Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Croce del Sud, il fumetto che riscrive la Guerra di Secessione

cagliostro-lucca2012-03di Giuseppe Pollicelli*

Lunghi racconti destinati non alle edicole ma alle librerie e imperniati sulla ricostruzione di un fatto scottante (di solito delitti irrisolti, meglio se a sfondo politico) o sulla biografia di una qualche personalità più o meno famosa e, in genere, annoverabile nella categoria delle «figure scomode». Oggi la tendenza più marcata dell’editoria a fumetti italiana è questa, il romanzo grafico «impegnato». A cavalcare l’onda - a quanto pare fruttuosa - è soprattutto la casa editrice padovana BeccoGiallo, il cui catalogo pullula di titoli con le caratteristiche appena descritte: la lista completa è lunghissima ma per rendere l’idea basterà citare “Peppino Impastato. Un giullare contro la mafia” di Rizzo e Bonaccorso, “Carlo Giuliani, il ribelle di Genova” di Barilli e De Carli, “Paolo Borsellino. L’agenda rossa” di Giacomo Bendotti e “Dossier No TAV” di Claudio Calia. A prescindere dal livello di sceneggiature e disegni, che ovviamente cambia - talvolta in modo sensibile - da volume a volume, queste operazioni presentano quasi sempre, accanto al pregio di consentire a un pubblico vasto (e in larga misura giovane) l’approfondimento di vicende importanti della storia d’Italia, il difetto di fare proprio un approccio agiografico alla materia trattata, confermando il lettore in ciò che la vulgata gli ha già sommariamente permesso di sapere, senza stimolarlo a mettersi in discussione.

Una via diametralmente opposta è quella seguita da una piccola casa editrice di Cassino, la Cagliostro E-Press. Oltre a pubblicare gli adattamenti a fumetti dei romanzi ucronici (cioè ambientati in un tempo e in una realtà alternativi a quelli reali) dello scrittore Mario Farneti, nei quali s’immagina che l’Italia, sotto la guida di un Mussolini che non ha firmato le leggi razziali e non si è alleato con Hitler, sia uscita vincitrice dalla Seconda Guerra mondiale, la Cagliostro E-Press ha da poco dato alle stampe il primo albo di una promettente miniserie di sei numeri di cui è protagonista una sorta di supereroe del West, Croce del Sud (pp. 82, euro 11,90, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). Ricca di rimandi al fumetto classico e alla letteratura popolare, quella di Croce del Sud è una serie d’impianto fantastico-avventuroso che si svolge però in uno scenario storico ben preciso: il periodo immediatamente successivo alla fine della Guerra di Secessione americana, durata dal 1861 al 1865. Se quel sanguinosissimo conflitto civile viene spesso costretto in uno schema che vede da una parte i «buoni», gli Unionisti del Nord impegnati a eliminare lo schiavismo, e dall’altra i «cattivi», i Confederati del Sud intenzionati a perpetuare la discriminazione razziale che tornava comoda ai ricchi latifondisti, gli autori di Croce del Sud (Claudio Franchino e Piero Viola ai testi, Davide Castelluccio ai disegni) ne propongono una lettura più problematica e aderente al vero. Dalle pagine del loro fumetto emerge che la lotta alla segregazione da parte del Nord è stata dettata in buona misura da motivazioni economiche, come dimostra il fatto che, pur in assenza di vera e propria schiavitù, negli Stati settentrionali i neri godevano di diritti limitatissimi: non potevano far parte di giurie né testimoniare in cause in cui fossero coinvolti dei bianchi, e in treno viaggiavano a bordo di carri bestiame.

Nella finzione del fumetto della Cagliostro E-Press, reso graficamente da Castelluccio con un dinamico bianco e nero all’americana, a sostegno della gente del Sud e delle sue ragioni - insomma, a supporto dei vinti - interviene un prodigioso combattente mascherato dalle peculiarità decisamente originali. Addestrato alla lotta da alcuni monaci, Croce del Sud combatte le prepotenze nordiste in nome del dio dei cattolici e, invocando San Giuda Taddeo (protettore delle cause perse), adopera armi - per esempio la frusta - che, in ossequio al quinto comandamento, non provocano la morte dei nemici. Al di là degli omaggi citazionistici all’Uomo Mascherato, alla Maschera di ferro, a Zorro e via elencando, Croce del Sud è essenzialmente un fumetto di taglio revisionista, che non dovrebbe dispiacere a coloro che, con ragioni a volte solide e altre meno, contestano le interpretazioni ufficiali del Risorgimento italiano. Un’operazione, dunque, coerente con la coraggiosa linea editoriale scelta dalla Cagliostro E-Press. La cui politica anticonformista, non c’è dubbio, potrebbe a sua volta essere giudicata una causa persa, ma quelli della Cagliostro sanno a che santo votarsi.

*Articolo pubblicato su Libero del 9 novembre 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:290 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:432 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:441 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:604 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1116 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:1806 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto

Intervista ad Alessio Riolo, organizzatore di Palermo Comicon

21-09-2017 Hits:2039 Reportage Redazione

  Di Alessandro Bottero Palermo Comicon è arrivato alla terza edizione, e quest’anno si presenta particolarmente interessante. Prima di immergerci nella kermesse ecco quattro chiacchiere con il direttore/organizzatore/imperatore Alessio Riolo, che insiste & persiste nel promuovere il fumetto nell’antica terra di Trinacria.  Tra un’arancina e una cassata ecco la saggezza delle sue...

Leggi tutto