Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Franco Donatelli: la scheda ritrovata

franco donatelli tavolaFranco Donatelli (Alessandria, 13 marzo 1925 - Milano, 15 novembre 1995)

Originariamente scritta da Giuseppe Pollicelli per il volume "Fumetto. 150 anni di storie italiane", a cura di Gianni Bono e Matteo Stefanelli (Ed. Rizzoli, 2012), la scheda su Franco Donatelli è stata purtroppo depennata all'ultimo momento. Apparsa di recente sul n. 9 della rivista "Cronaca di Topolinia", viene qui riproposta, a beneficio dei lettori di Fumetto d'Autore, unitamente al box sull'opera più rappresentativa di Donatelli (l'episodio di Zagor "Il giorno della giustizia").

di Giuseppe Pollicelli

Non è facile essere un numero uno ma forse lo è ancor meno essere un numero due. Soprattutto, è difficile essere un grande numero due. Franco Donatelli lo è stato e ciò consolida, anziché sminuirli, il suo ruolo e la sua figura nella storia del fumetto italiano. Pur avendo collaborato con molti editori e avendo prodotto, come tutti i professionisti della sua generazione, una quantità esorbitante di tavole, Donatelli è essenzialmente ricordato come il più prolifico disegnatore di Zagor dopo Gallieno Ferri. Ma Donatelli, e qui sta la sua eccellenza, non è stato affatto una “spalla” di Ferri né, meno che mai, un suo epigono, un imitatore o, peggio, una brutta copia. Dati per acquisiti - fin dal suo approdo nello staff dello Spirito con la Scure (risalente al 1968: l’episodio è I disertori, scritto da Sergio Bonelli) - la preminenza e il prestigio di Ferri, Donatelli ha subito evidenziato di voler realizzare un proprio Zagor, con caratteristiche molto diverse da quello di Ferri eppure ugualmente credibile e coerente. Nel giro di una manciata di storie, effettuati i dovuti aggiustamenti di tiro, Donatelli ha messo a punto un universo zagoriano esteticamente differente ma non alternativo a quello di Ferri, bensì complementare. Lo Spirito con la Scure di Donatelli è meno apollineo e statuario di quello ferriano, più longilineo e scattante. Lo stesso discorso vale per gli altri personaggi della serie, in particolar modo quelli negativi, che nelle tavole di Donatelli sono quasi sempre sottili, segaligni e ghignanti, provvisti di una sorta di cattiveria interiore che traspare dall’aria beffarda e dalle fisionomie stravolte dall’attrazione per il male. Volendo riferirsi ai due modelli sommi del fumetto classico statunitense, possiamo dire che, se Ferri è un discepolo di Alex Raymond, Donatelli guarda a Milton Caniff. Ad ogni modo, proprio grazie alla carismatica scelta di battere una strada stilisticamente personale, Donatelli diviene in breve tempo una colonna di Zagor, tanto che, anche in ragione della sua velocità, Bonelli gli assegna sempre più spesso storie impegnative e importanti, da Mohican Jack (1970) a Libertà o morte (1972), da Ora zero! (1974) a Il giorno della giustizia (1975). Come molti artigiani di valore assoluto, Donatelli possedeva anche un robusto lato creativo e “artistico”, manifestatosi nella realizzazione delle copertine del Piccolo Ranger (splendide tempere impregnate di atmosfere da spaghetti-western) e nell’ideazione grafica di Mister No, di cui disegnò il primo episodio (poi pubblicato come secondo albo della serie).

Franco Donatelli nasce il 13 marzo 1925 ad Alessandria ma la sua famiglia si trasferisce a Milano quando lui è ancora bambino. Nel 1940, dopo aver conosciuto la madre di Sergio Bonelli, Tea Bertasi, tramite il fratello di questa, Luciano, che è un suo compagno di scuola, Donatelli esordisce sulle pagine de L’Audace disegnando qualche episodio di Furio Almirante su sceneggiature di Gianluigi Bonelli. Nel 1946, per l’editore Ponzoni, firma (con lo pseudonimo di Frank Well, che negli anni a venire alternerà a quello di Frank Donat) la serie Mistero su testi di Leonello Martini.

Dopo avere collaborato a delle campagne pubblicitarie e a numerose testate fumettistiche di editori come Universo, Nerbini e Alpe, nel 1948 ritorna alla Bonelli e disegna vari episodi de La pattuglia dei senza paura. Negli anni Cinquanta produce illustrazioni per la rivista francese Paris Jour mentre a partire dal 1963 realizza a tempera, per Bonelli, oltre centocinquanta copertine della collana mensile del Piccolo Ranger. Inserito nel 1968 nella squadra di autori di Zagor, ne diviene rapidamente il disegnatore principale dopo Gallieno Ferri. Nel 1975 crea graficamente il personaggio di Mister No, ideato da Sergio Bonelli dietro lo pseudonimo di Guido Nolitta. Scompare a Milano il 15 novembre 1995.

Frase

“Uno di quegli artigiani senza i quali il fumetto italiano non sarebbe la realtà viva, solida, popolare di oggi.” (Gianni Brunoro)

Box Il giorno della giustizia

Pubblicata nel 1975, questa lunga storia di Zagor (scritta da Sergio Bonelli e disegnata da un Donatelli dal tratto più che mai nervoso e drammatico) narra di un pellerossa dapprima costretto a farsi giustizia da sé e poi vittima di un linciaggio. Disincantata celebrazione dei principi cardine del diritto occidentale, l’episodio mostra anche le storture e le contraddizioni della cultura dei bianchi.

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:632 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI la prima parte) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco, quando...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1078 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli anni '80. Nati come...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:1319 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto

DAIAPOLON: piccola storia di un grande robot rivoluzionario

07-06-2017 Hits:12563 Cuore e Acciaio Redazione

  di Tiziano Caliendo. Esistono opere che entrano di prepotenza nel palinsesto immaginario della cultura pop, ottenendo un successo fulmineo e dirompente. Alcune di esse perché ricoprono un indiscutibile ruolo pionieristico in un determinato mercato, come il caso di UFO Robot Grendizer in Italia, altre perché è destino che la riforma e...

Leggi tutto

Cagliostro E-Press distribuito in esclusiva da Manicomix

02-06-2017 Hits:1362 Autori e Anteprime Redazione

Comunicato dell'Editore L’Associazione Culturale Cagliostro E-Press è felice di comunicare la firma dell’ accordo di distribuzione in esclusiva stipulato con Manicomix.     Questa partnership ha l'obiettivo di rafforzare la presenza dei fumetti made in Cagliostro nelle fumetterie italiane, dando ulteriore slancio a quella che è la "mission" ultima dell’Associazione, ovvero dare massima visibilità...

Leggi tutto

Novegro 2017 Spring Edition - Festival del Fumetto

27-05-2017 Hits:1801 Reportage Redazione

di Leandro Amodio. Nelle giornate del 20 e 21 maggio, il Parco Esposizioni di Novegro, frazione del comune di Segrate (MI), ha ospitato il Festival del Fumetto Spring Edition 2017. Dinanzi alla biglietteria, la fila era interminabile (per fortuna avevo l'accredito stampa), e l'interno era gremito di gente di tutte...

Leggi tutto

Intervista a Pietro Gandolfi, autore di The Noise

25-05-2017 Hits:1875 Autori e Anteprime Redazione

A cura di Giorgio Borroni Nel fumetto italiano da edicola l’horror manca da un bel po’. E io intendo l’horror vero, quello crudo e crudele che ti prende subito alla carotide senza neanche annunciarsi. Insomma, non mi riferisco all’horror patinato, lontano dall’underground che sfocia nel fantasy o se la cava con...

Leggi tutto