Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Crumb il fumettista ribelle mette a nudo il suo cuore

crumb autoritrattodi Giuseppe Pollicelli*

Ci sono artisti il cui segno è così incisivo, così nuovo, così compiuto e coerente da fissarsi anche nella mente dell’osservatore occasionale. Il quale, con ogni probabilità, non saprà mai a chi quel segno appartenga, ma grazie a quel segno avrà ottenuto un arricchimento, per quanto inconsapevole, del proprio immaginario. Per esempio, quante persone nel mondo sanno che le colorate e stilizzatissime silhouette umane da cui si irraggiano dei neri trattini indicanti sorpresa, energia e movimento (riprese e rielaborate chissà quante volte e in chissà quanti modi dalla pubblicità, dal design, dalla street art) sono un parto di Keith Haring, uno dei maggiori esponenti del graffitismo e della pittura pop novecenteschi? Certo molto poche, in termini assoluti. Ma quelle silhouette sono patrimonio anche di chi ne ignora l’origine.

Un caso simile è quello del fumettista Robert Crumb, nato a Philadelphia nel 1943 e attivo già dalla prima metà degli anni Sessanta. Quando, nelle fasi aurorali della contestazione giovanile, i comics iniziarono a essere percepiti come un mezzo d’espressione innovativo e non accademico, come un linguaggio intrinsecamente trasgressivo poiché negletto dalla cultura istituzionale, sorse in America il cosiddetto “fumetto underground”. Se questo disordinato e caotico movimento ha saputo lasciare un segno non superficiale nella storia dell’arte del secolo scorso, il merito è in massima parte proprio di Crumb e del suo squinternato mondo fatto di animali antropomorfi dediti alle droghe e al sesso (Fritz the Cat), di santoni dalla condotta ambigua (Mr Natural), di freaks senza né arte né parte, di suonatori jazz e di ragazzone dai polpacci vigorosi che indossano una specie di uniforme a base di gonnellini, calzettoni e scarpe da collegio (autentica fissazione erotica di Crumb). Nelle migliaia di tavole a fumetti prodotte in quasi cinquant’anni di carriera, Crumb ha riversato le sue ossessioni, le sue angosce, i suoi deliri e la sua movimentata biografia (divenuta, nel 1994, il soggetto di un documentario di Terry Zwigoff intitolato semplicemente Crumb), tratteggiando così uno spaccato potente e veritiero - per quanto alterato e grottesco - dell’America non riconciliata e più marginale. Ma la vera eccellenza del nostro è rappresentata, come detto, dal disegno: è quest’ultimo ad avere reso Crumb un gigante dei comics. Il suo stile morbido, fatto di contorni spessi, fittissimi tratteggi e continue derive nel pupazzettistico (il nume indiscusso di Crumb è Elzie C. Segar, il creatore di Popeye) anche quando, felicemente, sceglie la strada del realismo, non è solo l’emblema del fumetto underground, è anche una “cifra” saccheggiata - continuamente e dappertutto - da grafici, designer, pubblicitari e cartellonisti. A celebrare la maestria grafica di Crumb provvede ora Il cuore di R. Crumb (Ed. Castelvecchi, pp. 128, euro 17,50), un bel libro di illustrazioni in bianco e nero di argomento vario: ritratti di volti, nudi femminili, paesaggi urbani e rurali, animali ecc. Il volume è la versione italiana di un’antologia uscita negli Usa con il titolo The Sweeter Side of R. Crumb (“Il lato più dolce di R. Crumb”), proprio perché i disegni in essa contenuti presentano soggetti insolitamente ameni. Ma il titolo italiano si fa sicuramente preferire. Crumb è infatti uno dei non molti artisti che, in ogni lavoro, mettono l’anima e le viscere. Di Crumb si può esser certi che, quando scrive e disegna, lo fa sempre e soltanto con il cuore in mano.

*articolo pubblicato originariamente su “Libero” del 24 maggio 2012. Per gentile concessione dell'autore. Nell'immagine: Crumb, autoritratto, 1986.

Magazine

Anacanapana si presenta!

17-04-2017 Hits:333 Autori e Anteprime Redazione

Spazio alle autoproduzioni. SI presenta la rivista Anacanapana! La rivista “Anacanapana”, uscita su carta in due numeri a tiratura limitata nel 2009 e 2012, ripercorre le orme delle vecchie riviste-contenitore, con tante strisce umoristiche ed un po’ di materiale avventuroso. La gestazione è lunga e complessa, comunque alla fine la rivista...

Leggi tutto

Daltanious

11-04-2017 Hits:6643 Cuore e Acciaio Redazione

di Tiziano Caliendo. Lo scenario post-apocalittico è, da sempre, un topos importante nell’immaginario giapponese. Basti pensare a Violence Jack (1973), l’opera seminale del maestro Go Nagai, capace di anticipare di almeno otto anni il fulcro estetico e concettuale della trilogia milleriana di Mad Max, ossia il film Interceptor – Il...

Leggi tutto

Una storia del panopticon – Un capolavoro mancato

10-04-2017 Hits:414 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. L’ospedale psichiatrico di Panopticon Bentham è un edificio antico, lugubre e austero. Un luogo perfetto per racchiudere la sofferenza dei suoi degenti, per contenerne la malattia, ma anche per diventare teatro di eventi sanguinosi e indicibili. Nel 1912 il direttore della struttura, il dottor Bonticou, decretò la...

Leggi tutto

L'Uomo Bagno. Tra fumetto punk ed epica supereroistica.

06-04-2017 Hits:765 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Se credete che Vito Angelo Vacca manchi di tempi comici, che sia fautore di un umorismo ormai obsoleto, oppure se semplicemente avete come metro quello dei fumetti umoristici di tendenza disegnati male, ecco, vi conviene mollare questa recensione e andare a leggere altri articoli. Anzi, se preferite...

Leggi tutto

XXXombies. Porno, Zombie e qualche occasione sprecata.

30-03-2017 Hits:724 Critica d'Autore Redazione

  di Giorgio Borroni. Ai loro occhi rossi, 30 centimetri di dimensione artistica sono solo un hot dog maxi; 2 meloni rifatti disgustoso cibo in scatola, se si buttano in mezzo a una ammucchiata è solo per abbuffarsi! Signori e signori, preparatevi a uno spettacolo mai visto: gli zombie invadono il...

Leggi tutto

Zombie Feast

13-03-2017 Hits:932 Critica d'Autore Redazione

di Giorgio Borroni. Allora, c’è un francese, un italiano e un tedesco... no, aspettate, non era così. Ricominciamo: c’è uno sfigato quattrocchi e sua sorella Barbara al cimitero che, ehm... no. No, accidenti, mi confondo... aspettate mi sa che era una via di mezzo. Com’è che era? Gesù, la memoria...

Leggi tutto