Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Django: da Cagliostro E-Press a Tarantino e ritorno

nelnomedjangodi Giuseppe Pollicelli*

Qualche tempo prima dell’uscita del controverso ma acclamatissimo “Django Unchained” di Quentin Tarantino, una pellicola capace di entusiasmare schiere di spettatori - realizzando incassi strepitosi - ma al tempo stesso di deludere parecchi tarantiniani di stretta osservanza (tra cui chi scrive), la casa editrice Cagliostro E-Press ha dato alle stampe un albo che celebra lo spaghetti western da cui tutto ha avuto inizio (“Django” di Sergio Corbucci) per mezzo del fumetto. Il tributo che Piero Viola (ai testi) e Luigi Mascolo (ai disegni) hanno reso al leggendario film interpretato da Franco Nero e José Bódalo va tuttavia in una direzione esattamente opposta rispetto all’operazione raffinata - e forse non del tutto compiuta - messa in piedi da Tarantino. In Nel nome di Django (64 pp. in b/n, euro 9,90, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) viene infatti trasposta in modo piuttosto fedele la vicenda narrata nel lungometraggio del 1966, in cui si racconta di come un reduce di guerra, appunto Django, si vendichi dell’assassinio della moglie sostenendo la causa dei rivoluzionari guidati dal generale Rodríguez contro l’esercito governativo capeggiato dal maggiore Jackson. La lineare sceneggiatura di Viola, ben servita dal solido bianco e nero «americaneggiante» di Mascolo, è rispettosa dello sviluppo cronologico degli eventi presente nel film di Corbucci, al più concedendosi qualche innovazione di superficie come, ad esempio, la notevole mascherina alla Zorro (o alla Lone Ranger) indossata da Django. Antitetico è il lavoro che, partendo dal film del 1966, ha compiuto Quentin Tarantino, il quale concepisce citazioni e omaggi esclusivamente alla stregua di suggestioni da filtrare attraverso il suo originalissimo immaginario, senza minimamente preoccuparsi di essere né ossequioso né filologico. Questo tratto fondamentale della poetica tarantiniana è stato messo a fuoco molto bene dal critico cinematografico Davide Pulici in un saggio ospitato sull’ultimo numero del mensile «Nocturno», in cui si legge: «A Tarantino non interessa far gare col passato e non vuole emulare nessuno. Le citazioni che fa, anche puntualissime, sono talmente affogate in un oceano cinematografico personale che passano inosservate anche quando le si nota, sfuggono e restano come un’idea vaga». Un fumetto come quello edito dalla Cagliostro E-Press non è dunque un’appendice o un surrogato di “Django Unchained” bensì un prodotto in qualche modo complementare al kolossal tarantiniano. Fermo restando che nulla di tutto ciò sarebbe mai esistito senza il capostipite firmato da Sergio Corbucci, titolo di punta di un cinema economicamente povero ma ribollente di un’anarchica inventiva - basti pensare, per rimanere a “Django”, alla scena iniziale col protagonista che si trascina dietro una bara o alla sequenza della mitragliatrice automatica, entrambe giustamente riprese dal fumetto di Viola e Mascolo - che il cinema italiano di oggi avrebbe un disperato bisogno di recuperare.

Per leggere gratuitamente in formato ebook "Nel nome di Django" clicca QUI. Per acquistare il volume con il 25% di sconto clicca QUI.

*Articolo originariamente pubblicato su Libero del 06/02/2012. Per gentile concessione dell'autore.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1378 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:853 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2780 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2854 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2604 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2873 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2097 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto