nulla “facili” e, anzi, al di là delle esibite sgrammaticature, per essere compresi e apprezzati richiedono una buona confidenza con le sfumature della lingua italiana. Senza contare che le freddure sono un po’ come l’arte contemporanea: ai tanti che dicono “Questo potevo farlo pure io” è doveroso rispondere “E allora perché non lo hai fatto?”. Vale per un ready made come per una lepidezza. A partire dal 1992, dopo vent’anni di apparizioni piuttosto sporadiche, l’Omino Bufo viene preso in consegna da un bravissimo autore di fumetti, allora assai giovane, di nome Francesco Artibani, oggi affermato autore disneyano (e non solo), il quale, limitandosi a conferire un minimo standard stilistico al tratto “scarabocchiato” di Castelli, si rivelerà sulle pagine del mensile “Cattivik” un vice Pitore di Santini di tutto rispetto, tant’è vero che la grande maggioranza delle strisce presenti nel libro della Panini sono opera sua (così come a lui si devono tutte le demenziali avventure della versione “bufa” di Martin Mystère). Da qualche anno, purtroppo, anche Artibani ha abdicato, e l’Omino Bufo attende chi gli faccia interpretare nuove ed esilaranti facezie nonsense. C’è mica qualcuno, magari fra i nostri lettori, che ha voglia di proporsi?

ominobufo copertina

ominobufo 01

ominobufo 02

ominobufo 03


*Articolo tratto da “LiberoVeleno” (inserto satirico del quotidiano  Libero) del 24 novembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:192 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto

Analogie kafkiane tra Egon Schiele e Angelo Stano

12-09-2017 Hits:591 Critica d'Autore Redazione

    Le atmosfere gotiche nell’opprimente angoscia di un comune tratto artistico di Roberto Scaglione   Forse non aveva tanto torto Hugo Pratt a definire il fumetto quale “letteratura disegnata”, con un chiaro omaggio autoreferenziale alle proprie indelebili opere ed in particolare alla più rilevante, quel Corto Maltese che lo rese celebre come uno dei...

Leggi tutto

Monolith - il film: Recensione e Analisi

21-08-2017 Hits:1563 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

di Lorenzo Barruscotto (contiene – forse - spoiler) Il nostro Lorenzo Barruscotto, titolare della seguitissima rubrica Osservatorio Tex, recensisce Monolith, il film coprodotto da Sky che vede l'esordio alla produzione cinamtografica di Sergio Bonelli Editore.Il fim, distribuito in 200 sale, dal 12 agosto, giorno della prima, al 20 agosto ha incassato 265.808...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:1436 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:1798 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:1750 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:1748 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto