Fumetto d'Autore ISSN: 2037-6650
Dal 2008 il Magazine della Nona Arte e dintorni - Vers. 3.0 - Direttore: Alessandro Bottero
A+ A A-

Lucca: non solo Comics ma anche speculazione e maleducazione dei commercianti

moleskineMoleskine #03

Appunti di viaggio nel mondo del fumetto, attraverso i suoi protagonisti e l’informazione di settore. Tutto rigorosamente in corsivo.

Lucca: non solo Comics ma anche speculazione e maleducazione dei commercianti

di Giorgio Messina

Dell'ultima Lucca C&G si è detto di tutto e di più. Ma si è parlato molto poco, anzi quasi niente di come la più grande manifestazione nazionale dedicata alle nuvole parlate sia stata vissuta dai commercianti lucchesi durante i quattro giorni di fiera.

Nel mio moleskine, così, è finito l'articolo che vi propongo di seguto su questo argomento, scritto da Stefani Giuntini, lucchese direttore de LoSchermo.it.

Faccio solo una piccola considerazione a monte, è vero che tutto il mondo è paese, ma non è Lucca che fa un favore a ospitare 140.000 persone, il cosidetto "popolo dei comics"... ma è appunto questo variegato, rumoroso e numeroso  popolo dei Comics che in quattro giorni porta molto favore a Lucca.

04-11-2010 / editoriale / Stefano Giuntini

LUCCA, 4 novembre - Devo dire a malincuore che, in tanti anni di "Lucca Comics & Games" (li seguo da sempre, anche se scrivo di essi solo dal '96, prima per "La Nazione" e adesso come direttore de "LoSchermo.it"), ho notato una certa tendenza di molti esercenti a "spremere" i visitatori tramite aumenti significativi di prezzi riservati ai giorni della fiera.

D'altronde anche il Comune, nell'occasione, si inventa parcheggi a pagamento - gratuiti il resto dell'anno - applicando a essi cifre forfettarie pur di "far cassa".

Va detto però, senza ipocrisia, che ciò è comprensibile perché fa parte delle regole del mercato e succede quindi ovunque. Ciò di cui non mi capacito, invece, è la maleducazione e l'indisponenza che ho visto tenere da certi commercianti lucchesi (per fortuna una minoranza) nei confronti del popolo dei Comics, quasi come se il volume di "superlavoro" di questi giorni - con la relativa stanchezza e nervosismo - fosse una giustificazione per far venir meno il rapporto di cordialità che si è tenuti professionalmente ad avere con un cliente fonte di guadagno per l'attività che si porta avanti.

Ecco - dopo aver sentito diverse lamentele dei visitatori - mi sono recato personalmente in alcuni degli esercizi "incriminati" (non mi pare davvero il caso di fare nomi) riscontrando - quando è andata bene - un atteggiamento freddo e distaccato da parte del personale nei confronti di chi faceva la coda per acquistarvi il pranzo e magari riempire le casse di euro.

Altre volte ho assistito a risposte secche e maleducate, o addirittura a veri e propri litigi fra gli stessi esercenti al lavoro, con decine di clienti in fila dietro al banco che osservavano allibiti la scena.

Sia chiaro, non voglio generalizzare, ma credo che certe manifestazioni siano significative dell'approccio che certi commercianti hanno con il popolo della manifestazione: solo portafogli da spremere e non persone da rispettare.

E questa "cultura", al di là delle regole di mercato che fanno lievitare i prezzi, deve cambiare.

Non solo perché, come si dice da queste parti, "non si sputa nel piatto dove si mangia", ma anche per un semplice senso di civiltà. E' una vergogna trattare così i visitatori, soprattutto se portano un indotto economico non indifferente.

Certa gente dovrebbe imparare non solo quanto sia sacra l'ospitalità, ma anche un'educazione di base che potrebbe essere illustrata loro dall'Ascom stessa (che per la cronaca è l'Associazione commercianti locale) nel prossimo volantino interno, da stampare assieme a quelli (illegibili, nei caratteri microscopici) che vengono giustamente distribuiti ai visitatori per indicare loro dove possono spendere denaro a favore degli iscritti alla già citata associazione.

Non sarebbe un cattivo investimento, tutto sommato. Anche bastasse solo a non far sbattere le saracinesche in faccia alla gente nel pieno di un temporale e a un minuto dall'orario di chiusura (un po' di elasticità, almeno). Sarebbe già un inizio.

Ultima cosa: ben venga il porchettaro alla stazione, anche se sgradevole alla vista, perché altrimenti dopo una certa ora non ci sarebbe dove mettere sotto i denti qualcosa. E ben vengano i distributori automatici di vivande (sempre riforniti per tutta la manifestazione): riempiamoci tutta la città nel periodo dei Comics.

Perché nella tanto celebrata qualità del servizio offerto c'è anche la cortesia, la possibilità di avere un bar dove entrare e ripararsi dopo le 20, se fuori piove a dirotto.

Alla fine è tutta una questione di priorità e queste non sono mancanze da poco, perché percepite nettamente dai visitatori.

Chiedetelo ai circa duecento partecipanti al gioco di ruolo dal vivo finito sabato a mezzanotte a Villa Bottini e spiegategli, se potete, che la sgradevolezza dell'impatto visivo del furgone dei panini è prioritaria rispetto al bisogno di riempirsi lo stomaco sotto la pioggia battente, in un centro storico  dove non ci sono - a quell'ora - altre possibilità di rifocillarsi che i porchettari e i distributori automatici tanto sgraditi agli esercenti indigeni eppure altrettanto essenziali a chi in quei giorni indigeno non è.

L'articolo riportato potete trovarlo QUI e se ne avete voglia leggete anche i commenti. Dicono tant'altro.

 

Magazine

INTERVISTA ESCLUSIVA CON MORENO BURATTINI su "Zagor - Darkwood Novels"

26-07-2020 Hits:1252 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

   Ritratto ad opera di Lorenzo Barruscotto, autografato dallo stesso Burattini.     Buongiorno e grazie per il suo tempo. Facciamo quattro chiacchiere sulla nuova miniserie di Zagor “Darkwood Novels”.   - Nel primo volume viene presentata ai lettori questa nuova iniziativa editoriale targata Spirito con la Scure anche con dotte citazioni e riferimenti ai Dime Novels...

Leggi tutto

L'Intervista - Kirby Academy, a Cassino un punto di riferimento unico per chi vuole fare fumetti

17-01-2020 Hits:784 Autori e Anteprime Super User

A cura della redazione L'Associazione Culturale Cagliostro E-Press, ha 15 anni alle spalle di meritoria attività di scountng di nuovi talenti e diffusione del media fumetto sul territorio nazionale: la storia dell'Associazione, sempre presente alle principali fiere di settore, racconta di più di 150 volumi pubblicati in questi tre lustri e...

Leggi tutto

Saggio e analisi di "TESLA AND THE SECRET LODGE"

17-12-2019 Hits:2695 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

 La cover variant (a sinistra) e quella ufficiale (a destra)   Ucronia. Cosa significa questa parola? Con tale termine viene indicato un genere di narrativa fantastica basato sulla premessa che la storia del mondo abbia seguito un corso alternativo a quello reale. Deriva dal greco e significa letteralmente “nessun tempo”, analogamente a come...

Leggi tutto

Intervista con OSKAR su ZAGOR

17-12-2019 Hits:2770 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    Facciamo quattro chiacchiere in merito al volume “L'eroe di Darkwood”, il sesto e conclusivo della mini serie “Zagor – Le Origini” che ha visto Oskar, nome d'arte di Oscar Scalco, classe 1971, disegnatore con all'attivo numerosi traguardi prestigiosi, impegnato ai disegni sui testi di Moreno Burattini. Le sue due opere che vedrete di seguito sono presenti...

Leggi tutto

Moleskine 125 » Quella falsa differenza tra Fumetto e Graphic Novel

30-08-2019 Hits:2540 Moleskine Conte di Cagliostro

Sottotitolo: Artibani e Recchioni avanti, dietro tutti quanti (Plazzi compreso) per piacere di Topolino. di Conte di Cagliostro Houston il fumettomondo ha un problema. Ci sono dei pazzi che vanno in giro spacciandosi per Francesco Artibani, Andrea Plazzi e Roberto Recchioni? O Artibani, Plazzi e Recchioni sono pazzi? Ricapitoliamo. Qualche giorno fa, il...

Leggi tutto

RECENSIONE CARTONATO DEADWOOD DICK "TRA IL TEXAS E L'INFERNO"

29-07-2019 Hits:2791 Critica d'Autore Lorenzo Barruscotto

    "Avete mai fatto caso che nella vita ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto in…alberare?” Ecco, quel qualcuno è Deadwood Dick. Mutuandola ed adattandola per i nostri scopi, la celeberrima frase pronunciata da un granitico Clint Eastwood in “Gran Torino” serve perfettamente a delineare il carattere del personaggio...

Leggi tutto

Moleskine 124 » Quando scappa un fumettosauro dallo zoo del fumettomondo

15-06-2019 Hits:2020 Moleskine Conte di Cagliostro

di Conte di Cagliostro Interrompiamo il silenzio di questa disgraziata rubrica su questo disgraziatissimo sito, perchè pare che sia scappato il fumettosauro dallo zoo del fumettomondo. Per sgombrare subito il campo da qualsiasi possibile dubbio, durante la nostra assenza dal vergare queste righe siamo diventati grandissimi estimatori del famigerato Sauro Pennacchioli...

Leggi tutto