Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Il Duce gradiva solo il camerata Topolino

eccettotopolinoIn occasione dell'assegnazione al volume "Eccetto Topolino" (di Fabio Gadducci, Leonardo Gori e Sergio Lama - Nicola Pesce Editore) del prestigioso Premio Fossati - l’unico concorso nazionale che premia opere di critica e saggistica sul fumetto realizzata da autori italiani -, avvenuta il 22 luglio nella cornice di Rimini Comix, vi proponiamo questo articolo apparso sul quotidiano Libero il 14 marzo 2012. Per gentile concessione dell'autore. Di "Eccetto Topolino" avevamo già parlato anche QUI

di Giuseppe Pollicelli

Quella dell’editoria a fumetti italiana è, in gran parte, una storia ancora da scrivere. A fare luce su un capitolo importante di questa storia, ovvero sui giornali a fumetti pubblicati durante la dittatura mussoliniana, provvede ora Eccetto Topolino. Lo scontro culturale tra fascismo e fumetti (Nicola Pesce Editore, pp. 432, euro 35), un ponderoso saggio curato da Fabio Gadducci, Leonardo Gori e Sergio Lama. Il volume è il frutto di un lungo e scrupoloso lavoro consistito in due attività: il vaglio delle testate a fumetti edite fra il 1932 (anno di uscita del settimanale «Jumbo») e la fine del regime, e lo spoglio degli archivi personali di Guglielmo Emanuel, agente italiano del King Features Syndicate, e di Federico Pedrocchi, figura di spicco della casa editrice facente capo ad Arnoldo Mondadori.

Se il testo prende le mosse dal settimanale «Jumbo» (pubblicato dall’editore milanese Lotario Vecchi) è perché la comparsa di questa rivista segna l’arrivo, in Italia, del fumetto d’avventura. Fino a quel momento i lettori italiani hanno conosciuto anche fumetti realizzati al di fuori dei confini patrii, ma si tratta esclusivamente di opere comiche e umoristiche, mentre «Jumbo» propone serie britanniche di impianto realistico come “Rob the Rover” di Walter Booth, autarchicamente ribattezzata “Lucio l’avanguardista”. L’iniziativa di Vecchi dà avvio, senza volerlo, a quella che gli autori di “Eccetto Topolino” chiamano comics craze, un vero e proprio innamoramento collettivo per i fumetti statunitensi (cui quelli inglesi di «Jumbo» fanno da involontario apripista). Assieme ai già citati Lotario Vecchi e Arnoldo Mondadori, la personalità di maggiore rilievo dell’editoria fumettistica del Ventennio è Mario Nerbini, editore fiorentino fedelissimo del regime. Oltre a dare alle stampe, nel dicembre del 1932 (pochi giorni dopo l’uscita di «Jumbo»), un periodico intitolato a Topolino, Nerbini lancia nel 1934 il rivoluzionario «L’Avventuroso», un settimanale su cui trovano ospitalità i più grandi eroi del fumetto d’avventura made in Usa, da Flash Gordon a Mandrake passando per Phantom e Jungle Jim. «L’Avventuroso» ha un impatto sconvolgente: innalza il target di età dei lettori di fumetti e arriva a vendere 500.000 copie a numero, generando sia testate “minori” che supplementi. Tutti i personaggi americani presenti su «L’Avventuroso», al pari di quelli della Disney, sono gestiti dal KFS, il King Features Syndicate, agenzia statunitense che, come detto, era rappresentata in Italia da Guglielmo Emanuel, un liberale nient’affatto simpatizzante del fascismo il quale, nel dopoguerra, diverrà anche direttore del «Corriere della Sera». In ragione del ruolo da lui ricoperto, Emanuel si trova nella singolare condizione di fare da interlocutore a tutti i principali editori di fumetti italiani: Vecchi, Nerbini e Mondadori. Dalla disamina del suo archivio, emerge come l’agente cerchi di non favorire nessuno dei tre clienti a scapito degli altri due, ma nel 1935 accade un fatto destinato ad alterare gli equilibri. In seguito al consolidarsi dei rapporti personali tra la Disney e la Mondadori, e con la probabile mediazione dello stesso Emanuel, le licenze relative allo sfruttamento di Topolino e soci vengono concesse in esclusiva alla Mondadori. Per Nerbini è un duro colpo, che l’editore fiorentino riesce provvisoriamente a parare grazie ai suoi amatissimi eroi avventurosi (Vecchi, al contrario, comincia a uscire di scena). Nel 1938 tuttavia si verifica un evento che, lasciando in piedi la sola Mondadori, crea le premesse (assieme ad altre cause tra cui il fatto che la Mondadori avesse coltivato già a partire dal 1937, grazie soprattutto a Federico Pedrocchi, una leva di abili fumettisti italiani) affinché quella milanese diventi la più grande casa editrice italiana, di fumetti e non solo. Per iniziativa del ministro Dino Alfieri, il MinCulPop impone che dai settimanali e dagli albi a fumetti sia eliminato tutto il materiale d’importazione americana, senza distinzioni, pena la soppressione d’ufficio. «L’influenza di Joseph Goebbels, abile ministro della Propaganda del Reich», scrivono Gadducci, Gori e Lama, «si fa probabilmente sentire in modo pesante su Mussolini e Alfieri (...).La soggezione e il senso d’inferiorità dei fascisti nei confronti degli alleati d’Oltralpe fanno il gioco dei gruppi di pressione, che battono senza tregua sul ministero italiano».

I fumetti disneyani, e solo questi, vengono però inspiegabilmente salvati dal bando. Come poté accadere? Da una parte può aver influito il sicuro apprezzamento per la produzione Disney da parte dei figli del Duce e di Mussolini medesimo ma, più plausibilmente, a garantire un simile trattamento di favore furono un’abile attività diplomatica svolta da Mondadori e il particolare che quest’ultimo fosse, di fatto, l’editore di quasi tutte le pubblicazioni ufficiali del Partito Nazionale Fascista. A fronte di ciò, a nulla valse la convinta adesione al fascismo di Mario Nerbini, il quale, privato dei suoi personaggi di punta, cadde progressivamente in disgrazia fino a cedere «L’Avventuroso», nel 1943, proprio a Mondadori.

Se è consolante, a tanti anni di distanza da questi avvenimenti, che i nomi dei censori siano caduti nel più completo dimenticatoio mentre è ancora ben viva la memoria dei vari Flash Gordon e Mandrake, i fatti così accuratamente ricostruiti da “Eccetto Topolino” evidenziano, una volta di più, quanto la pratica della censura sia spregevole e dannosa. Sempre e comunque.

Magazine

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #04

07-08-2017 Hits:458 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Tanto fu il successo da parte dei MOTU - che ricordiamolo sempre, è l’acronimo di Masters of the Universe -, che addirittura vennero suddivise in  ben 4 schiere di guerrieri. Una votata al bene, le altre tre votate al male: gli eroi di Eternia;...

Leggi tutto

Intervista ad Andrea Manfredini, nuovo Direttore Editoriale di Cagliostro E-Press

01-08-2017 Hits:776 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Di recente alla Cagliostro E-Press c’è stato un cambio di ruoli nella direzione editoriale e la patata bollente è passata ad Andrea Manfredini, già creatore del super eroe sopra le righe Lo Scarafaggio e al timone della serie fantascientifica "Incrociatore Stellare E. Salgari".Oggi abbiamo il piacere di torchiare...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #03

26-07-2017 Hits:844 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Il cartone animato di He-Man è composto da due serie di 65 episodi ciascuna (per un totale di 130 episodi e ne era prevista pure una terza serie, che però non fece in tempo mai a vedere la luce in quanto i giocattoli non...

Leggi tutto

Gravetown 10th. Intervista a Paolo Zeccardo

25-07-2017 Hits:884 Autori e Anteprime Redazione

Di Giorgio Borroni Vi ricordate “Kickboxer”? Già, il film che lanciò Jean Claude Van Damme e che hanno di recente rifatto (male) con più budget e meno idee? Ecco, io quando da piccolo lo vidi al cinema ne rimasi estasiato: un tizio occidentale andava in Tailandia e faceva nero Tong Po, il...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #02

11-07-2017 Hits:1276 Off Topic Super User

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) La dirigenza della Filmation era composta da tre persone: la coppia Lou Scheimer e Norm Prescott (adesso entrambi defunti), e il direttore artistico Hal Sutherland. Nel 1981 uscì BLACKSTAR (un cartone di genere fantasy), composto da 13 puntate, che però si rivelò un fiasco...

Leggi tutto

Masters of the Universe: storia di un cult - Parte #01

04-07-2017 Hits:1722 Off Topic Davide Mosciaro

di Davide Mosciaro (QUI trovate le altre puntate) Se esiste un’icona mondiale, per quanto riguarda la sezione giocattoli e cartoni, che hanno trasformato una semplice moda in un vero a proprio ‘dogma’, He-man and The Masters of the Universe rappresenta, almeno al pari dei Transformers, uno dei pilastri di maggior successo degli...

Leggi tutto

Intervista a Gino Udina

23-06-2017 Hits:2080 Autori e Anteprime Redazione

    Di Giorgio Borroni Dare un’occhiata agli scaffali dei fumetti in edicola negli anni ’90 era davvero un’esperienza. Usciva di tutto e di più: si andava dai cloni dei personaggi bonelliani più in voga, si passava ad antologici che contenevano delle vere perle o nefandezze grafiche e si finiva con albi dal...

Leggi tutto