Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

L'eros grottesco del Kamasultra di Jacovitti

di Giuseppe Pollicelli*

Se un cruccio può turbare gli estimatori di Benito Jacovitti è che il fumettista molisano, pur essendo stato un artista di livello assoluto, sia conosciuto esclusivamente in Italia (e comunque non abbastanza, specie dalle giovani generazioni), mentre fuori dai nostri confini il suo nome non dice nulla quasi a nessuno. È un destino che Jacovitti, nato a Termoli nel 1923 e morto a Roma nel 1997, condivide con diverse altre personalità geniali espresse dall’Italia, da Giacomo Leopardi a Totò passando - per tornare ai fumetti - ad Andrea Pazienza, e che dipende soprattutto da un fattore: la lingua. Per quanto riguarda Jacovitti, i calembour, i giochi di parole e la visualizzazione delle metafore che affollano le sue tavole e le sue vignette sono ardui (talvolta impossibili) da tradurre in modo soddisfacente, e così il creatore di Cocco Bill e Zorry Kid sembra destinato a rimanere per sempre un fenomeno soltanto italiano.

jacovitti-kamasultra01

C’è tuttavia un segmento della produzione di Jac che, se proposto e promozionato in modo opportuno, potrebbe fare breccia anche all’estero. Si tratta dei lavori che Lisca di Pesce (soprannome risalente agli anni giovanili, quando il fumettista, oltre che alto, era anche molto magro) ha dedicato all’argomento del sesso, declinandolo ovviamente a modo suo. Buona parte di ciò che Jacovitti, durante la sua prolificissima carriera, ha sfornato in tema di erotismo è stato da poco raccolto in un prezioso libro cartonato dal titolo Jacovitti proibito. Kamasultra (Ed. Nicola Pesce, pp. 160 a colori, euro 19,90), ed è proprio con un tomo di questo genere che si potrebbe provare a esplorare qualche mercato straniero. L’universalità della materia trattata e dei doppi sensi (verbali ma soprattutto visivi) che essa genera dovrebbero infatti rendere il volume pienamente fruibile anche per coloro che non conoscono l’italiano. Del resto il Kamasultra, parodia dell’antico testo indiano Kamasutra scritta dall’umorista Marcello Marchesi e illustrata da Jacovitti nel 1977 (per complessivi quattro fascicoli editi dall’effimera sigla Maga Publicitas), ha già avuto un’edizione francese nel 1983, il che la rende una delle non molte opere jacovittiane gratificate da una traduzione.

jacovitti-kamasultra02

Perché non ritentare l’esperimento? Tanto più che questa nuova versione allestita dall’editore Pesce, oltre a ripresentare tutte le illustrazioni che a suo tempo - assenti dall’edizione italiana - erano state inserite esclusivamente in quella transalpina, include numerosi disegni inediti e tutte le splendide tavole panoramiche realizzate da Jac nei primi anni Ottanta per la rivista “Playmen”. Tavole dai contenuti particolarmente spinti, che dimostrano come Jacovitti avesse innumerevoli frecce al proprio arco oltre a quella di autore per ragazzi (cosa d’altronde rilevabile, sebbene in nuce, già ai tempi del lungo rapporto con l’editoria cattolica, interrottosi proprio in seguito allo scandalo suscitato dalla collaborazione con “Playmen”). In quegli anni Jacovitti è nel pieno della maturità stilistica e ha una tale padronanza dei suoi mezzi da disegnare spesso direttamente con il pennino, senza la matita. Il suo universo grafico è perfettamente compiuto e coerente e - tra salami, ossa e pesci sparsi qua e là, e personaggi impegnati in contorsionismi incredibili - Jac si concede davvero un virtuosismo dietro l’altro.

jacovitti-kamasultra03

Quello che soprattutto impressiona delle tavole per “Playmen”, a rillegerle oggi, è - a parte il già citato splendore dei disegni - il carattere estremo delle situazioni mostrate e la loro assoluta “scorrettezza politica”, inconcepibile per i nostri tempi conformisti (si ironizza perfino sulla pedofilia). Come ricorda Gianni Brunoro nella sua ampia introduzione, Jacovitti dichiarò in un’intervista: «Nelle mie vignette ho voluto fare l’antierotismo. (…) Il mio erotismo non suscita basse eccitazioni, io odio le oscenità». E in effetti nel sesso grottesco tratteggiato da Jac non si ravvisano mai né gioia né piacere. I personaggi, specie quelli maschili, sembrano anzi dedicarsi all’atto sessuale con sofferenza, come per una costrizione anziché per libera scelta. Tra bizzarrie assortite e mostruosità fisiche, essi consumano accoppiamenti coatti che assomigliano molto a un contrappasso infernale, quasi fossero i dannati di una bolgia. E così, inatteso, nasce il rammarico che Jacovitti non si sia mai cimentato con l’Inferno dantesco…

jacovitti-kamasultra04

*Articolo tratto da “Libero” del 3 giugno 2015. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:550 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:609 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:754 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:848 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:413 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3747 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3577 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto