Logo

L'Editoriale. Ma Recchioni si ritira o no?

comiconDi Alessandro Bottero

Vi ricordate Napoli Comicon 2017? Vi ricordate il Magister? Sono sicuro di sì. La cosa che  forse non ricordate è che il Magister sul palco del Napoli comicon 2017  aveva detto che si prendeva una pausa cme AUTORE. Senza specificare se autore di albi unico, o seriali. Come AUTORE. Non come curatore di Dylan Dog, ma come AUTORE. Ossia se uno ascolta cosa dice lo stesso Recchioni sul palco del comicon di Napoli da quel momento IN TEORIA Recchioni come AUTORE avrebbe dovuto  prendersi una pausa.

L’ha fatto?

No.

Ora…. Cambiare idea è un diritto sacrosanto di tutti ovvio. Però basta dirlo. “ho cambiato idea.  Non mi prendo più una pausa. Scrivo lo stesso per Cosmo, Feltrinelli, Star, e chiunque me lo chieda”. Che ci vuole?

Invece  è un po’ più difficile   pretendere che  da quel che si ascolta qui  la gente  debba capire al volo che il senso era “mi prendo una paura dalla SERIALITA’”. Anche perché quale serialità? Dylan Dog? Ma Recchioni non è l’AUTORE di Dylan Dog. È il CURATORE. Nessun CURATORE può essere un autore SERIALE. Un autore seriale deve dedicarsi  solo alla serialità. Come fa a curare  decine di altri progetti? Quindi qui  Recchioni diceva che si prendeva una pausa dall’essere autore a tutto tondo. Per due o tre anni. E faceva solo il curatore di Dylan Dog.

Poi ha cambiato idea

Succede.

Bonelli, Cosmo, Feltrinelli Comics, Star Comics…. Dimentichiamo qualcosa?

 

PS.

Per non si fida ecco il video con la dichiarazione

https://www.youtube.com/watch?v=9PM5ZF9h4FY&feature=youtu.be

Template Design © Joomla Templates | GavickPro. All rights reserved.