Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Moleskine Domenicale » Monicelli e il Fumettomondo

Moleskine Domenicale #01

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore. Tutto rigorosamente in corsivo.

Monicelli e il Fumettomondo

di Giorgio Messina

Come tutte le rubriche che si rispettino, anche Moleskine, che esce il lunedi, mercoledi e venerdi, avrà saltuariamente, la sua estensione domenicale. E per inaugurare questo ulteriore spazio pubblicato nel giorno del Signore, ho scelto come argomento il suicidio di Mario Monicelli.

Che c'entra la morte che si è inflitta uno dei più grandi registi del cinema italiano con il fumetto? C'entra, c'entra. C'entra nella misura in cui nel mondo del fumetto, grazie ad alcuni suoi eminenti personaggi, ormai non se ne perde una per fare capolino e dire: "hey, mondo che sei là furori,ci siamo anche noi, fumettari". Spesso però il risultato finale di questo fare capolino forzato volta la tragedia in commedia.

Passiamo dunque ad illustrare una breve rassegna di alcune di queste fumettare rimembranze del Sor Mario.

Cominciamo con Stassi, capopolo degli Stati Generali, da quel di Barcelona, ricorda così Monicelli:

"2 anni fa ho avuto l'onore di conoscerlo e di chiaccherare un po' con lui. Non amava che lo chiamassero maestro, mi disse chiamami Mario."

Il breve epitaffio è preceduto dal ritratto del "maestro" che segue, realizzato dallo stesso Stassi  Più che assomigliare a Monicelli, sembra curiosamente assomigliare a Vito Ciancimino. Vuoi vedere che a forza di disegnare fumetti antimafia poi si finisce pure per fare incosciamente confusione fisionomica?

Moncelli visto da Claudio Stassi

L'immancabile Michele Ginevra (non si perde di commentarne una, bontà sua per quanto gliene è riconoscente questa rubrica) invece lo inizia a ricordare prima così:

"La morte di Monicelli era ampiamente attesa, vista la prontezza con cui sono state pubblicate gallery di foto e approfondimenti..."

Chiosa finale di Ginevra, mischiando suicidio ed eutanasia come mele e pere, dedicata al dibattito sul fine vita:

"Ha voluto rimanere il più vivo possibile. E quando è stato informato che la malattia sarebbe stata pesante ha deciso di farla finita. E questa scelta ci riporta al dibattito sulla possibilità o meno di staccare la spina. Lui ha potuto e voluto scegliere."

Il giornalista Gianluca Testa, fa eco a Ginevra e al gesto di Monicelli:

"Il padre Tommaso morì suicida. Così è stato anche per Mario Monicelli, che a 95 anni non l’ha voluta dar vinta alla morte e l’ha anticipata gettandosi drammaticamente da quel quinto piano. Tutti ora parlano della sua “grave malattia”. Credo però che gli pesassero di più la cecità e la sordità. Per uno come lui, che ha raccontato settant’anni di storia e società italiana, essere tagliato fuori per colpa di percezioni sensoriali fallaci deve aver rappresentato un peso insopportabile. Comunque è inutile, ora, interrogarsi sui ‘perché’.
Un personale ricordo passa attarverso questa breve intervista video raccolta per LoSchermo da Stefano Giuntini e Carlo Cianti, pubblicata sul mio canale YouTube: Mario Monicelli, a Lucca Comics & Games 2008, parla di “Capelli lunghi”, graphic novel disegnata da Massimo Bonfatti e ispirata a un soggetto scritto dal regista (per favore, non chiamatelo ‘Maestro’) negli anni settanta. “Vorrei essere stato un fumettaro invece di un cinematografaro” disse Monicelli."

Vorrei essere stato un fumettaro, dice Monicelli... Roberto Recchioni, fumettaro romano doc, era talmente sconvolto per la morte di Monicelli che nella prima versione del suo post sul tragico epilogo del maestro, che non voleva essere chiamato maestro per ricordarlo ,mette una foto (ora cancellata) tratta da Il Sorpasso di Dino Risi... e poi plaude al suicidio con queste parole:

"Ecchecazzo.

(comunque sia, se stava come dicevano che stesse, ha fatto bene)."

Un autore come Recchioni che esce ed entra dagli ospedali, come lui stesso racconta pubblicamente sul suo blog, che plaude al suicidio fa riflettere...
Chiudo questa rappresentativa carrellata di ricordi di Monicelli provenienti dal mondo del fumetto con l'intervento da Libro Cuore di Mario Uzzeo:

"Perchè non t’ho mai avvicinato tutte le volte che ti ho visto da lontano.
E tutte le volte che mia sorella ti passava davanti mentre andava all’università e tu te ne stavi nel tuo bar solito e lei mi chiamava per dirmi: “Ehi se passi ora lo conosci, tanto per almeno un’ora resta qua!”

Sei l’unico per cui ho provato un timore reverenziale tale da non essere riuscito neanche a stringerti la mano.
Neanche quella volta al festival di Venezia perchè lo so che avrei preferito abbracciarti.

Ho sempre rimandato.
Non ora, dai."

Il novello regista Gipi, invece preferisce il silenzio per ricordare l'illustre collega scomparso e così sul suo blog non pubblica nulla inerente alla morte di Monicelli.

Ma Monicelli che pensava davvero del suicidio? I blogghers del fumettomondo sono quasi tutti troppo occupati a trasformare il gesto disperato di Monicelli (chi si suicida perchè è malato terminale è un disperato...) per non rendersi conto nemmeno di come ill grande regista si era espresso sull'argomento in un articolo pubblicato a settembre 2010, prendendo per spunto la morte del padre, anche esso suicida:

"Ma mio padre, che durante il Ventennio era stato estromesso poiché antifascista, non fu affatto reintegrato nel suo vecchio lavoro. Continuò a essere un emarginato, anche perché nei posti che contavano erano rimasti quelli che c'erano durante il regime. E questo lo portò al suicidio. Fu un gesto sbagliato, niente affatto eroico, che cinematograficamente potrebbe essere raccontato all'interno di una storia piena di sarcasmo. Ma maturò proprio dentro questa cornice di comprensibile amarezza e indignazione."

Caro Mario, io che non sono nessuno, che non sono un autore di fumetti, e che nel settore valgo come il due di picche quando la biscola è a bastoni,  che con te non ho in comune niente se non la visione dei tuoi film che ho tanto apprezzato fin da ragazzo, da quaggiù, dove i problemi sono di chi resta e non di chi se ne va di sua volontà, ti dico che la tua morte suicida è stata come quella di tuo padre: un gesto sbagliato, niente affatto eroico.

E per spiegare meglio questo mio punto di vista sul tuo suicidio e sulla voltata in gabbana che se ne è fatto mi aggrappo all'articolo che propongo di seguito, scritto dal giornalista Davide Giacalone.
Io invece ti saluto qui, caro Mario, che non ti ho conosciuto, e che non mi sarebbe nemmeno interessato farlo se non mi fosse capitato per caso. E ti saluto come si saluta un grande uomo che ci ha lasciato un gran patrimonio culturale, che come regista era (quasi) indiscutibile, ma che come uomo però all'ultimo non è stato coerente con se stesso e con quello che pensava del suicidio, lasciando tra se e questa corenza benedetta da Dio, una maledetta ringhiera di un balcone di un quinto piano di un nosocomio scavlacata con una scelta che un grande uomo non dovrebbe fare mai. Ciao Mario, ci vediamo nei tuoi film e speriamo che nessuno pensi mai a farci un fumetto o una storia sulla tua vita e sulla tragica morte che ti sei inflitto a 95 anni, perchè i tuoi film già parlano per te e non hanno bisogno di ulteriori orpelli.

03-12-2010

Suicidio della ragione

di Davide Giacalone

Se la danza, macabra e grottesca, attorno alla bara del suicida Mario Monicelli avesse incontrato un osservatore altrettanto bravo e cinico quanto il morto, oggi si troverebbe ad essere cammeo dei nuovi mostri italiani, intontiti dal conformismo e tramortiti dall’omologazione.

Sono laico abbastanza da ritenere la vita faccenda di questo mondo. Ragionevole quanto basta per sapere che il suicidio è parte della vita e che l’omicidio per pietà, che chiamiamo “eutanasia”, si pratica nella penombra del dolore, più che sotto i riflettori della televisione. Da sempre. Sono umano appena il necessario per capire che un novantacinquenne che si butta dal balcone è un disperato, non un coraggioso. Sono stufo oltre il consentito di un’Italia ove la scomparsa delle ideologie comporta l’ideologizzazione di tutto, anche della morte. Sicché non mi trattengo dal dire che un suicidio come quello di Monicelli non si commenta, lo si osserva come fatto compiuto, e se si apre bocca per far uscire il profluvio di sciocchezze che ho sentito, allora non si conti sul cordoglio per garantirsi l’omertà.

Gente come Ettore Scola o Paolo Villaggio hanno voluto rendere omaggio al “coraggio”. Quale coraggio? Monicelli ha vissuto una vita bellissima e straordinaria, dedita a un’arte che gli ha guadagnato (giustamente) ogni privilegio. E’ arrivato ad un’età che molti invidiano e tanti non agguantano. Cosa lo ha spinto a suicidarsi non lo sappiamo e non lo sapremo mai. Può essere che non gli mancava nulla, tranne la voglia di vivere. Può essere che ha immaginato un’uscita dalla scena non propriamente in punta dei piedi. Ma il coraggio ci vuole per scelte diverse, per vite meno celebrate, per sentimenti meno esibiti.

Può essere coraggioso un suicidio? Sì, può esserlo: quando parla ai vivi e dice quel che, altrimenti, non sarebbe stato possibile dire. Un esempio? Sergio Moroni, che si sparò una fucilata in testa perché fosse letta la sua lettera denuncia ai colleghi parlamentari. Ma il presidente d’Aula, quel giorno, non la lesse. Monicelli non ha parlato ai vivi, ha chiuso il discorso con sé stesso.

Si può “rispettare la scelta”, come ha fatto il Presidente della Repubblica? No. Si può prenderne atto, e punto. Ma annunciare ai vivi che la si rispetta, quindi la si onora, significa dimenticare che il nostro codice penale punisce (articolo 580) anche chi “rafforza l’altrui proposito di suicidio”. Se si prende il cadavere del suicida e lo si alza agli altari della gloria terrena, interpretando il suo gesto come compimento d’un trionfo, il tutto per non ammettere l’ovvio, ovvero la disperazione alimentata dalla solitudine, si compie operazione assai pericolosa. Per disintossicarcene sarà bene riprendere in mano “Il mestiere di vivere”, di Cesare Pavese.

Cosa c’entra Monicelli con l’eutanasia, totem sacro o sacrilego attorno al quale hanno ripreso a dimenarsi le polemiche? Era incapace d’intendere? No. Era incapace di volere e agire? No. Viveva, con dolore, in funzione di una macchina? No. Non ne poteva più, voleva farla finita, sentiva l’attrazione del gesto paterno (anche il padre si suicidò), o non so cos’altro, ma non c’entra nulla l’eutanasia.

Alla vista della bara i presenti hanno intonato “Bella Ciao”. Una canzone che non è partigiana manco per niente, ma che come tale la si canta. E passi, tanto, di quegli anni, si coltivano più i miti e le bugie che non la storia. Il fatto è, però, che Monicelli non fu partigiano, pur avendone l’età, ma continuò a fare il mestiere durante il fascismo, come la stragrande maggioranza degli italiani, e, anzi, si mise al vento dei nuovi stabilimenti cinematografici di Tirrenia, voluti da Benito Mussolini. Poi, però, fu comunista. Comunista uguale partigiano. A gente che pensa ancora di queste castronerie cosa gli vuoi dire, se non che la suprecazzola prematurata ha lo scappellamento a destra?

Il colmo della disgrazia, per un cinico dissacratore, è quello d’essere commemorato dalle prefiche del conformismo, con il luccicone a favore di telecamera. Il massimo del gramo destino è avere guidato all’esibizione tanti interpreti del proprio pensiero, per poi vedersi accompagnati all’ultima buca da un codazzo d’esibizionisti senza alcunché da esibire. Il mio omaggio alla memoria va contropelo, perché non è falso.

In chiusura: ma chi era davvero Mario Monicelli? Ce lo ricorda Diego Cajelli sul suo blog:

In ordine quasi casuale e decisamente incompleto:
Onofrio del Grillo, Gasperino il carbonaio, Olimpia, Pompeo, Aronne Piperno, don Bastiano, Ricciotto, il conte Rambaldo, il capitano Blanchard, don Sabino, Camilla del Grillo, Genuflessa del Grillo, la Marchesa del Grillo, Mons. Terenzio del Grillo, Faustina, Marcuccio.
Giovan Maria Catalan Belmonte.
Giuseppe "Peppe er Pantera" Baiocchi, Mario Angeletti, Cosimo, Norma, Nicoletta, Carmelina Nicosia, Pierluigi "Capannelle", Michele "Ferribotte" Nicosia, Tiberio, Dante Cruciani.
Oreste Jacovacci, Giovanni Busacca, Costantina, Bordin, capitano Castelli, tenente Gallina, maggiore Venturi.
Brancaleone da Norcia, Teofilatto dei Leoni, Matelda, Pecoro, Teodora, Zenone, Abacuc.
Assunta Patanè, Dott. Osborne, Vincenzo Macaluso.
Raffaello "Lello" Mascetti, Rambaldo Melandri, Giorgio Perozzi, Guido Necchi, professor Alfeo Sassaroli, Niccolò Righi, Alice Mascetti, Carmen Necchi, Donatella Sassaroli, Titti, Nora Perozzi.
Giovanni Vivaldi, Amalia Vivaldi, Mario Vivaldi, Dr. Spaziani.
Re Boemondo, Tiburzia da Pellocce, Berta d'Avignone, Pattume, Colombino, Panigotto da Vinegia
Thorz, Pantaleo, Rozzone, Taccone, Zenone.
Il mitico Cippa.

Titoli di coda.

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1233 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:770 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2670 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2754 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2529 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2776 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2006 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto