Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

TUTTO TEX 556: “MORTE NELLA NEBBIA”

 556di Lorenzo Barruscotto

Voi credete nei presentimenti?

Neanche se si tratta di un sogno premonitore che sveglia nel cuore della notte uno stregone Navajo?

Ed invece che mi dite delle coincidenze?

Dal canto mio posso dirvi che se è scritto che qualcosa deve andare storto allora andrà anche peggio. Non guardatemi così e prima di darmi del pessimista, più incallito anche del vecchio Carson, che invece loderebbe il mio “sale in zucca”, dovreste aver passato un po' di tempo con i piedi nei miei stivali e schivato i guai che mi sono piovuti addosso negli anni.

Oppure semplicemente leggere quest'albo...

In effetti anche in questa storia di fortuna se ne vede ben poca ed a Kit Willer, protagonista dell'avventura, avrebbe fatto bene conoscere i suggerimenti dell'uomo di medicina che dopo un sonno agitato confida i propri timori ad Aquila della Notte, ospite al suo villaggio mentre si prende un meritato riposo, dopo il burrascoso prologo a base di piombo di questo volume.

Più di una volta i quattro pards hanno fatto affidamento sui segni o sugli avvertimenti che un tramite di Manito forniva loro, naturalmente non prendendo tutto per oro colato però sempre dimostrando un profondo rispetto per le credenze degli uomini rossi e per la sapienza che gli sciamani dimostravano, forti anche delle molte primavere vissute.

La spiritualità era infatti una parte molto importante nella vita di ogni tribù indiana, diventava una presenza quasi palpabile che arrivava ad influenzare le scelte quotidiane, le battaglie e le decisioni dei capi, i quali si basavano molto spesso sulle parole dei loro veggenti e sui presagi.

Non serve sottolineare che anche allora erano presenti cialtroni di ogni tipo e che le cosiddette divinazioni potevano essere il frutto del consumo di droghe, del famigerato peyote, di funghi allucinogeni o semplicemente di una mente maligna ma è fuor di dubbio che invece altri dimostrassero insieme ad un eventuale misterioso potere soprannaturale una molto più umana saggezza ed un sano buon senso derivanti dall'esperienza e dall'età.

Come sapete se avete letto il trailer in seconda copertina, reso pieno di suspence dalla splendida cover di Villa, in questa storia ricompare quella simpatica canaglia di Bronco Lane, il giovane e snodatissimo ladro di cavalli che i Nostri avevano incontrato all'epoca del drammatico scontro con la banda di Jack Thunder. Lui ed il giovane Willer avevano legato seppur all'inizio si trovassero su fronti contrapposti ed infatti proprio per andare a trovare il suo amico, dopo essere venuto a sapere che si trova nei dintorni, Piccolo Falco si separa dai suoi compagni Navajos con i quali stava scortando un branco di cavalli verso il villaggio centrale, dove risiede.

Non è insolito che a Kit vengano affidati compiti di gestione degli affari della Riserva non solo perché è il figlio di Aquila della Notte, il quale ha in lui piena fiducia, ma anche perché è abbastanza in gamba ed esperto da non farsi fregare nelle trattative ed in grado di difendersi da solo.

Questo però non impedisce a Tex di rimanere sempre in apprensione verso il figlio e non serve la sfera di cristallo per capire che appena il Ranger annusa un minimo pericolo, è pronto a saltare in sella ed accorrere in suo aiuto.

Purtroppo quello che inizia potremmo dire come il volersi togliere un dubbio in seguito al presentimento di un padre, si tramuta in una inaspettata e tragica realtà: sulle tracce di Kit, Bronco ed un pugno di cowboys c'è una posse, un gruppo di volontari, costituita da più di quaranta uomini ben decisi ad eliminarli.

E per giunta li guida uno sceriffo!

Tex tributo a Font

 

Tributo ad Alfonso Font, disegno di Lorenzo Barruscotto

Gli essenziali disegni di Font, che ha firmato alcune delle più intense avventure nella storia recente di Tex, ben delineano le sensazioni che si susseguono nell'animo dei fuggitivi, nei loro inseguitori ed in chi insegue gli inseguitori. Si crea infatti un instabile equilibrio tra i certamente buoni ed i presumibilmente cattivi che già ci fa capire a cosa porterà questo preludio di crescente tensione: la resa dei conti tra chi sta dalla parte giusta sempre e comunque e chi invece non si capisce ancora perché diavolo agisca in un certo modo, inutilmente spietato e fanaticamente instancabile.

Nella fitta nebbia dei pascoli, tra le lugubri ombre della Foresta pietrificata, dalla riserva Navajo ad una “civilizzata” cittadina dell'Arizona dovrete mettere in pratica tutti i trucchi che conoscete se vorrete restare vivi. Arrendersi non è un'opzione a meno che non vogliate diventare un tetro ornamento per uno degli alberi della Black Valley.

In questa vicenda in cui non ha al fianco i tre pards ed in cui quindi dovrà fare del suo meglio per cavarsela e portare in salvo i suoi compagni, a Kit servirà tutta la sua esperienza di cercatore di piste per far sparire le proprie tracce, la sua abilità di cavaliere e di tiratore e la sua arguzia nel tentare di prevenire le mosse degli avversari.

Boselli ci permette di essere al corrente di ciò che succede a Kit e parallelamente mostra come Tex, pronto a tutto pur di salvare il figlio, tenti di raggiungerlo prima che sia troppo tardi e di come si metta in moto la macchina della Riserva con segnali di fumo, staffette e gruppi di guerrieri che cavalcano a pelo lanciati in corse sfrenate.

Vi imbatterete in mandriani, cacciatori di taglie, indiani, volontari, farabutti e sceriffi.

Nel West, come nella vita di tutti i giorni, a volte i presentimenti salvano la pelle.

Non soffocate mai la voce dell'istinto, che vi troviate in una sperduta valle percependo un nemico in agguato tra le rocce o che stiate parlando ad un uomo che sembra apparentemente ragionevole ma che invece si dimostra capace di colpirvi a tradimento venendo meno alla parola data.

Prima era un'eventualità poiché conoscendolo “non è improbabile che Kit si metta in qualche pasticcio” ma adesso ne avete la certezza: non c'è tempo da perdere, saltate in sella al fianco di Tex e Tiger Jack sulla pista di Piccolo Falco.

Tenetevi ben saldo il cappello sulla testa e spronate il vostro cavallo: per stare al loro passo, ci sarà da galoppare ventre a terra!

Soggetto e sceneggiatura: Mauro Boselli

Disegni: Alfonso Font

Copertina: Claudio Villa

Lettering: Renata Tuis

114 pagine


Magazine

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:358 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto

Il Duce, la storia di Mussolini che la Panini non vi farà mai leggere...

15-06-2019 Hits:492 Off Topic Super User

...Fumetto d'Autore ve la presenta corredata da un imprescindibile apparato critico. Dopo avere scoperchiato il caso della storia dedicata a Mussolini misteriosamente omessa dalla Panini, in nome della stessa libertà con cui M.M. Lupoi si riempe i profili social tutti i giorni, potete scoprire da soli se era da censurare...

Leggi tutto

Rinaldo Traini, un ricordo tra luci e ombre

05-06-2019 Hits:686 Autori e Anteprime Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Di sicuro per Rinaldo Traini, scomparso ieri, non assisteremo ad una beatificazione post mortem come è stato per Sergio Bonelli. Troppo divisiva la sua figura, e troppo ‘profondo’ l’impatto che ha avuto nella storia del fumetto italiano, profondo non nel senso positivo del termine, ma nel senso di...

Leggi tutto

L’Europa: grande assente dal fumetto italiano mainstream

29-05-2019 Hits:310 Critica d'Autore Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero Alcuni giorni fa si sono svolte le elezioni europee. Mi ricordo che anni e anni fa, le prime volte che si votava per il Parlamento Europeo ci si rideva su. Non si capiva a cosa servisse. Poi progressivamente ci si è resi conto (chi VUOLE rendersene conto, ovvio)...

Leggi tutto

Casa Cagliostro a Lucca 2018: Chi, Cosa, Dove, Quando, Perché

25-10-2018 Hits:3673 Critica d'Autore Redazione

Di Alessandro Bottero Anche per il 2018 Lucca vedrà nei giorni di Lucca Comics & Games l’evento Casa Cagliostro, cinque giorni Autonomi & #EscLUSive nel centro della città. Chi Casa Cagliostro non fa parte di Lucca Comics. È uno spazio autonomo, indipendente, autogestito (termine che fa molto anni ’70 e che...

Leggi tutto

L'Intervista - Alessia Mainardi e Casa Ailus, destinazione Lucca 2018

25-10-2018 Hits:3517 Autori e Anteprime Redazione

Lucca 2018 si avvicina, scopriamo tutte le novità del collettivo Casa Ailus insieme alla sua vulcanica "capitana", la scrittrice Alessia Mainardi. Fumetto d'Autore: Buongiorno Alessia. Vorresti presentarti ai lettori del nostro sito? Alessia Mainardi: Buongiorno a tutti i lettori di Fumetto d'Autore. Di me posso dirvi che mi chiamo Alessia Mainardi, di...

Leggi tutto

L'Intervista - Paul Izzo, sceneggiatore per tutti i gusti

15-12-2017 Hits:13114 Autori e Anteprime Giorgio Borroni

Oggi, qui in esclusiva su Fumetto d’Autore ho il piacere di intervistare un fumettista a 360 gradi, che può vantare esperienze che vanno dalla pubblicazione indipendente su web fino a collaborazioni con una testata del calibro di Diabolik. Ladies and Gentlemen, ecco a voi… Paul izzo! FdA: Benvenuto su FdA, Paul, tolgo...

Leggi tutto