Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Pazeroticus: le ossessioni scandalose del Pazienza Erotico

pazienzadi Giuseppe Pollicelli*

Il merito dell’Italia nei confronti di Andrea Pazienza non è di avergli dato i natali ma di avere compreso subito di trovarsi di fronte a un genio. Cosa non scontata perché Pazienza - nato a San Benedetto del Tronto (il paese della madre) nel 1956 e morto per overdose a Montepulciano nel 1988, ma cresciuto a San Severo e, come il padre, pugliese in tutto e per tutto - condivide un iniquo destino con un altro gigante del nostro fumetto, verso cui ha peraltro svariati debiti a livello di segno e di poetica: Benito Jacovitti. Sia Paz che Jac, forse perché irrecuperabilmente “italiani” tanto nel loro immaginario quanto nella costante reinvenzione (non di rado attraverso il dialetto) della nostra lingua, sono noti e apprezzati solo qui. All’estero non li capiscono. Persino nella Francia sempre pronta ad adottare (a scippare?) le nostre eccellenze, da Fellini a Pratt a Nanni Moretti, un artista come Pazienza è pressoché sconosciuto. In Italia, invece, già a ventun anni, quando iniziò a pubblicare una memorabile cronaca a fumetti, flippata e onirica, dei giorni caldi del ’77 bolognese (visti attraverso gli occhi del suo alter ego Pentothal), Paz fu giustamente consacrato come un maestro.

Raccontatore raffinato, funambolo della parola, virtuoso del disegno (capace di far armoniosamente coabitare in un’unica vignetta Paolo Uccello, Caravaggio, Robert Crumb e appunto Jacovitti), sublime valorizzatore del linguaggio fumettistico, Paz ha lasciato, malgrado la prematura scomparsa, una vasta produzione che viene periodicamente ristampata. Da qualche anno i diritti della sua opera sono stati acquisiti dalla Fandango, che ora ripropone, in una lussuosa edizione con copertina in tela nera, un volume del 1987 da tempo irreperibile al di fuori del mercato collezionistico, Pazeroticus (pp. 56, euro 25), in cui Pazienza disvela, attraverso disegni a pennarello sia in bianco e nero che a colori, la sua visione dell’eros. Con un tratto spesso e pieno che però, miracolosamente, sa essere prezioso e prodigo di dettagli, Paz dà forma grafica a una fantasia che non si nega l’abbandono al sogno e alla rêverie ma che rimane ancorata, e fortemente, alla vita vissuta. Nelle illustrazioni di Andrea, sovente scabrose, la realtà si avverte sempre con la violenza di uno schiaffo: anche quando le situazioni hanno l’aspetto e la consistenza di incubi, non si possono non percepire odori, umori e perfino rumori che rimandano a una dimensione “casalinga”, postprandiale, da sonnolenta vacanza nella casetta al mare o, addirittura, da masturbazione in bagno. Non a caso gli uomini indossano quasi sempre degli spaventevoli, domestici calzini e non intessono mai una vera comunicazione (tutt’al più una lotta) con le donne, le quali vengono descritte - che dominino o siano dominate - come un universo a sé stante, inattingibile al maschio. Nell’erotismo di Pazienza non c’è spazio per idealizzazioni o patinature. Solo l’esistenza di tutti i giorni, più o meno deformata e rivisitata, ha cittadinanza. Solo la vita con le sue minime e atroci tragedie, con le sue bassezze.

*articolo apparso originariamente su “Libero” del 14 marzo 2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

BERSERK: LUCI E OMBRE

27-11-2017 Hits:556 Critica d'Autore Redazione

  Di Giorgio Borroni Un paio di anni fa, quando ancora frequentavo i gruppi facebookiani relativi ai fumetti, mi capitò di esprimere un paio di mie idee sulla deriva presa da Berserk, il celebre manga di Kentaro Miura. La fauna che più spesso è attiva sui social, si sa, per una bella...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 2

21-11-2017 Hits:763 Critica d'Autore Redazione

  Justice League of Marvel   Di Alessio Sgarlato Dopo questa lunga ma necessaria premessa, veniamo all’oggetto del contendere, ovvero Justice League, il più bel sequel di Avengers uscito finora. I film Marvel e quelli della DC con questa pellicola si trovano a dover rendere conto allo spettatore di ingombranti somiglianze estetiche. Tanto negli...

Leggi tutto

Justice League - Una critica d'autore - Parte 1

20-11-2017 Hits:862 Critica d'Autore Redazione

  Marvel VS DC – La battaglia del secolo   Di Alessio Sgarlato   Nel 2016 esce Batman V Superman – Dawn of Justice e diventa immediatamente un film controverso, nel quale il pubblico non riesce a ritrovare lo spirito originale dei personaggi e delle storie che lo hanno ispirato. Eppure, per me si rivela...

Leggi tutto

La distopia ucronica di “Space Anabasis"

13-11-2017 Hits:821 Critica d'Autore Redazione

    Per aspera ad astra, deinde a caelo usque ad centrum!  La distopia ucronica di “Space Anabasis”: tra i giochi di potere, nella fantascienza del passato   Roma, anno 2770 ab urbe condita: un 2017 d.C. alternativo in cui, come recita la didascalia già dalla prima striscia: « L’impero ha tenuto il sistema...

Leggi tutto

I voli pindarici di Mister No

10-11-2017 Hits:995 Critica d'Autore Redazione

      In requiem del pilota Jerry Drake, paladino dei diritti umani nel fumetto italiano: verso il rilancio! Premessa: i vecchi nostalgici lo rivorrebbero dal 380. Difatti non tutte le cose, in ossequio alla realtà non (o anti ?) relativa, cominciano dallo 0 e proseguono direttamente con l’1, per poi giungere al 2...

Leggi tutto

C’è del Ferro in questo fumetto. Intervista alla casa editrice Ferrogallico

31-10-2017 Hits:1555 Autori e Anteprime Redazione

Di Alessandro Bottero Quando nasce una nuova casa editrice non si può che essere contenti. Significa che nonostante la crisi ci sono ancora  pazzi innamorati del fumetto. Ferrogallico è una casa editrice nata nel 2017, abbastanza snobbata da critica e pubblico (almeno quello che agita il mondo dei social) perché si...

Leggi tutto

Sulle orme di Magnus: intervista a Gabriele Bernabei (saggista e promotore del Magnus Day)

04-10-2017 Hits:2258 Autori e Anteprime Redazione

  di Giorgio Borroni. Nell’era di internet l’esperienza del fumetto si può vivere in tanti modi, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Uno può essere un semplice lettore, un collezionista che con un semplice click può procurarsi più facilmente di una volta ciò che cerca, il professionista della tavola disegnata o sceneggiata...

Leggi tutto