Logo

"Alastor non blocchi le forniture ad Altroquando"

altroquando[11/06/2010] » L'Associazione Fumetterie Italiane interviene sull'appello della fumetteria palermitana.

Vi stiamo raccontato in questi giorni di come la crisi stia colpendo le librerie specializzate in fumetti. La fumetteria Altroquando di  Palermo, attiva da quasi venti anni nel settore, ha fatto un pubblico appello chiedendo aiuto. Entro il 15 giugno il titolare dell'edicola/libreria, sita in Via Vittorio Emanuele a Palermo, deve trovare almeno 8.000 euro per fare fronte ad una fattura, per il mancato pagamento della quale il distributore sospenderà l'invio del prossimo materiale di nuova uscita alla fumetteria.

L'Associazione Fumetterie Italiane, tramite il proprio sito, interviene sulla situazione di Altroquando (che è anche socio asscociato AFuI), con un comunicato ufficiale:

In un periodo come quello attuale, è purtroppo diventata una consuetudine vivere la crisi. Alcuni territori la sentono più di altri ed è evidente che Palermo, città del collega Salvatore di Altroquando, possa trovarsi in una situazione ancor più particolare rispetto a tante altre.
Siamo perfettamente consci che al soldo non si comanda e che il nostro settore, come qualunque altro, rispetta le dure regole dell'economia, siamo commercianti e non siamo nati ieri. Ci rendiamo però conto, indipendentemente dalla quantità di soldi che Alastor deve ricevere, che bloccare le spedizioni a un commerciante, in un ambito come quello del fumetto, dove i distributori sono in tutto tre, è come dice Salvatore, una specie di condanna a morte per l'attività in questione.
Come A.Fu.I. siamo certi che Salvatore Rizzuto riuscirà a tenere in piedi la sua attività, perchè è giusto che ogni commerciante scelga di sua iniziativa quale sia il momento opportuno per chiudere e che non sia la crisi globale e un brutto periodo a scegliere per lui, e perchè confidiamo che un distributore come Alastor riesca a trovare un punto di contatto con l'attività in questione, un modo intelligente per rientrare dei propri soldi e contemporaneamente continuare a percepire introiti negli anni a venire da questa fumetteria.

Intanto Altroquando ha precisato che con l'appello: "noi non chiediamo a nessuno di donare soldi ad AltroQuando, ne lo sta facendo Altroquando stesso" e invita chiunque voglia comprare giornali, riviste e fumetti a Palermo di farlo preferenzialmente nel loro negozio per aiutarli. Nella blogosfera, inoltre, insieme all'appello di Altroquando hanno iniziato a girare l'IBAN e il c/c postale del titolare della fumetteria per permettere  anche ai non residenti a Palermo di acquistare dal negozio supportandone l'iniziativa.

L'appello di Altroquando ha anche prodotto un asta "solidale" di disegni che si svolgerà stasera. Eccone il comunicato, tratto da Facebook:

Salviamo ALTROQUANDO!
ASTA e APERITIVO SOLIDALE al Malaussène

SABATO 12 GIUGNO
alle ore 20.00, presso l'associazione culturale Malaussène, sita in piazzetta di Resuttano n. 4 (dando le spalle all'Antica Focacceria San Francesco, bisogna percorrere 50 metri a destra rispetto alla basilica di S. Francesco d'Assisi, in via Maletto)
si terrà un'asta di tavole originali messe a disposizione da alcuni artisti che hanno deciso di unirsi per sostenere la libreria AltroQuando, sulla quale pesano gravi difficoltà economiche che, se non risolte immediatamente, potrebbero portare alla chiusura di una delle prime fumetterie di Palermo, ormai storico punto di riferimento culturale della nostra ciittà.
Il Collettivo Malaussène è orgoglioso di poter ospitare una iniziativa di solidarietà con AltroQuando e invita tutti i propri soci, amici, compagni e semplici contatti non solo a partecipare all'asta di questo sabato, ma anche a diffondere il più possibile fra i propri contatti l'appello che trovate a questo indirizzo: http://www.facebook.com/note.php?note_id=402276372389&id=109922758526&ref=mf

Saranno in vendita le opere dei seguenti autori:
Leo Ortolani, Leone Frollo, Makkox, Sergio Algozzino, Giuseppe Lo Bocchiaro, Roberto Di Salvo, Enza Fontana, Emiliano Santalucia, Fada, Claudio Stassi, Claudio Iemmola, Marianna Pescosta, Anna Rita Lipari, Giovanni Cangemi, Daniele Messineo, Dario Balletta

Durante la serata, alcuni autori eseguirano disegni e schizzi dal vivo su richiesta dei partecipanti.
Parteciperanno alla sessione: Emiliano Santalucia, Sergio Algozzino, Rob Di Salvo e Marco Failla.

La crisi economica sembra essere riuscita a creare uno strano paradosso per il quale un'associazione culturale no profit ha organizzato una iniziativa per aiutare un'attività commerciale a scopo di lucro.

La fumetteria, oltre all'appello e all'invito all'acquisto, non ha però organizzato nessuna iniziativa promozionale libraria, preferendo, forse, non intaccare il valore del proprio magazzino, nonostante ci sia poco tempo e una cifra cospicua da mettere insieme, e confidare esclusivamente dai provenienti raccolti dall'acquisto a prezzo pieno in negozio (o su internet) di quanti risponderanno all'appello.

Nei prossimi giorni sapremo se Altroquando ha raggiunto il proprio obiettivo di raccogliere almeno 8000 eura, usando un appello che ha messo in moto una sorta di nuovo tipo di "ammortizzatore sociale" per fumetterie in crisi. E se l'iniziativa dovesse avere successo, chissà che anceh altre fumetterie in crisi non potrebbero replicarla.

Anche Fumetto d'Autore, tramite l'editoriale del nostro Direttore Alessandro Bottero, dice la sua sul "caso" Altroquando e i suoi risvolti.

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.