Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Lo Sconosciuto: il mondo com'è (secondo Magnus)

losconosciuto rizzolidi Giuseppe Pollicelli*

La voluminosa raccolta di tutte le storie a fumetti de Lo Sconosciuto, appena mandata in libreria da Rizzoli-Lizard (Lo Sconosciuto. Edizione integrale, pp. 414, euro 25), è un’ottima occasione per parlare del bolognese Roberto Raviola, in arte Magnus, che dello Sconosciuto è il creatore.

Ogni grande autore che si cimenti con la serialità, specie con la serialità fumettistica, ha un personaggio che lo rappresenta meglio degli altri e, nel caso di Magnus, questo personaggio è senza dubbio lo Sconosciuto. Magnus lo ideò nel 1975, contemporaneamente al suo “divorzio” dallo scrittore milanese Luciano Secchi (alias Max Bunker). assieme al quale aveva sfornato, in oltre dieci anni di frenetica attività, alcuni pezzi da novanta del fumetto italiano quali Kriminal, Satanik e Alan Ford. Stanco dei tempi di consegna disumani a cui Alan Ford lo costringeva, e desideroso di disegnare qualcosa che fosse sceneggiato da lui personalmente, Magnus se ne uscì con questo ex mercenario sui cinquant’anni, di cui nulla si sa (a cominciare dal nome: lui si fa chiamare Unknow, che in inglese - nonostante la voluta assenza della “n” finale - suona appunto come “sconosciuto”) e che svolge le sue pericolose missioni nelle zone più “calde” del mondo. A pubblicarlo, in sei volumetti da edicola, fu Renzo Barbieri, il principale editore italiano di fumetti per adulti, laddove “per adulti” va inteso soprattutto come “erotici”. Lo Sconosciuto non era per nulla un fumetto erotico ma Barbieri, giustamente, pensò che fosse comunque il caso di farlo uscire. La cosa buffa è che, fino a quel momento (siamo, lo ricordo, nel 1975), nessun fumetto “per adulti” si era spinto sino al punto di mostrare esplicitamente un organo sessuale maschile: a farlo fu proprio Magnus, che infranse il tabù in una vignetta del secondo numero dello Sconosciuto, “Largo delle Tre Api”, le cui intricate vicende sono ambientate a Roma. Questo del pene non è un aneddoto pruriginoso: è un particolare importantissimo, perché dà la misura di quanto Magnus, realizzando le tavole dello Sconosciuto, avesse intenzione di essere realistico. Se Kriminal si muoveva in una Londra immaginaria e Alan Ford in una caricaturale New York più simile a Milano che alla Grande Mela, lo Sconosciuto opera nel mondo che tutti noi conosciamo e che Magnus vuole presentarci esattamente per come è, in particolare nelle sue brutture: la violenza, la sopraffazione, l’avidità, le guerre. Il pene in bella evidenza, dunque, è veramente il meno. Ne Lo Sconosciuto si vede di tutto: ammazzamenti, stupri, corruzione. Addirittura, si vede il protagonista morire. O quasi. Insomma, lo si vede arrivare a un passo dal lasciarci la pelle ma senza che poi si rimetta subito in sesto, come di solito fanno gli eroi dei fumetti e dei film. No, Unknow viene salvato, per il rotto della cuffia, grazie a un’operazione chirurgica che gli leva dal corpo due proiettili e che Magnus, nell’episodio “La fata dell’improvviso risveglio” (facente parte della seconda tornata di avventure, quelle uscite su rivista tra il 1981 e il 1983), ci squaderna davanti agli occhi in ogni dettaglio, senza risparmiarci niente, nemmeno i commenti dei medici. Osservazioni “tecniche” di questo tipo: «Vedete? Feci formate. È la perforazione del colon...». Dove si era mai visto il protagonista di un fumetto, un duro per di più, che produce escrementi come tutti noi?

Ora che abbiamo parlato di viscere si capisce meglio perché è Unknow il personaggio con cui Magnus si identificava maggiormente: perché Raviola era uno che, con la sua attività di artista, intratteneva esattamente un rapporto viscerale, mai mediato o insincero. Proprio con lo Sconosciuto, Magnus inizia a concepire il suo lavoro di fumettista alla stregua di una missione, sovrapponendo totalmente il tragitto di autore a quello esistenziale, con tutto ciò che ne sarebbe derivato in termini di sofferenza e di tormenti interiori. A partire dal 1975, lasciatisi alle spalle i ritmi da catena di montaggio, Raviola affronta ogni nuova opera come un duello da vincere che ha in palio, come premio, una crescita sia artistica che umana. É un percorso testimoniato con chiarezza da molte opere successive a Lo Sconosciuto, improntate a un perfezionismo e a una raffinatezza stilistica incredibili, a un gusto estenuato del dettaglio, alla ricerca di un bianco e nero sempre più smagliante e plastico (I Briganti, Le 110 pillole, Le femmine incantate). Magnus, però, sentiva vicino lo Sconosciuto anche perché Unknow è, fondamentalmente, un perdente, spesso maltrattato dalla sorte e minato non solo nel morale ma anche nel fisico, nella carne. Magnus, che contemplava nel proprio orizzonte la sconfitta e che con il tempo si era avvicinato alla spiritualità orientale, ingaggia a un certo punto due sfide tremende. La prima è realizzare un albo gigante di Tex Willer composto da 224 tavole, ognuna delle quali sia un capolavoro di accuratezza e di virtuosismi. La seconda è guarire da un tumore. Vincerà una sfida e perderà l’altra. Il febbraio 1996, pochi giorni dopo aver consegnato le 224 magnifiche tavole di Tex (che non vedrà mai pubblicate), muore a Castel del Rio, nell’Appennino tosco-romagnolo, all’età di 56 anni. «Ma tanto io mica ci tengo, a campare a lungo», ha detto una volta, per bocca dello Sconosciuto.

*Articolo pubblicato su “Libero” del 12 giugno 2012. Per gentile concessione dell'autore.


Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:333 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6643 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:414 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:765 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:724 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:932 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto