Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

I fumetti di Faeti capaci di raccontare il carattere italiano

faeti copertinadi Giuseppe Pollicelli*

Elsa Morante distingueva tra scrittori e scriventi, inserendo nel primo novero tutti coloro per i quali la scrittura è un’esigenza ineldubile, lo strumento d’elezione attraverso cui rapportarsi al mondo nel tentativo di comprenderlo, e nella seconda categoria chi dello scrivere fa un uso per lo più strumentale. Occorre dire che vi sono raffinati scrittori i quali, a differenza della Morante, non danno il meglio di sé con la narrativa, che talora non hanno mai praticato né mai praticheranno, bensì misurandosi con altri generi che non prevedono il ricorso alla finzione. Di questa eletta schiera fa parte Antonio Faeti, bolognese classe 1939, storico dell’illustrazione e massimo esegeta italiano della letteratura per l’infanzia. La scrittura avvolgente, colta, stilisticamente ineccepibile di Faeti (il quale in un’occasione si è pur misurato con la narrativa: il romanzo “Il ventre del comunista”, edito da Einaudi, è del 1999) si esprime nel modo più compiuto per mezzo della saggistica. Ma i libri di Faeti non sono semplici saggi. Come conferma il suo recente e bellissimo La storia dei miei fumetti. L’immaginario visivo italiano fra Tarzan, Pecos Bill e Valentina (Ed. Donzelli, pp.426, euro 32, con numerose illustrazioni a colori e in bianco e nero), sono al contempo memorialistica, analisi storico-sociologica e, soprattutto, critica d’arte ai livelli più alti. Faeti, che è (con Buscaroli, Arbasino, Eco, Fofi e una manciata d’altri) uno dei nostri pochi e autentici eruditi, dà vita con la sua prosa finissima a un’autobiografia sentimentale che, nel passare in rassegna fumetti e autori celeberrimi (da Flash Gordon a Jacovitti) e altri misconosciuti (da Tony Falco a Nadir Quinto), riesce a farsi biografia di una nazione. Una biografia regressiva e pessimista, i cui toni apocalittici fanno però mirabilmente luce sulle vicende e sul carattere del popolo italiano. Chi ama i fumetti dev’essere orgoglioso che sappiano attivare tanta intelligenza e tanto sapere.

*Articolo tratto da "Libero" del 23 giugno 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:333 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6643 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:414 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:765 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:724 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:932 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto