Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Avventure Noir: gli altri Diabolik, Kriminal e Satanik, tra eros e violenza

avventure noirdi Giuseppe Pollicelli*

A suo modo è un tributo a Diabolik. E tra i tanti che l’antieroe in calzamaglia ha ricevuto nel 2012 per i suoi primi cinquant’anni (venne creato nel 1962 dalle sofisticate sorelle milanesi Angela e Luciana Giussani, che si ispirarono ai gialli francesi di Arsenio Lupin, Fantômas e Rocambole) è forse l’omaggio più originale e lusinghiero, perché meglio degli altri documenta quanto fu potente l’impatto del Re del Terrore sull’immaginario degli italiani e sull’editoria del nostro Paese. L’omaggio di cui stiamo parlando è un monumentale libro (frutto della costanza e del sacro fuoco collezionistico di un editore e commerciante di Bari, Luca Mencaroni, che lo ha curato e dato alle stampe) intitolato Avventure Noir. La guida degli epigoni di Diabolik, Kriminal e Satanik (Ed, Mencaroni, pp. 320, euro 49, richiedibile all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Di grande formato, interamente a colori, valorizzato da una carta di qualità sopraffina, il tomo scheda uno per uno, dispensando una quantità incredibile di informazioni, i numeri di tutti i personaggi del fumetto italiano nati in seguito alla comparsa di Diabolik, molti dei quali contraddistinti da un’esistenza effimera e accidentata. Il lavoro, frutto di anni di ricerche, esclude dal suo raggio d’interesse non solo Diabolik ma anche i suoi due successori di fama e respiro più ampi (lo spietato delinquente Kriminal e la crudele Satanik, entrambi creati nel 1964 dallo sceneggiatore Max Bunker e dal disegnatore Magnus) per concentrarsi sui caratteri minori, quelli di cui nessuno conserva il ricordo eccezion fatta per un drappello di appassionati. Il particolare più strabiliante del volume è che di queste collane tascabili per adulti riproduce la totalità delle copertine: sfogliarne le pagine, perciò, è un vertiginoso viaggio nel tempo, significa tornare con la mente e con gli occhi a un periodo (quello che va dalla metà dei Sessanta alla metà dei Settanta) in cui l’infrazione di tabù e convenzioni era quasi un imperativo categorico. Numerosi, in effetti, furono gli editori e gli autori più o meno improvvisati che, sulla scia del successo di Diabolik, provarono a cavalcare - chi per mezzo del noir e dell’horror, chi attraverso il giallo - il desiderio di trasgressione di un’Italia inebriata dai cambiamenti di costume che il boom economico stava portando con sé.

Ecco dunque affacciarsi nelle edicole uno dopo l’altro, piccoli ma preziosi tasselli di una modernità ormai alle porte, spaventosi criminali il cui comun denominatore, oltre al fatto di indossare un inquietante costume, era quello di contenere una lettera esotica nel nome, preferibilmente una K o una X. Solo per citarne qualcuno: Fantax, Mister-X, Demoniak, Sadik, Jnfernal, Maskar, Masokis, Zakimort (una donna, quest’ultima). Ingrediente immancabile di queste saghe a fumetti era l’erotismo, sempre però associato alla violenza, alla sofferenza e ai concetti di peccato e di punizione, a testimonianza di una visione della sessualità ancora inevitabilmente intrisa di cattolicesimo preconciliare. Fra coloro che contribuirono alla realizzazione di tali personaggi figurano peraltro alcuni nomi che, negli anni a venire, avrebbero conosciuto una straordinaria consacrazione professionale. I testi di Jnfernal, per esempio, erano firmati dallo scrittore Alberto Ongaro (che nel 1986 vincerà il Super Campiello con il romanzo La partita) e da Nullo Cantaroni, autore di romantici best seller dietro lo pseudonimo (condiviso con la moglie Bice Cairati) di Sveva Casati Modignani. Il costume di Killing (unico caso, assieme a Genius, di fotoromanzo nero) venne invece disegnato dal futuro creatore di E.T., il tre volte premio Oscar Carlo Rambaldi.

Un’opera come Avventure Noir ci fa comprendere che epigoni e succedanei - vale per l’editoria ma anche per ogni altro ambito delle società industrializzate - altro non sono se non lo sfondo di un’epoca. Sono ciò che rimane in secondo piano e che è, però, parte integrante e irrinunciabile del paesaggio. L’epigono è il fantasma appena intravisto, è l’immagine dai contorni labili che tuttavia, nella sua essenza, si fissa indelebilmente nella memoria generando emozioni e ricordo. Recuperare questo sfondo come ha fatto Luca Mencaroni, conferirgli piena forma sottraendolo alle nubi della reminiscenza, equivale a rendere concreta una chimera. Significa combattere e, per una volta, sconfiggere l’impermanenza, regalando una benefica illusione di immortalità.

*Articolo apparso su “Libero” dell’8 dicembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:333 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6642 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:414 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:765 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:724 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:932 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto