Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

RECENSIONE TUTTOTEX 558: “EVASIONE”

558tuttotex 1di Lorenzo Barruscotto.

Southville, Texas. 

La quiete della mattinata nel tranquillo villaggio viene improvvisamente interrotta da una furibonda sparatoria, la cui eco risuona per le vie dell'intero paese, richiamando l'attenzione degli stupefatti abitanti.

Ma che diavolo sta succedendo nel saloon e chi sono i suonatori di quel forsennato concerto?!

Chiedendo informazioni ad un paio di terrorizzati passanti che stanno correndo al riparo ci bastano poche parole per avere tutto chiaro: “Erano appena arrivati due stranieri e...”

Bravi, amigos, avete indovinato: si tratta solamente di Tex e Carson alle prese con un'altra normale giornata di lavoro. 

Il sopraggiungere dello sceriffo richiamato dal frastuono delle revolverate, ci permette di apprendere la natura della missione dei due Rangers: inseguire e sgominare una banda di rapinatori che si è macchiata di numerosi omicidi. Purtroppo il repulisti non è ancora finito, poiché l'elemento più pericoloso è riuscito a sgusciare via facendo perdere le sue tracce.

O meglio illudendosi di poterlo fare. E' infatti inutile ricordarvi che razza di mastini siano i due pards e quanto sia difficile seminarli se si mettono alle vostre calcagna. 

Ben intenzionati a non mollare l'osso, Aquila della Notte e Capelli d'Argento non ci metteranno molto a ritrovare la pista del fuggitivo, il quale in ogni caso dimostrerà di avere tutta l'intenzione di vendere cara la pelle, mettendo in pratica un paio di vecchi trucchi per dileguarsi.

Quello che era iniziato come un lavoro di routine per due tizzoni d'inferno del calibro dei Nostri, però, dopo che un sospetto si trasforma in una terribile realtà, diventa una faccenda maledettamente più complicata e rischiosa del previsto.

Tex si ritroverà da solo e con in mano una dannatissima patata bollente: la sua abilità nel ricostruire gli eventi accaduti leggendo il terreno e le tracce lo porteranno in una capanna abbandonata dove lo attende una gran brutta sorpresa. Un ricatto sotto forma di biglietto addirittura firmato di suo pugno dall'avversario che il Ranger stava inseguendo insieme a Carson modifica l'intera faccenda: ora è una questione personale.

L'abilità narrativa di Faraci porta il lettore a seguire il racconto su due strade separate che proseguono in parallelo e che già preannunciano scintille quando inevitabilmente si incroceranno nuovamente. Da un lato Tex che non ha altra via se non cercare di escogitare un piano al fine di portare a termine le richieste dei banditi alle quali si vede, almeno per ora, costretto a sottostare, e dall'altro Carson che si risveglia con un grosso bernoccolo sulla testa legato come un salame in una scalcinata stalla solamente per venire di lì a poco trasferito sempre prigioniero in un'umida grotta.

Non c'è che dire, il vecchio ranger dimostra una volta di più di avere nervi saldi e testa fina senza farsi prendere dallo sconforto ma anzi ostentando un atteggiamento di sfida nei confronti del pericolo che, se possibile, ce lo rende ancora più simpatico.

558tuttotex 3

"Disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo ad Ortiz"

I massicci disegni di Ortiz rendono perfettamente gli stati d'animo dei personaggi, che si tratti dell'ira mista a preoccupazione che leggiamo negli occhi di Tex o della bestiale furia abbruttita da un notevole grado di odio che appare sui musi dei banditi.

Ultimamente la fortuna sembra essersi proprio presa una vacanza, poiché anche Aquila della Notte ha il suo bel da fare inciampando in una serie di imprevisti che rallentano inevitabilmente la marcia verso il suo obiettivo: lo avrete già capito ammirando la splendida copertina carica di tensione ad opera del grande Villa, si tratta di far evadere un prigioniero da dietro le sbarre.

Una vera beffa per chi invece le prigioni solitamente contribuisce a popolarle.

Come se non bastassero gli “ordinari pericoli” causati dalla natura, visto che nel West la parola incidente spesso è sinonimo di brutta fine, si aggiungono al coro anche un gruppetto di “imprevisti a due gambe” per completare il quadro.

Immaginate quindi con quanta poca pazienza e voglia di perdere ulteriormente tempo nel parlamentare, Tex si presenti al penitenziario di Agua Negra…

Non si può però dire che colui nel quale si imbatte il Ranger sia un ottuso burocrate ed anzi in un'altra occasione saremmo anche propensi a dargli ragione ma adesso non possiamo andare troppo per il sottile. Non c'è altra scelta: è necessario giocare d'astuzia ed improvvisare, per portar fuori dal carcere quel tale, un certo Bount, a cui non sembra vero di poter lasciare quella topaia, anche se significa almeno temporaneamente allearsi con uno sbirro.

In effetti lo stupefatto bandito non si fa pregare né si pone troppe domande nemmeno dopo aver appreso il nome del suo inaspettato salvatore, risultando non del tutto antipatico al lettore, per quanto non si debba mai dimenticare che si tratta di un fuorilegge senza scrupoli che sarebbe pronto a tagliarci la gola alla nostra prima distrazione.

Dovrete quindi avere gli occhi anche dietro la nuca per evitare di incappare in brutte sorprese, sia durante la rocambolesca fuga cercando di seminare i secondini che si lanceranno al vostro inseguimento sia quando vi ritroverete nella prateria, diventata un immenso mare nero una volta calata la notte, in compagnia di quella ancora sostanzialmente sconosciuta canaglia.

Occhio, amigos, meglio non sottovalutare il vostro compagnio di viaggio. Non è detto, come invece sarebbe logico pensare, che gli stiate facendo un favore, evitandogli di continuare a vedere il sole a scacchi…

C'è qualcosa che ancora non sapete, un dettaglio che potrebbe costarvi molto caro, un particolare che potrebbe perfino ribaltare completamente la frittata e portarvi ad un passo dalla morte!

 

Soggetto e sceneggiatura: Tito Faraci

Disegni: Josè Ortiz

Copertina: Claudio Villa

Lettering: Renata Tuis

114 pagine

 

 

558tuttotex 2

"Disegno di Lorenzo Barruscotto, tributo a Barison"

 

 

Magazine

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:654 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:1193 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:874 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:1031 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:1023 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:550 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3893 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto