Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

I Puffi, gli gnometti blu che sconvolsero la semiologia

di Giuseppe Pollicelli*

Una bella notizia per gli appassionati di fumetti di tutte le età. La casa editrice RW ha messo in cantiere, per la prima volta in Italia, l’edizione integrale delle storie dei Puffi, i piccoli esseri di colore azzurro che da decenni sono entrati di prepotenza nell’immaginario collettivo occidentale. L’uscita d’esordio di quest’importante iniziativa editoriale, che a breve vedrà la luce anche in Francia e in Belgio per i tipi della Dupuis (coproduttrice del progetto), sarà nelle librerie a giorni e - arricchita da un apparato redazionale di quasi 70 pagine - proporrà gli episodi iniziali della saga seguendo non l’ordine di pubblicazione su rivista bensì quello con cui, in un secondo momento, le varie avventure sono state raccolte in volume Oltralpe: I Puffi. L’integrale vol. 1 (pp. 288, euro 29,95). Ideati nel 1958 dal belga Peyo, al secolo Pierre Culliford (1928-1992), che li inserì all’interno di Johan et Pirlouit, una serie di genere fanta-medioevale da lui stesso creata per il periodico francese “Le Journal de Spirou”, i Puffi si chiamano in originale Schtroumpfs e pochi sanno che a ribattezzarli in italiano nel modo mirabile che tutti conosciamo fu nel 1964 una redattrice del “Corriere dei Piccoli”, José Pellegrini, la quale, assieme all’allora direttore del settimanale, Carlo Triberti, si occupò per prima di tradure le storie di Peyo, decisamente più belle, avvincenti e mature di quanto non siano i successivi disegni animati per la tv prodotti negli Usa - peraltro con ottimi riscontri di pubblico in tutto il mondo - da Hanna & Barbera. Un altro particolare poco noto è che Peyo, autore geniale e disegnatore sopraffino, è tuttavia fortemente debitore, nell’elaborazione dell’universo puffo, nei confronti del collega sceneggiatore Yvan Delporte, cui tra le altre cose spetta il merito di avere creato il principale antagonista dei Puffi, il mago Gargamella, e di avere stabilito che gli gnometti si nutrano di salsapariglia. L’elemento più straordinario - che questo primo tomo dell’edizione integrale consente di apprezzare appieno - della saga puffa è però rappresentato dalla lingua degli ometti blu, quel raffinatissimo idioma che si fonda sulla declinazione e la coniugazione di un’unica parola: «puffo». Come ha scritto Umberto Eco in un memorabile saggio risalente al 1979, le storie dei Puffi hanno una grande rilevanza semiotica poiché si tratta di un formidabile esempio di «meditazione pratica sul funzionamento contestuale del linguaggio».

mega 192 85

*Articolo originariamente apparso su “Libero” dell’1 settembre 2013. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:547 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:607 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:754 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:848 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:412 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3746 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3577 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto